BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

E’ ufficiale: Napolitano dà l’incarico a Renzi

Matteo Renzi è giunto al Quirinale per ricevere l'incarico dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Renzi è arrivato con dieci minuti di anticipo, alla guida di una Giulietta, con al fianco il capo ufficio stampa del Partito democratico, Filippo Sensi.

Più informazioni su

Matteo Renzi è giunto al Quirinale per ricevere l’incarico dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Renzi è arrivato con dieci minuti di anticipo, alla guida di una Giulietta, con al fianco il capo ufficio stampa del Partito democratico, Filippo Sensi.

Ore 12.15

A poco meno di due ore dal suo arrivo, Matteo Renzi ha lasciato il Quirinale dove il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, gli ha conferito l’incarico per la formazione di un nuovo governo. Il premier incaricato e’ uscito dal Quirinale sempre alla guida della Giulietta bianca con la quale era arrivato.

Ore 12.15

Renzi: "Ho ricevuto l’incarico di formare il nuovo governo. Ho accettato con riserva. Ho ringraziato il presidente della Repubblica e gli ho assicurato tuto l’impegno e l’energia di cui siamo capaci. Incontreremo il presidente della Camera e derl Senato, poi sarò a Firenze. Da questa sera saremo a Roma. Domani cominceranno le consultazioni formali e ufficiali. L’impegno che ci siamo prefissi è molto serio e significativo. Il presidente della Repubblica mi ha spiegato l’esito dele consultazioni. Speriamo in un prolungamento di questa legislatura. Prima di qualsiasi discussione è fondamentale che forze politiche della maggioranza siano ben consapevoli dei prosimi passaggi. Dobbiamo avere straordinaria attenzione dei contenuti e delle cose da fare. Entro il mese di febbraio faremo un lavoro urgente sulle riforme. Nei mesi successivi immediatamente la questione del lavoro, aprile la pubblica amministrazione e maggio il fisco. Dobbiamo lavorare sui contenuti e non su altro. Ci prendiamo il tempo necessario sapendo che fuori da qui il senso dell’urgenza è straordinariamente delicato e importante. Un orizzonte di legislatura come quello che ci diamo dnecessita di qualche giorno di tempo per sciogliere la riserva. Assicuro il presidente, le forze politiche e gli italiani che metterò tutto il coraggio, l’energia di cui sono capace partendo dall’emergenza del lavoro, dell’occupazione e della rassegnazione". 

Ore 11.55

Il presidente della repubblica, Giorgio Napolitano, ha conferito l’incarico al segretario del Pd Matteo Renzi di formare il nuovo governo dopo le dimissioni di Enrico Letta. Lo ha annunciato Donato Marra, segretario generale della presidenza della repubblica. 

Ore 11.38

Renzi e Napolitano a colloquio da un’ora e cinque minuti.

Ore 11.15

"Noi siamo all`opposizione, limpidissimamente all`opposizione di questo forse prossimo governo che nasce da un colpo di palazzo, da una congiura di palazzo tutta interna al Partito democratico". Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervistato da ‘Radio Anch`io’, su Radio Uno. "Ricordo – sottolinea l`ex ministro – che il Pd ha vinto assieme a Sel le elezioni con uno 0,37%, 140.000 voti in più, poi Sel se ne è andata all`opposizione, loro si sono presi il premio di maggioranza di 148 deputati e la legittimazione popolare. Se ci sarà un governo Renzi sarà con questi i numeri, 0,37%, anomalia del Porcellum, 148 deputati, se lo ricordino gli italiani. Noi di fronte a questa cosa, chiamiamola cosa, siamo ferocemente all`opposizione, responsabilmente all`opposizione, ma all`opposizione.

Ore 10.45

Continua la protesta dei Fratelli d’Italia contro Matteo Renzi: il partito guidato da Giorgia Meloni sta manifestando davanti al Quirinale mentre il segretario del Pd è a colloquio con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per ricevere l’incarico di presidente del Consiglio. "Siamo basiti dal comportamento di Renzi – ha detto Meloni – che ci aveva promesso di entrare nella Terza Repubblica e invece ci riporta alla Prima. Ha fatto l’esatto contrario di quello che aveva giurato e spergiurato, si comporta come un qualunque politico della prima repubblica e fa un gioco di palazzo per arrivare alla poltrona di premier.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.