BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il sindaco di Pedrengo: “Mozione di sfiducia? Gesto da irresponsabili”

Il sindaco di Pedrengo, Gabriele Gabbiadini, risponde al consigliere di minoranza, Antonio Masper (gruppo civico Lega per Pedrengo) che aveva lanciato l'appello a tutti i consiglieri - anche di maggioranza - di presentare una mozione di sfiducia. Gabbiadini replica: "Sono convinto che pochi o nessuno la seguiranno a dare vita a questa delirante richiesta, strumentale e pretestuosa, non solo perché oramai impossibile tecnicamente, ma perché irresponsabile e con un unico fine, distruggere e denigrare".

Il sindaco di Pedrengo, Gabriele Gabbiadini, risponde al consigliere di minoranza, Antonio Masper (gruppo civico Lega per Pedrengo) che aveva lanciato l’appello a tutti i consiglieri – anche di maggioranza – di presentare una mozione di sfiducia. Gabbiadini replica: "sono convinto che pochi o nessuno la seguiranno a dare vita a questa delirante richiesta, strumentale e pretestuosa, non solo perché oramai impossibile tecnicamente, ma perché irresponsabile e con un unico fine, distruggere e denigrare".

 

Spettabile Consigliere

Antonio Masper

Ho letto con distacco il suo comunicato inviato a mezzo stampa a un quotidiano on-line dove fa appello a quanti più Consiglieri possibile, anche di maggioranza, ad unirsi e a presentare una mozione di sfiducia nei miei confronti, questo a due mesi dalle elezioni, questo dopo che l’attività amministrativa è praticamente terminata, salvo le questioni di giunta etc. E’dunque partita la campagna elettorale. Scrivo a lei per far capire a tutti gli altri che amministrare un Comune è un atto di responsabilità e fino a quando si amministra si è responsabili, quando invece non si portano a termine gli atti obbligatori, come il bilancio previsionale, è il Sindaco stesso a prenderne atto e a far seguire quindi le debite azioni, proprio per permettere al Comune di andare avanti. Ma non è il nostro caso. Forse lei sbaglia modi e tempi.

Non solo sono convinto che pochi o nessuno la seguiranno a dare vita a questa delirante richiesta, strumentale e pretestuosa, non solo perché oramai impossibile tecnicamente, ma perché irresponsabile e con un unico fine, distruggere e denigrare. Noi siamo abituati a costruire e anteponiamo l’interesse pubblico al soddisfacimento dei capricci personali, anche degli assessori. Irresponsabile perché, se non l’ha capito, l’Ente ha problemi un po’ più seri, irresponsabile perché dopo tutti i problemi finanziari degli enti locali ed i limiti imposti dalla legge, dei quali dubito sia informato, un consigliere comunale anche di minoranza, dovrebbe lasciare da parte la sterile polemica ed in questo caso evitare il raduno delle truppe per l’assalto al fortino, se mai ci riuscisse. Ma del resto cosa ci si può aspettare se nelle sedi opportune non si presentano mai emendamenti e/o proposte. Forse è troppo faticoso e complicato.

Visto che dice che non ci sono i numeri, nell’ultimo consiglio abbiamo approvato tutti i punti all’unanimità. Non poteva poi venire a sfiduciarmi in sede di assestamento di bilancio quando abbiamo approvato all’unanimità anche le nuove aliquote TARES?Semplice, era assente ingiustificato. I Sindaci si sfiduciano se rubano, se prendono tangenti, se amministrano pensando agli affari personali, se tradiscono il mandato popolare che gli è stato affidato, se forzano il passaggio dei piani urbanistici, se creano dissesti finanziari, se creano vantaggi per se stessi. Niente di tutto questo nelle sue argomentazioni.

Lei è il Consigliere Comunale col più alto tasso di assenze in Consiglio, e chiede a me di dimettermi? E’ dal 2009 che ci prova ed ormai è la storia di “Pierino e il lupo”, non è più credibile. Nel bene e nel male io ci sono, con la mia Amministrazione, e chi se n’è andato per mettersi in proprio, tradendo il mandato popolare, dovrebbe dimettersi, non chi come me, per quello che avrebbe potuto fare e dire, è sempre stato coerente e continuerà ad esserlo, nell’interesse delle persone.

Si metta quindi il cuore in pace.

Cordiali saluti.

Il Sindaco

Gabriele Gabbiadini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da primavera pedrenghese

    Masper sbaglia nei modi e nei tempi.certo che il Sindaco ha qualche difficoltà da qui alle elezioni.al di la di tutto è più difficile spiegare forse perchè ha perso tanti assessori che non le opere pubbliche non fatte.delle tante promesse nessuna si è realizzata e questo peserà nella campagna elettorale.con molta probabilità non farà piu consigli se no è a casa ma noi che le tasse le paghiamo ci vuole rispettare?vuole andare a verificare chi ancora la appoggia?basta arroganza!!!