BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il lavoro non manca ma i giovani di oggi stanno meglio a casa”

Stanno facendo parecchio discutere le dichiarazioni rilasciate dal presidente di Fiat John Elkann che venerdì a Sondrio ha incontrato gli studenti delle scuole superiori: "Non vedo nei giovani la voglia di cogliere le opportunità che arrivano, non c'è ambizione".

"Il lavoro c’è ma i giovani non sono così determinati a cercarlo". Stanno facendo parecchio discutere le dichiarazioni rilasciate dal presidente di Fiat John Elkann che venerdì a Sondrio ha incontrato gli studenti delle scuole superiori rispondendo alle loro domande sul tema dell’istruzione. "Se guardo a molte iniziative che ci sono, non vedo in loro la voglia di cogliere queste opportunità perché da un lato non c’è una situazione di bisogno oppure non c’è l’ambizione a fare certe cose".

Secondo Elkann "ci sono tantissimi lavori nel settore alberghiero ma c’è tantissima domanda di lavoro ma c’è poca offerta perché i giovani o stanno bene a casa o non hanno ambizione". Sull’argomento Elkann ha poi intrattenuto due scambi di battute con gli studenti della provincia di Sondrio. A Nicola che si è presentato come "studente dell’ultimo anno della scuola per elettricisti e idraulici" e gli ha chiesto di poter lavorare in Fiat, Elkann gli ha replicato: "Prima diventa un elettricista e poi ne parliamo".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da George

    Certo diamo la colpa a noi giovani se siamo disoccupati, ma un bel momento noi giovani italiani scapperemo all’estero e vedremo se poi siamo noi ke non vogliamo lavorare o è l’Italia a non farci lavorare!!

  2. Scritto da Michele

    non ho mai avuto simpatia per la famiglia agnelli ma il commento provocatorio é condivisibile. la verità é che certi lavori i giovani non vogliono prenderli in considerazione !!! Posto sicuro, al caldo e possibilmente vicino s casa.

  3. Scritto da nino cortesi

    Ha finito di farsi mantenere dagli italiani.

  4. Scritto da Sole

    Pensavo che fosse il fratello intelligente. Meglio Lapo.

  5. Scritto da Piero

    Secondo Elkann “ci sono tantissimi lavori nel settore alberghiero ma c’è tantissima domanda di lavoro ma c’è poca offerta perché i giovani o stanno bene a casa o non hanno ambizione”. Ma che frase sconnessa è? E’ peggio del Lapo. E’ un povero (ooppss, RICCO) linguacciuto: se uno ha perso il lavoro da idraulico oppure operaio, non può improvvisarsi e candidarsi come lavoratore nel settore alberghiero, dove ci vogliono anni di studi e gavetta, con lingue straniere ed esperienza in cucina

  6. Scritto da Arnaldo

    Ah il lavoro non manca…. Beh, se lo dice lui…

  7. Scritto da silvia

    Potrà parlare da saccente il giorno in cui lo vedremo lavorare negli spurghi dei condomini o quando farà il manovale lavorando sotto i sole d’agosto 10 ore al giorno per 20 anni. Solo allora il suo commento potrà essere preso in considerazione. Il classico figlio di papà che ha anche il coraggio di criticare chi non è nato miliardario come lui

  8. Scritto da Ernesto

    Segno incontrovertibile dei suoi limiti intellettuali . Ricchissimo (di soldi piovuti dal cielo) ma umanamente uno sfigato.
    Non è neppure in grado di capire quando tacere varrebbe oro.

  9. Scritto da Carlo Pezzotta

    Io attacco spesso confindustria e i nostri industrialuccoli su questo giornale, ma mi faccio una domanda: se andiamo a visitare gli allevamenti e i coltivatori della nostra pianura, troviamo da anni, lavoratori stranieri (sopratutto pakistani e indiani). Nelle siderurgie del brasciano, guai a toccare gli extracomunitari che vi lavorano, pena la chiusura delle stesse.
    Nelle imprese edili, idem. Negli autotrasporti, idem. Lavorano tutti in nero o solo x 300 euro al mese??

    1. Scritto da silvia

      Purtroppo molti lavoratori stranieri sono sottopagati e con pochissimi diritti, se non in nero. Sono più facilmente ricattabili….

    2. Scritto da cabalbi

      Vengono sfruttati con stipendi da fame, informati bene

  10. Scritto da Andrea

    Agnelli A sedici anni il nonno gli regalò 1000 lire con le quali Gianni comprò tre mele che rivendette a 1300 lire. Quindi investì questo nuovo capitale per comperare cinque mele che rivendette a 2000 lire subito reinvestite in sei mele che gli fruttarono 3000 lire. A questo punto quando stava per acquistare dodici mele per ricavarne 5700 lire, improvvisamente, grazie ad una congiuntura favorevole del mercato, morì suo padre lasciandogli in eredità 100 mila miliardi.

  11. Scritto da Stefano b.

    La solita arroganza senza dignità di chi ha avuto sovvenzioni miliardarie dallo stato con i soldi dei lavoratori che fanno fatica a tirare avanti. Mantenga in italia i suoi stabilimenti. Poi ne parleremo.

  12. Scritto da mario59

    Mi piacerebbe vedere come se la cava il signorino Jhon Elkann, se gli dovessero togliere tutto quello che ha avuto senza muovere un dito…ne conosco altri di figli di papà che blaterano e cianciano in modo irrispettoso nei confrotni di chi deve lottare ogni giorno per sopravvivere in questo mondo dove la maggiorparte dei giovani non può permettersi di progettare e costruirsi un futuro normale.

  13. Scritto da umberto

    Già, cogliere le opportunità…..ci provi lui a lavorare un mese a 300 EURO|?!!?? come vedo fare a tanti giovani che conosco….Diplomati o Laureati per giunta….

  14. Scritto da kurt Erdam

    Questo non solo non guarda il telegiornale ma non va neanche a leggersi le notizie sul televideo,forse si riferisce a quelli come lui e ai suoi amici,tipo marchionne che il lavoro(loro)non sanno neppure cos’è oppure ha visto berlusconi quando diceva che c’erano ristoranti e voli pieni anche lui con grande senso della realtà. Sig.Elkan il mondo non finisce al ballo delle giacche rosse o con le cene del Rotary.

  15. Scritto da katia

    egregio sig.Elkann! che pessima battuta…;(ma Lei si ricorda quando eravamo noi a pagare le sue scuole ed altro! dando del nostro alla FIAT? caro Nicola consegui il tuo diploma con tenacia e merito!…e non ti curar di loro, ma guarda e passa;) disse il sommo poeta Dante! Oltre la fiat-non FIAT- c’è MOLTO ALTRO! coraggio Nicola!

  16. Scritto da anna

    Chissa’ chi frequenta per poter fare certe affermazioni. Io non ne conosco di ragazzi cosi’. Sara che non sono del suo giro.

  17. Scritto da Pier

    Il lavoro c’è? Ma questo dove vive?

  18. Scritto da gigi

    chi ha trovato la pappa pronta farebbe meglio a tacere…

  19. Scritto da umberto

    Perché non pensa ha sviluppare le sue aziende in Italia, visto che in passato hanno speculato da matti, con aiuti di Stato anziché andare a l’estero.