BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Assassino Yara, il questore: “Non ci sono nuovi spunti” Caso verso l’archiviazione?

Tre anni di indagini ma ancora nessuna pista concreta. Come ammette il questore di Bergamo, Fortunato Finolli "non ci sono spunti nuovi che possano consentire l'identificazione dell'omicida". A questo punti si rischia l'archiviazione senza un colpevole

A tre anni dal ritrovamento del cadavere, il colpevole non è ancora stato scovato. E le indagini procedono senza grossi sviluppi. Era il 26 febbraio del 2011 quando a Chignolo d’Isola veniva trovato il corpo di Yara Gambirasio, la 13enne uccisa a Brembate poco dopo essere stata rapita, il 26 novembre 2010 mentre stava tornado dalla palestra del paese dopo a una lezione di ginnastica artistica, la sua più grande passione.

Tre anni di indagini ma ancora nessuna pista concreta. Come ammette il questore di Bergamo, Fortunato Finolli, al settimanale Oggi "non ci sono spunti nuovi che possano consentire l’identificazione dell’omicida, anche se in mano agli inquirenti c’è un dna, un profilo genetico deteriorato, ma che potrebbe appartenere all’assassino".

A questo punto, senza nulla di più in mano, l’indagine rischia di essere archiviata. Il reato di omicidio non si prescrive mai quindi, in presenza di nuovi elementi, il caso potrebbe essere riaperto. Ma per il momento si rischia di chiudere senza un colpevole.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.