BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Expo: non solo business ma nuovi modelli di etica e di sostenibilità

Alla fiera di Bergamo si è conclusa la due giorni dedicata ai Cluster, elementi chiave della prossima EXPO 2015 di Milano, che legheranno a doppio filo gli organizzatori ed i partecipanti. Obbiettivo degli organizzatori sarà anche proporre un modello economico sostenibile.

Il tema della prossima Expo sarà “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Ed è proprio partendo da questo motto che il comitato per Expo ha deciso di introdurre un nuovo modello economico sostenibile legato ad un prodotto e ad un commercio etico. Inoltre, pezzo forte di questa esposizione universale sarà la presenza fondamentale dei Cluster tematici dedicati ad alcune categorie chiave utili alla lettura dell’insieme.

Questi gruppi sono nove: Frutta e Legumi, Spezie, Cacao, Caffè, Riso, Cereali e Tuberi, Isole, Aree Aride, Bio Mediterraneo; ed avranno il compito di mettere in relazione tra loro diversi paesi che propongono per l’esposizione un prodotto comune. Significato di questo metodo sarà avvicinare popoli considerati lontani che trovano, in un elemento caratterizzante, un particolare da poter descrivere secondo le proprie usanze.

Questo aiuterà anche il fruitore della mostra a considerare con occhio nuovo il prodotto rappresentato da ogni Cluster ed a indirizzare l’attenzione del visitatore verso le differenti sfumature dei prodotti.

SETTANTACINQUE PAESI PRESENTI

Così, di fronte alle delegazioni di 75 paesi, sono intervenuti sul tema dei Cluster e della sostenibilità economica alcuni rappresentanti delle istituzioni principali che parteciperanno ad Expo in qualità di organizzatori ed ospiti. Eduardo Rojas-Briales, commissario generale delle Nazioni Unite, ha focalizzato l’attenzione al dopo Expocommentando come positivi i Cluster che operano in termini di vera collaborazione tra paesi prospettando che tale aiuto si sviluppi anche al di là della mera esposizione universale e che prosegua a pari passo con gli intenti dell’Onu e del programma per l’abbattimento del problema della fame nel mondo. A questo scopo durante le 26 settimane di Expo saranno organizzati dall’Onu medesimo ben tre incontri dedicati a nutrizione, ambiente e cooperazione.

IMPRESE E ONG

La parola poi è passata ai partner dell’organizzazione, quali illycaffè e Fairtrade, che nelle persone di Roberto Morelli e Paolo Pastore, hanno sottolineato come credere in un nuovo modello di sviluppo economico sia di fondamentale importanza. Un sistema etico di cooperazione e sviluppo è alla base di una nuova idea di economia che trova proprio nei Cluster un modello di collaborazione che oltre a garantire un equo apporto di più parti indirizzato però ad un prodotto finale univoco può inoltre mettere a confronto diversi sistemi di gestione.

CONTRATTI E CONTATTI

Giuseppe Sala, commissario unico del governo per Expo Milano 2015, ricordando i 94 contratti di partecipazione per i Cluster raggiunti finora, ha sottolineato come manchino ancora diversi lavori da completare in questi 435 giorni che mancano all’inizio ufficiale della manifestazione. Infatti, ad oggi, i lavori sono fermi al 48 per cento e si prevede il completamento per la fine di questo anno così da permettere la finitura degli allestimenti interni nei primi mesi del 2015.

CORSA CONTRO IL TEMPO

"Expo Milano sarà quindi una sfida vera e propria", come ricorda nel discorso di conclusione Vicente Gonzalez Loscertales, segretario generale del Bureau International des Expositions. "Una scommessa, per organizzatori ed espositori, che si svilupperà attorno ai Cluster, un esempio di collaborazione mai avvenuto in un evento di questa portata".

Matteo Azzola 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.