BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ventiquattro rettori da tutto il mondo a Bergamo per l’Anno Accademico

Lunedì 3 marzo l'inaugurazione dell'anno accademico: la città diventerà per un giorno luogo di incontro dell'Università Italiana e internazionale. Tra i partecipanti 24 Rettori di Università italiane ed estere. Ospite d'onore Jürgen Renn.

Lunedì 3 marzo al teatro Donizetti si tiene la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico dell’Università degli Studi di Bergamo.

Per l’occasione la città diventerà per un giorno luogo di incontro dell’Università Italiana e internazionale.

Ospite d’onore sarà il professor Jürgen Renn, Direttore di uno degli enti di ricerca più prestigiosi del mondo, il Max Planck Institut für Wissenschaftsgeschichte di Berlino.

Nel corso dell’evento Jürgen Renn, che parla un perfetto italiano, sarà protagonista della prolusione “The Knowledge We Need. From the History of Science to the Evolution of Knowledge” (La conoscenza di cui abbiamo bisogno. Dalla storia della scienza, all’evoluzione della conoscenza).

Oltre al professor Renn, ventiquattro i Rettori ospiti della cerimonia, provenienti da Atenei italiani e stranieri, a cui si aggiungerà Stefano Fantoni, Presidente ANVUR, Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca.

L’Università degli Studi di Bergamo sceglie di aprire un dialogo su un piano cosmpolita” con le relazioni internazionali con altri enti di ricerca e formazione ospiti dell’evento e su quello con il territorio coinvolgendo non solo il Conservatorio G. Donizetti” di Bergamo e tutti i dirigenti delle scuole superiori di città e provincia e agli studenti.

Alla cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico non mancherà la relazione del Rettore Stefano Paleari, con un suo intervento sull’università del futuro,  sulle tematiche affrontate nella recente lettera scritta in veste di Presidente della Conferenza dei rettori delle Università italiane al nuovo Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Ecco come il Rettore anticipa la sua relazione in occasione dell’Anno Accademico: «Penso a una nuova Università, un’idea futura di Università, che viene condivisa proprio nei giorni in cui si sta formando un nuovo governo da cui tutto il mondo accademico si aspetta forte discontinuità. Nel discorso che terrò in occasione dell’apertura dell’Anno Accademico dell’Università degli Studi di Bergamo saranno attaccati fortemente molti luoghi comuni e sirene che hanno affascinato il mondo della politica per quanto riguarda l’istruzione. L’idea futura di Università in questo senso sarà caratterizzata da una chiave di lettura europea, talvolta in antitesi a quella più comune relativa ai paesi anglosassoni. Da un’Università futura, il discorso alle nuove tecnologie e ai social network, all’impatto che hanno sulla creatività e la progettualità di individui e istituzioni. Il risultato sarà un ritratto dell’università come specchio della società, che trasformerà la relazione in una rifessione a tutto campo sulle tendenze future. Tra necessità di memoria e dittatura del presente, essenziale si rivela oggi non perdere di vista la marcia, la destinazione e lo stato dell’equipaggio della nave».

Musica da Bergamo e tecnologia d’eccezione d’Oltralpe.

Dopo le proiezioni a led sui quadri di Lorenzo Lotto realizzate in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Accademico 2012-2013, quest’anno solo alcune notizie trapelano riguardo all’intermezzo tecnologico: una performance high tech proveniente da Oltralpe è tutto quello che ad oggi è stato rivelato.

Non mancheranno gli intermezzi musicali frmati dai musicisti del Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo.

PROGRAMMA – INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2013-14

Ore 15.45-16.15 Accoglienza invitati ore 16.45 Corteo accademico – Preludio musicale Ensemble Ottoni del Conservatorio «Gaetano Donizetti» di Bergamo – Saluto delle Autorità e interventi del Rappresentante degli Studenti e del Personale tecnico-amministrativo –  Intermezzo tecnologico – Relazione del Magnifco Rettore Stefano Paleari – Prolusione di Jürgen Renn (in italiano) The Knowledge We Need. From the History of Science to the Evolution of Knowledge La conoscenza di cui abbiamo bisogno. Dalla storia della scienza, all’evoluzione della conoscenza.

Finale musicale a cura del Conservatorio «Gaetano Donizetti» di Bergamo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angilberto

    Bene, la nostra università è fra le poche cose che a Bergamo funzionano davvero. Grazie soprattutto a Paleari. Altro che grandeur è quì che ci si gioca il futuro!!!!!!!

    1. Scritto da Bene?!...

      “tra le poche cose che a Bg funzionano davvero”…le altre cose (quali?) ringraziano. Che funzioni davvero l’Unibg…ci sono dati che non dicono proprio così. Vuoi mettere Pisa, Venezia, Bocconi, Cattolica di Mi…? bazzecole….

      1. Scritto da angilberto

        Le altre poche cose sono: La bellezza di Città Alta, la sanità, il Km rosso, le opere artistiche e culturali di BG, l’aeroporto, la fiera, le Aziende sane di BG e i cittadini onesti di BG. Forse ho dimenticato qualche cosa, ma non è molto per una terra che dovrebbe avere almeno altre centinaia di eccellenze.

  2. Scritto da scettico

    Grandeur per cosa?….e i soldi chi li caccia?