BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Quarenghi Coding”, il nuovo progetto per rilanciare via Quarenghi

Questa sera, alle ore 18.30 presso la sala del Mutuo Soccorso in via Zambonate 33, l’Associazione di Quartiere Quarenghi presenta alle autorità e alla cittadinanza l’esito del progetto di comunità “Quarenghi Coding” finanziato dalla Circoscrizione1 lo scorso anno.

Più informazioni su

Questa sera, alle ore 18.30 presso la sala del Mutuo Soccorso in via Zambonate 33, l’Associazione di Quartiere Quarenghi presenta alle autorità e alla cittadinanza l’esito del progetto di comunità “Quarenghi Coding” finanziato dalla Circoscrizione1 lo scorso anno. Si tratta di un’iniziativa che segna una differenza netta rispetto al modo classico di affrontare i nodi critici del vivere la città: “Con questo progetto mettiamo in atto una nostra convinzione, che la lotta al degrado in una via come via Quarenghi ha bisogno di interventi a favore della sicurezza, ma anche di un’opera di rafforzamento dei legami comunitari tra i cittadini” afferma Giulia Martinelli presidente dell’associazione di Quartiere Quarenghi. “Abbiamo quindi deciso di mettere a punto un’immagine di qualità che ci guidi nel tempo a rinsaldare i legami tra i cittadini residenti. Vorremmo infatti che a parlare della via non fossero solo i fatti di cronaca, ma anche la creatività, la cooperazione e l’intraprendenza dei cittadini che la abitano e a modo loro la rendono bella e vitale”.

Alla manifestazione verranno presentati un blog e un magazine le cui redazioni sono composte da giovani del quartiere e della gadgettistica di prestigio con cui avviare una microeconomia per sostenere le esigenze presenti nel quartiere: “E’ un modello innovativo a cui stiamo ancora lavorando e in cui crediamo molto. Siamo grati all’Amministrazione per il sostegno che ci ha dato cofinanziando il progetto. Ci auguriamo che anche la prossima amministrazione abbia a cuore queste forme di autorganizzazione dei cittadini che, se in alcuni momenti svolgono un ruolo di protesta o rivendicazione, sempre di più dovranno configurarsi come partner nella riorganizzazione del tessuto comunitario ormai parcellizzato”.

A seguire un piccolo aperitivo per facilitare l’incontro e il dialogo tra cittadini e amministratori in uno spirito che riavvicini i cittadini alla politica, e la politica alle città.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigi

    Finanziato dalla circoscrizione, a va be! La solita marmuffata per mangiarsi soldi pubblici senza risolvere nulla- Finche i residenti, anche stranieri, non si integreranno, si faranno solo progetti senza senso-

    1. Scritto da stefania

      Sono d’accordo che progetti che non considerano gli stranieri residenti e non favoriscono l’integrazione difficilmente portano a risultati positivi anche nel lungo periodo. Qualche consiglio su come fare? C’è sempre bisogno di buone e nuove idee!

  2. Scritto da marta

    Wow. Mi interessa mettermi in contatto con l’associazione. Come posso fare? Ho fatto ricerca in internet ma non ho trovato nessun riferimento email. Potete aiutarmi?

    1. Scritto da Rachele

      Puoi andare sul sito sotto indicato, nella sezione “contatti”.

      http://www.quiproqua.it/wordpress/ri-leggiti-con-noi-un-quaderno-dei-cittadini-per-iniziare-a-dialogare/