BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dal San Martino al Marelet La famiglia Colleoni si allarga a Treviglio fotogallery

Forte del successo e della stella Michelin conquistata al San Martino, la famiglia Colleoni ci riprova col Marelet, sempre a Treviglio: un hotel con 18 camere, bistrot, bar e pasticceria che nasce tutto in una logica di ecosostenibilità.

Ristorante, hotel, bistrot, Spa, enoteca, sala meeting: il San Martino di Treviglio è in grado di soddisfare a 360 gradi le necessità di clienti affezionati e nuovi, forte di una stella Michelin che conserva da ormai 20 anni e di un restyling tutto nuovo, iniziato nel 2005, che ne ha rinnovato l’aspetto senza tradire la tradizione.

Punto di forza dello storico locale trevigliese è senza dubbio il ristorante, passato dalle mani di Beppe Colleoni a quelle dei figli Marco e Vittorio che lo portano avanti seguendo gli insegnamenti del padre e basandosi sempre su prodotti di alta qualità.

All’altro fratello, Paolo, il compito invece di gestire la cantina “Vini&affini”, una piccola boutique dell’appassionato sempre fornita di ottimo vino e prodotti di qualità e alla ricerca di nuovi sapori, di dirigere il servizio e di occuparsi dell’accoglienza.

Frutto del restyling da poco completato è lo “Smartino”, il bistrot per il pranzo dove viene proposta la stessa cucina del ristorante in una nuova logica di tempi e costi contenuti. La struttura mette a disposizione 12 camere e 3 junior suite complete di ogni confort e servizi: per il benessere della propria clientela sono state realizzate una palestra attrezzatissima e una Spa privata mentre per i clienti business, all’ultimo piano dell’edificio interno, è stata realizzata una Sala meeting con terrazza privata che diventa location ideale per l’organizzazione di workshop, presentazioni, cene o eventi.

Una storia di successo, quella del San Martino, che la famiglia Colleoni vuole ripetere, sempre a Treviglio, all’incrocio tra via Terni e via Battisti, dove sono partiti i lavori di riqualificazioni di uno spazio prestigioso dove nascerà il Marelet, una nuova struttura ricettiva al servizio della città affacciata verso il verde dell’unico parco del centro storico: un hotel con 18 camere, bistrot, bar e pasticceria con servizio continuativo, che sorgerà in una logica di ecosostenibilità che lo porterà ad essere il primo edificio prefabbricato in legno del centro di Treviglio.

Pareti e solai realizzati con setti in legno e i tamponamenti con pannelli strutturali chiodati permetteranno un maggior rispetto dell’ambiente anche durante le fasi produttive, con materiali da costruzione naturali e non sofisticati, rigenerabili, eco-compatibili e privi di emissioni nocive. Qualità ed efficienza energetica saranno le caratteristiche principali di un edificio tecnologicamente avanzato e in classe A, grazie all’utilizzo della geotermia per lo scambio termico e del fotovoltaico per la produzione di energia.

Facendo leva sull’esperienza e sulla professionalità maturata negli anni con il San Martino, la proposta del Marelet sarà rivolta ad un pubblico che oggi ha una richiesta di qualità ad un costo contenuto ed in linea con le esigenze del mercato attuale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    L’Italia di oggi è orribile. La sua classe dirigente usa a sproposito le lingue straniere perché non vuole conoscere veramente l’italiano; inaugura il bistrot, il roof garden e la boutique del grissino perché vuole che il costo del prodotto non abbia più nessun rapporto con un valore plausibile; insieme alla politica, utilizza il lusso per distruggere la normalità, la bellezza e la semplicità.