BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da “Storia d’inverno” a “Lone Survivor” Al cinema in settimana

Tra i titoli in programma nelle sale cinematografiche di Bergamo e provincia spiccano il film di fantascienza, che nel cast vanta la presenza di Russll Crowe, e di azione. Non mancano “12 anni schiavo”, “Sotto una buona stella” e “Monuments Men”. Ecco dove poter andare a vedere ogni pellicola.

La settimana dei cinema di Bergamo e provincia si apre all’insegna della fantascienza e dell’azione. Sono questi, infatti, i generi che distinguono, rispettivamente, “Storia d’inverno” e “Lone Survivor”. Nei cartelloni delle sale cinematografiche, inoltre, non mancano i titoli del momento, come “12 anni schiavo”, “Sotto una buona stella”, “Monuments Men” e “Belle e Sebastien”.

Vi rpoponiamo la programmazione dei cinema della bergamasca da lunedì 24 a mercoledì 26 febbraio.

LUNEDI’ 24 FEBBRAIO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035248330

"The Wolf of Wall Street”, 180min – Thriller – Doppiato, alle 21;

“Tutto sua madre”, 85min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“12 anni schiavo”, 133min – Drammatico – Doppiato, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in Piazzale Repubblica, 2 – 035240416

“Sotto una buona stella”, 106min – Commedia – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30;

“Monuments Men”, 118min – Azione – Doppiato, alle 20 e alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035251339

“Saving Mr. Banks”, ‎125min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“A proposito di Davis”, ‎104min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in Piazza S. Anna, 51 – 035 270760

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato, alle ‎17:10, alle ‎17:30, alle ‎19:50, alle ‎20:10, alle ‎22:25 e alle ‎22:45;‎

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:15, alle ‎17:40 e alle ‎19:50;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato, alle ‎17:20, alle ‎19:45 e alle ‎22:40;‎

“Storia d’inverno”, ‎113min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:40;‎

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10;‎

“Lone Survivor”, ‎121min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:40;‎

“Pompei”, ‎105min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato, alle ‎22:30;‎

“The Wolf of Wall Street”, ‎180min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 21;‎

“Khumba”, ‎83min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in Piazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEATEATRO GAVAZZENI di Seriate in via Guglielmo Marconi, 40, Seriate – 035 452 3057

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

MARTEDI’ 25 FEBBRAIO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035248330

“Tutto sua madre”, 85min – Commedia – Doppiato, alle 21;

“12 anni schiavo”, 133min – Drammatico – Doppiato, alle 21;

“Behind the candelabra – Dietro i candelabri” (film in lingua originale), alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in Piazzale Repubblica, 2 – 035240416

“Sotto una buona stella”, 106min – Commedia – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30;

“Monuments Men”, 118min – Azione – Doppiato, alle 20 e alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035251339

"A proposito di Davis", 104min – Drammatico – Doppiato, alle 21;

"La vita di Adele", 179min – Drammatico – Doppiato, alle 20:30.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in Piazza Sant’Anna, 51 – 035270760

"Vado a scuola", 75min – Drammatico – Doppiato, alle 16.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 – 892 960

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30, alle ‎19:50, alle ‎20:10, alle ‎22:25 e alle ‎22:45;‎

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:15, alle ‎17:40 e alle ‎19:50;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle ‎17:20, alle ‎19:45 e alle ‎22:40;‎

“Storia d’inverno”, ‎113min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:40;‎

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10;‎

“Lone Survivor”, ‎121min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:40;‎

“Pompei”, ‎105min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;‎

“Khumba”, ‎83min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30;‎

“La mafia uccide solo d’estate”, ‎90min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato, alle‎ ‎18:30 e alle ‎21:30.‎

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Marconi, 40 – 0354523057

“Tutto sua madre”, 85min – Commedia – Doppiato, alle 21.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in Piazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“Un castello in Italia”, ‎104min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

MERCOLEDI’ 26 FEBBRAIO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035248330

“The Wolf of Wall Street”, 180min – Thriller – Doppiato, alle 21;

“Tutto sua madre”, 85min – Commedia – Doppiato, alle 21;

“12 anni schiavo”, 133min – Drammatico – Doppiato, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in Piazzale Repubblica, 2 – 035240416

“Sotto una buona stella”, 106min – Commedia – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30;

“Monuments Men”, 118min – Azione – Doppiato, alle 20 e alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035251339

"A proposito di Davis", 104min – Drammatico – Doppiato, alle 21;

"Rush", 123min – Azione – Doppiato, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in Piazza Sant’Anna, 51 – 035270760

"Vado a scuola", 75min – Drammatico – Doppiato, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎17:30, alle ‎20:10 e alle ‎22:45;‎

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:15, alle ‎17:40 e alle ‎19:50‎;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎19:45 e alle ‎22:40;‎

“Storia d’inverno”, ‎113min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle‎ 22:40;‎

“Lone Survivor”, ‎121min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:40;‎

“Pompei”, ‎105min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10;‎

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;‎

“The Wolf of Wall Street”, ‎180min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 21;‎

“Imagine – Una vita al limite”, ‎95min‎‎ – Documentario‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Khumba”, ‎83min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Marconi, 40 – 0354523057

“Tutto sua madre”, 85min – Commedia – Doppiato, alle 21.

Ecco tutte le informazioni pellicola per pellicola:

– “12 anni schiavo”. Stati Uniti, 1841. Solomon Northup è un musicista nero e un uomo libero nello stato di New York. Ingannato da chi credeva amico, viene drogato e venduto come schiavo a un ricco proprietario del Sud agrario e schiavista. Strappato alla sua vita, alla moglie e ai suoi bambini, Solomon infila un incubo lungo dodici anni provando sulla propria pelle la crudeltà degli uomini e la tragedia della sua gente. A colpi di frusta e di padroni vigliaccamente deboli o dannatamente degeneri, Solomon avanzerà nel cuore oscuro della storia americana provando a restare vivo e a riprendersi il suo nome. In suo soccorso arriva Bass, abolizionista canadese, che metterà fine al suo incubo. Per il suo popolo ci vorranno ancora quattro anni, una guerra civile e il proclama di emancipazione di un presidente illuminato.

– “Pompei”. Pompei, 79 d.C., Milo è un giovane gladiatore celta che ha visto morire da bambino il suo popolo e i suoi genitori nella feroce rappresaglia di Quinto Attilio Corvo. Senatore di Roma in visita a Pompei, Corvo pretende la mano di Cassia, la bella figlia di Marco Cassio Severo, signore della città che sogna di risanare e di fare più bella. Un incidente lungo la strada che porta a Pompei incontra e innamora Cassia e Milo, intralciando i piani esecrabili di Corvo, che accortosi del loro sentimento, condanna Milo a morire nell’arena. Ma niente andrà come previsto perché gli dei risveglieranno la montagna, affondando ricchi e poveri, buoni e malvagi, barbari e romani sotto un fiume di lava e una pioggia di cenere.

– The Wolf of Wall Street”, in cui Leonardo Di Caprio, nei panni di Jordan Belfort, uno dei broker di maggior successo nella storia del cuore della finanza con sede oltreoceano ma di rilevanza mondiale. Ambientata nel 1987, la pellicola è incentrata sulla storia di Jordan Belfort, che inizia la sua carriera come apprendista broker a Wall Street, sotto la guida dell’eccentrico Mark Hannah. È quest’ultimo che lo introduce a uno stile di vita esagerato basato sul sesso e sull’assunzione di droghe di ogni tipo per aiutare la mente a raggiungere importanti risultati. Jordan impara anche a compiere azioni disoneste che gli consentono di guadagnare molti soldi, e ben presto ottiene la licenza di broker. Il giorno stesso della sua assunzione, però, si verifica il cosiddetto lunedì nero, e la borsa crolla, causando il suo immediato licenziamento. La vita del protagonista, quindi, proseguirà con molti colpi di scena che rendono la trama avvincente e coinvolgente.

– “Sotto una buona stella”. Federico Picchioni è un uomo d’affari di successo che lavora per una holding finanziaria e vive in una casa lussuosa con la giovane fidanzata, Gemma. I due figli avuti dalla ex moglie, Lia e Niccolò, abitano invece con la madre. Quando la donna muore, Federico si trova costretto ad accogliere in casa i due ventenni, che lo detestano per aver abbandonato la famiglia, più una nipotina nata da una passata relazione di Lia. Contestualmente, un socio di Federico viene arrestato dalla Finanza, non prima di aver dilapidato tutte le sostanze dei colleghi e aver compromesso la loro reputazione. Gemma, che non sa che farsene di un compagno disoccupato e con figli a carico, lascia Federico. Ed ecco che entra in scena Luisa Tombolini, una "tagliatrice di teste" tormentata dai sensi di colpa per il cinismo del proprio mestiere, che abita proprio nell’appartamento accanto ai Picchioni. Riuscirà questo mix di solitudini problematiche a raggiungere l’armonia? – “Monuments Men”. Mentre le forze alleate stanno sferrando il loro attacco alla Germania lo storico dell’arte Frank Stokes ottiene l’autorizzazione da Roosevelt in persona per mettere insieme un gruppo di esperti che cerchi di recuperare le opera d’arte che Hitler ha fatto portare via e nascondere in previsione della costruzione del mastodontico Museo del Fuhrer. In caso di sconfitta del Reich l’ordine è di distruggerle. Si viene così a creare una compagnia formata da due storici e un esperto d’arte, un architetto, uno scultore, un mercante, un pilota britannico e un soldato ebreo tedesco per le traduzioni. Escluso quest’ultimo i componenti del gruppo non hanno certo l’età dei combattenti ma la loro missione non è priva di pericoli.

– “A proposito di Davis”, vincitore del Gran Premio della giuria al festival di Cannes e in corsa per due Oscar. Il protagonista della pellicola, in cui emerge il profondo spirito drammatico dei fratelli Coen, è un cantante folk, interpretato da Oscar Isaac, che cerca la propria strada e un’occasione nel mondo musicale del Greenwich Village del 1961. Sulla scena newyorchese non era ancora comparso Bob Dylan, e prosperava il folk revival, tra piccoli club e case discografiche polverose.

– “Storia d’inverno”, è la trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Mark Helprin. Il film racconta una romantica storia d’amore in cui i destini dei protagonisti s’incrociano, tra passato e presente, sullo sfondo della New York del 1916 e di quella dei giorni nostri. Tutto ha inizio quanto Peter Lake, ladro di professione, durante un tentativo di rapina in una villa, si imbatte nella bellissima Beverly Penn, figlia del ricco proprietario dell’abitazione. Per entrambi è un colpo di fulmine, ma Beverly è afflitta da una malattia incurabile e come se ciò non bastasse, a contrastare il loro amore ci si mette anche un pericoloso gangster che ha un conto in sospeso con Peter ed è deciso a liberarsi di lui una volta per tutte.

– “Lone Survivor”. Afghanistan, giugno 2005. Nella base aerea di Bagram l’ufficiale Erik Kristensen informa e predispone i suoi uomini alla missione: catturare e uccidere Ahmad Shah, temibile capo talebano responsabile della morte di numerosi marines nell’Afghanistan dell’est. Marcus, Mickey, Danny e Axe vengono mandati in ricognizione sulle montagne intorno al villaggio dove Ahmad Shah si rifugia, vessando e giustiziando la sua gente. Forze speciali della Marina degli Stati Uniti, i quattro Navy Seal localizzano il leader integralista e attendono nascosti nuovi ordini. Ma il sopraggiungere improvviso di pastori e l’impossibilità di comunicare via radio con la base, li rende molto presto bersagli vulnerabili. Accerchiati e attaccati dal fuoco nemico, proveranno a sopravvivere, resistendo ai colpi inflitti e sperando nella buona sorte e nell’arrivo della cavalleria.

– “Belle e Sebastien”, incentrato sulla storia dell’amicizia tra il bambino e il cane protagonisti del cartone animato creato negli anni Ottanta.

– “Khumba”. Nella comunità delle zebre che vivono nel deserto di Kharoo in Sudafrica c’è un nuovo nato a cui viene dato il nome di Khumba. Il piccolo ha però una diversità: solo metà corpo è a strisce. L’altra metà è bianca. Questo fa sì che quando sopravviene la siccità lo si accusi di esserne la causa. Venuto a sapere di una leggendaria fonte magica in cui le prime zebre apparse sulla terra si immersero per avere le strisce, Khumba parte insieme a uno gnu e a uno struzzo. In agguato c’è però il temibile leopardo Phango.

– “The Lego Movie”. Emmet Brickowski è un cittadino felice di una ridente metropoli fatta di Lego di cui rispetta tutte le regole: segue la musica trasmessa dalla tv, è gentile con gli altri e si reca diligentemente al lavoro (costruire palazzi) esattamente come gli viene detto di fare dalle "istruzioni". Proprio al cantiere un giorno incontra una ragazza e per errore casca in una voragine nella quale entra in contatto con un pezzo speciale, oggetto del desiderio di una setta di ribelli di cui Emmet non conosceva l’esistenza. La sua vita viene così trasformata in quella di un avventuriero e, nonostante non ne abbia le qualità, l’aver ritrovato il pezzo speciale lo rende "il prescelto". Scopre così che il sindaco della sua città è in realtà un dittatore di diversi mondi (fantasy, west, spazio ecc. ecc.) dotato di un piano per cambiare l’universo come lo conoscono. Dovrebbe essere il simbolo della mancanza di idee ad Hollywood un film sui Lego, in realtà è l’esatto contrario: un tripudio di trovate come non ne vediamo di frequente, portate avanti con una comicità molto intelligente che non usa solo la voce ma anche il "corpo" dei personaggi.

– “Khumba”. Nella comunità delle zebre che vivono nel deserto di Kharoo in Sudafrica c’è un nuovo nato a cui viene dato il nome di Khumba. Il piccolo ha però una diversità: solo metà corpo è a strisce. L’altra metà è bianca. Questo fa sì che quando sopravviene la siccità lo si accusi di esserne la causa. Venuto a sapere di una leggendaria fonte magica in cui le prime zebre apparse sulla terra si immersero per avere le strisce, Khumba parte insieme a uno gnu e a uno struzzo. In agguato c’è però il temibile leopardo Phango.

– "Saving Mr. Banks". Pamela Lyndon Travers è una scrittrice di romanzi per l’infanzia che vive a Londra e fa impazzire il suo editore. Da vent’anni Mr. Russell prova a convincerla a cedere i diritti di "Mary Poppins" a Walt Disney. Ossessionato dalla promessa fatta alle sue figlie, Mr. Disney sogna di realizzare un musical in technicolor con i pinguini animati e spazzacamini volteggianti. Cocciuta e ostinata a rendere la vita un inferno a chiunque, Miss Travers si persuade a partire per la California. Impermeabile agli ossequi e all’amabilità di Walt Disney e dei suoi assistenti, Pamela si siede in cattedra e passa in rassegna lo script e la sua infanzia, sublimata nei suoi romanzi. Cresciuta in Australia da una madre fragile e un padre sognatore, costretto a lavorare in banca e deciso ad affogare la propria vita nell’alcol, Pamela ha inventato Mary Poppins per salvare suo papà e i Mr. Banks del mondo. Assediata dai ricordi e dal corteggiamento di Disney, che intuisce il dolore radicato nell’infanzia, Pamela dovrà infine decidere del suo futuro e di quello della sua celebre governante.

– “Behind the candelabra – Dietro i candelabri”. 1977. Wladziu Valentino Liberace (in arte Liberace) è uno showman e pianista famosissimo sin dagli Anni Cinquanta. Le sue capacità di intrattenitore televisivo e teatrale sono indiscusse. Al termine di uno spettacolo gli viene presentato il giovane Scott Thorson e tra I due nasce da subito una relazione che durerà a lungo al punto da spingere Liberace ad avviare le pratiche per l’adozione. L’idillio però non sarà infinito.

“Tutto sua madre”. Guillaume ama sua madre sopra ogni cosa e fino a confondersi con lei, replicandone i gesti, imitandone la voce, ribadendone il potere. Inviso al padre e ai fratelli, prepotenti e virili, Guillaume si convince di essere una ragazza nella solitudine della sua stanza, dove gli vengono in soccorso la principessa Sissi e l’Arciduchessa Sofia di Baviera. Cresciuto da ‘diverso’ e rifugiato in un mondo immaginario, Guillaume parla come una ragazza, si veste come una ragazza, è delicato come una ragazza, balla la sevillana come una ragazza. Motivo di imbarazzo per quella famiglia bon chic bon genre (good style, good class) che vive e si annoia in un ‘area’ compresa tra Parigi e Versailles, Guillaume viene allontanato e costretto in collegi maschili, dove scopre a sue spese di essere un ragazzo. Vittima di un fraintendimento crudele e di una valutazione familiare irrazionale, che lo crescono femmina e lo qualificano omosessuale, Guillaume si abbandona confuso e umiliato sui lettini di analisti, psichiatri e ufficiali medici. Alla ricerca della sua identità e della sua voce, troverà il suo posto a tavola e sul palcoscenico del mondo. Guillaume può essere tutti ma non è ancora. Cresciuto nel mito della madre, che disorienta la sua identità e orienta le sue relazioni fin dal primo scambio di battute, il protagonista non corrisponde i criteri di virilità del padre e il desiderio di avere una figlia della madre. Ma Guillaume è un bravo figlio e prova ad accontentare le due parti, precipitando in un conflitto interiore e identitario. Aspettative e condizionamenti segnano allora la vita dell’attore francese, che scrive, dirige e interpreta una commedia autobiografica sulla ricerca dell’identità nel cuore femminile della Spagna di Almodóvar, negli arredi preziosi dell’Inghilterra di Ivory o nella potenzialità drammatica della romantica Sissi.

– “La mafia uccide solo d’estate”. Arturo ha pochi anni e un segreto romantico che condivide con Rocco Chinnici, giudice e vicino di Flora, la bambina che gli ha incendiato il cuore. Nato a Palermo, Arturo è stato concepito il giorno in cui Totò Riina, Bernardo Provenzano, Calogero Bagarella e altri due uomini della famiglia Badalamenti, uccisero Michele Cavataio vestiti da militari della Guardia di Finanza. Da quel momento e da che si ricordi la sua vita, spesa a Palermo, è stata allacciata alla Mafia e segnata dai suoi efferati delitti. Cresciuto in una famiglia passiva, in una città ‘muta’ e tra cittadini incuranti dei crimini che abbattono i suoi eroi in guerra contro la Mafia, Arturo prova da solo a produrre un profilo e un senso a quegli uomini contro e gentili che gli offrono un iris alla ricotta (il commissario Boris Giuliano) o gli concedono un’intervista (il Generale Dalla Chiesa). L’unico che proprio non riesce a incontrare, ma di cui ritaglia e colleziona foto dai giornali, è il premier Giulio Andreotti, che da una trasmissione televisiva gli impartisce un’ideale lezione sentimentale da applicare al cuore della piccola Flora. Gli anni passano, la Mafia cresce in arroganza e crudeltà e i paladini della giustizia vengono falciati, sparati, esplosi. Soltanto Arturo rimane uguale a se stesso, ossequiante e ‘svenduto’ in una televisione locale e nella campagna elettorale di Salvo Lima. Ma la morte di Giovanni Falcone e quella di Paolo Borsellino lo risveglieranno da un sonno atavico e dentro una città finalmente cosciente.

– “Un castello in Italia”. Louise ha quarantatré anni, un cognome decaduto e un castello in Italia da vendere. La sua vita indolente, spesa tra Parigi e Castagneto Po, un’amena località piemontese, si accende con Nathan, un giovane attore ostinato a corteggiarla. Profondamente legata a Ludovic, il fratello malato di AIDS, lo accompagna nella malattia trovando in Nathan solidarietà e conforto. Il desiderio di una gravidanza compromette però la sua relazione, lasciandola di nuovo da sola dentro una vita di cui non trova il senso e la direzione. Perduto Nathan e morto Ludovic, Louise si ‘abbatte’ come l’ultimo olmo della proprietà di Castagneto. Ma il futuro è alle sue spalle e le sorride pronto a mettere nuove radici.

– “Imagine – Una vita al limite”. L’occhio della telecamera si spinge oltre il limite di osservazione per cavalcare assieme allo spettatore istanti mozzafiato. Uomini e donne con la loro eccezionale passione per i boardsport estremi. Realizzato grazie alle nuove tecnologie di ripresa applicate allo sport, propone 95 minuti di passione ad alto rischio per emozioni uniche.

– "La vita di Adele". Adele ha 15 nni e un appetito insaziabile di cibo e di vita. Leggendo della Marianna di Marivaux si invaghisce di Thomas, a cui si concede senza mai accendersi davvero. A innamorarla è invece una ragazza dai capelli blu incontrata per caso e ritrovata in un locale gay, dove si è recata con l’amico di sempre. Un cocktail e una panchina condivisa avviano una storia d’amore appassionata e travolgente che matura Adele, conducendola fuori dall’adolescenza e verso l’insegnamento. Perchè Adele vuole formare gli adulti di domani, restituendo ai suoi bambini tutto il bello imparato dietro i banchi e nella vita. Nella vita con Emma, che studia alle Belle Arti e la dipinge nuda dopo averla amata per ore. Traghettata da quel sentimento impetuoso, Adele diventa donna, imparando molto presto che la vita non è sempre un (bel) romanzo.

– "Vado a scuola". Dalla Savana del Kenya ai sentieri che solcano la catena dell’Atlante in Marocco; dall’altopiano della Patagonia al calore dell’India meridionale seguiamo Jackson, Zahira, Carlito e Samuel, quattro bambini con il desiderio di imparare. Per soddisfare questo desiderio (e come milioni di loro coetanei nel mondo) affrontano, nella maggioranza dei casi quotidianamente, percorsi lunghissimi e spesso pericolosi. Ognuno di loro ha un sogno di emancipazione che nessun ostacolo può frenare: Jackson, 10 anni, percorre, mattina e sera con la sorellina, 15 km in mezzo alla Savana e agli animali selvaggi; Zahira, 11 anni, che percorre una giornata di faticoso cammino per raggiungere la scuola in cui resterà per la settimana, con le sue due amiche. Samuel, 11 anni, ogni giorno viaggia in India per 8 km, anche se non ha l’uso delle gambe, spinto nella sua carrozzina dai due fratelli minori e Carlito, 11 anni, attraversa le pianure della Patagonia per oltre 25 km, portando con sè la sua sorellina.

– "Rush". L’austriaco Niki Lauda e l’inglese James Hunt si incontrano per la prima volta sui circuiti di Formula 3. Uno è metodico, razionale, non particolarmente simpatico; l’altro è un playboy, che si gode la vita e corre come se non ci fosse un domani. La loro rivalità diverrà storica e segnerà una stagione incredibile della Forumla 1, fatta di drammi indelebili e miracolose riprese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.