BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rapporto adulto-bambino, a Nembro si impara il capovolgimento pedagogico

Sabato 22 febbraio dalle 15 alle 18 all'auditorium di Nembro, sito in via Kennedy 2, avrà luogo la conferenza, ad ingresso libero, “Il capovolgimento pedagogico – La reciprocità adulto-bambino”.

Un’occasione dedicata a genitori, insegnanti, educatori e a chiunque fosse interessato per riflettere sul tema tanto controverso della libertà nell’educazione e per scoprire ed approfondire esperienze di scuola libera non direttiva, homeschooling e unschooling. Sabato 22 febbraio dalle 15 alle 18 all’auditorium di Nembro, sito in via Kennedy 2, avrà luogo la conferenza, ad ingresso libero, “Il capovolgimento pedagogico – La reciprocità adulto-bambino”.

Un’occasione dedicata a genitori, insegnanti, educatori e a chiunque fosse interessato per riflettere sul tema tanto controverso della libertà nell’educazione e per scoprire ed approfondire esperienze di scuola libera non direttiva, homeschooling e unschooling. Un pomeriggio per aprire nuovi punti di vista sul rapporto adulto-bambino, sulla scuola, sull’apprendimento e per scoprire nuovi strumenti comunicativi basati sull’empatia per crescere insieme. Alla conferenza interverranno Davide Donadi, insegnante, formatore e scenografo, tra gli insegnanti fondatori della scuola Steineriana di Verona dove ha lavorato per dieci anni; inoltre è socio fondatore, presidente e insegnante sempre per dieci anni della scuola ad indirizzo democratico – libertario Kiskanu di Verona. Interverrà anche Raffaella Cataldo, insegnante, formatrice, autrice di libri per bambini, homeschooler, mamma.

Oltre a progettare percorsi didattici di aiuto per le difficoltà di apprendimento, coordina il progetto “Scuolasenzascuola”, una sintesi attiva di Maria Montessori e la scuola democratica di Alexander Neill. Davide Donati e Raffaella Cataldo hanno creato insieme il movimento Slow Education, che mira a restituire all’educazione il giusto ritmo, che è quello spontaneo della vita, dell’infanzia, del singolo bambino, dell’essere umano. Sarà presente anche Davide Facheris, facilitatore e formatore, studia, pratica e divulga con passione la Comunicazione Empatica. La cosiddetta “comunicazione nonviolenta” di Marshall Rosenberg.

Alla conferenza faranno seguito due workshop di approfondimento, il 29/30 marzo e il 12/13 aprile, a cui è necessario iscriversi. I workshop riprenderanno i temi della conferenza con una modalità interattiva ed esperienziale, che fornirà ai partecipanti spunti di riflessione e strumenti concreti, sull’educazione nella libertà e il ruolo dell’educatore, sull’educazione all’errore, sulla comunicazione e la didattica.

La conferenza è organizzata dalla neonata associazione EliR per un’Educazione Libera e Reciproca, che è stata fondata da un gruppo di genitori residenti in provincia di Bergamo che credono nei principi dell’educazione libera, democratica e non violenta. Da settembre 2012 i membri di questa associazione si incontrano una volta alla settimana per progettare una possibilità di esperienza e di apprendimento vicina alle scuole libertarie/democratiche e all’unschooling, che preveda l’apprendimento cooperativo insieme ad altri bambini, in uno spazio condiviso, con la presenza di uno o più educatori. Anche se il progetto è ancora in via di definizione, per cominciare a sperimentare un’esperienza concreta i figli (2-6 anni) si incontrano una volta alla settimana a Bergamo, in uno spazio in cui trovano sia materiali da usare liberamente sia un’attività proposta a rotazione da un genitore (manualità, espressione, gioco nella natura, letture animate, esperimenti e molto altro ancora). Obiettivo dell’iniziativa “il capovolgimento pedagogico”, oltre ad offrire un’occasione di confronto e riflessione, è quello di entrare in contatto con altri genitori e potenziali maestri interessati al progetto e con eventuali enti, fondazioni o privati intenzionati a sostenere l’avvio del progetto.

Per conoscere meglio le attività dell’associazione è possibile inoltre visitare il sito www.elir.altervista.org

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.