BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arisa va “Controvento” e vince Sanremo 2014 Poi Gualazzi e Rubino

Arisa con la sua Controvento vince la 64esima edizione del concorso. A seguire, dietro di lei, Raphael Gualazzi e Renzo Rubino. Escluso dalla sfida finale a tre il grande favorito Francesco Renga. Un Sanremo dagli ascolti tv molto bassi.

Più informazioni su

Arisa va "Controvento" e vince il Festival di Sanremo 2014. A seguire, dietro di lei, Raphael Gualazzi e Renzo Rubino. Escluso dalla sfida finale a tre il grande favorito Francesco Renga. 

Per il gran finale Rai Uno ha schierato un parterre di altissimo livello. A partire da Maurizio Crozza, che è tornato all’Ariston dopo le contestazioni del 2013. Poi Terence Hill, super campione di ascolti con Don Matteo. Sul fronte femminile spazio a Claudia Cardinale, super diva dal calibro cosmopolita. Dopo l’emozionante omaggio a Fabrizio De Andrè della prima serata, è tornato in scena Luciano Ligabue. Per chiudere ecco l’ospite internazionale: il cantautore belga Stromae. 

Un’edizione tribolata per via degli ascolti, in vistoso calo rispetto al 2013, strenuamente difesa dal direttore di Rai Uno Giancarlo Leone. Il calo di quest’anno è ancora tutto da metabolizzare, ma già si guarda al Festival del prossimo anno.

In un’intervista a La Stampa, il direttore di Rai Uno detta la linea: “Diciamo che per il prossimo anno la mia scelta è ancora Fazio, se ha un progetto da proporre e beninteso se ne ha ancora voglia. Laddove Fazio declinasse, in pole position c’è Conti. Perché i casi sono due. O hai il fuoriclasse assoluto, diciamo Fiorello o Benigni, e allora il Festival si identifica con lui, oppure scegli un grande professionista e un uomo tranquillo come Conti e gli costruisci intorno una squadra”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bergamasc

    W IL METAL! UP THE IRONS!

  2. Scritto da ab

    Non ho visto il festival ma ho ascoltato solo alcune canzoni oggi, tra cui quella di Arisa e di Renga (e altre). Salvo le belle voci personalmente non mi toccano..
    Per quel che riguarda i presentatori la Litizzetto non m’è mai piaciuta più di tanto e non mi pare abbia brillato..

    1. Scritto da fil

      Concordo. Però i soldi (del canone, ossia nostri) li prendono e sono sempreverdi, e buoni…

  3. Scritto da Luigi

    Non che ce ne fosse bisogno, ma è la riprova che Sanremo è il festival della noia e della banalità, la musica più inutile e ridicola del pianeta, di cui una come Arisa non può che essere l’indiscussa protagonista. Se qualcuno vuole provare ad ascoltare VERA musica, passi alla rubrica del grande Brother Giober qui accanto…

    1. Scritto da bergamasc

      Purtroppo c’è sempre la convinzione che quando un cantante è famoso significa che è pure bravo. Nella maggior parte dei casi questo non è vero.
      Quando nomino i miei gruppi preferiti alle persone abituate ai Vasco-Pausini-Cremonini-ecc…la reazione è: “CHIIIIII???????”.