BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Accademia Carrara, sala ipogea ingestibile con il restauro globale” fotogallery

L'assessore ai Lavori pubblici Alessio Saltarelli replica alla lettera dell'architetto Attilio Gobbi e dell'ingegner Marco Verdina in merito alla manca realizzazione della sala ipogea all'accademia Carrara.

L’assessore ai Lavori pubblici Alessio Saltarelli replica alla lettera dell’architetto Attilio Gobbi e dell’ingegner Marco Verdina in merito alla manca realizzazione della sala ipogea all’accademia Carrara.

Egregio Direttore,

Le chiedo la cortesia di concedermi lo spazio per la replica all’articolo in oggetto, come richiesto, apparso sul Suo quotidiano. Desidero innanzitutto affermare che non era e non è mia intenzione, in alcun modo, criticare l’operato del dott. Arch. Attilio Gobbi e del dott. Ing. Marco Verdina, serissimi e competenti professionisti, ne’ tanto meno lederne l’immagine. Sono un po’ meravigliato di come una frase estrapolata da un discorso “a braccio” possa aver urtato la sensibilità di professionisti che non hanno certo bisogno di conferma circa le elevate competenze tecniche che hanno sempre dimostrato. Ovviamente me ne dispiaccio, ma devo comunque osservare che in prima persona, e continuamente, ho assistito ai lavori di consolidamento che si sono resi necessari per la barchessa occidentale e la “manica lunga” dell’Accademia Carrara e ne ho tratto l’impressione di opere estremamente delicate e complesse in condizioni di lavoro tutt’altro che agevoli.

Circa la prevedibilità della presenza di acqua e dell’immobile privo di fondazioni mi sarebbe troppo facile esprimermi ora, a cose fatte e problemi risolti. Considero una battuta l’affermazione circa la prevedibilità di un sistema di monitoraggio, in quanto per i lavori suddetti sono stati installati, in diversi parti dell’immobile, una ventina di sensori, costantemente sorvegliati, che hanno consentito di gestire la, ripeto, delicatissima opera di consolidamento con cognizione dei fenomeni che, di volta in volta, si manifestavano.

Non posso che concordare, e ci mancherebbe altro, con il dott. Angelo Piazzoli, segretario generale della Fondazione Credito Bergamasco, circa le scelte operate dalla stessa Fondazione. Debbo purtroppo rilevare che per cause non dipendenti dalle scelte di questa Amministrazione, il cantiere comunale e la proposta realizzazione della sala ipogea venivano a sovrapporsi creando una situazione impossibile da gestire, sia per gli aspetti operativi, sia per una coerenza degli spazi.

Questa Amministrazione ha scelto di privilegiare l’intervento comunale di ristrutturazione e di messa in sicurezza dell’Accademia e, se proprio devo essere sincero, me ne rallegro in quanto, durante il travagliato iter dell’opera ho potuto constatare l’inderogabilità della necessità di tale ristrutturazione. Ciò per le condizioni statiche del fabbricato costituito da strutture che definisco, eufemisticamente, un po’ troppo eterogenee sia per le dotazioni impiantistiche, rimaste inalterate dal secondo dopo guerra, e del tutto inadatte ad ospitare e conservare i capolavori che costituiscono un patrimonio assoluto della città di Bergamo. Faccio inoltre rilevare che questa Amministrazione ha deciso di completare con il consolidamento della barchessa orientale e con la predisposizione per i necessari utilizzi degli spazi la messa in sicurezza dell’intera Accademia. Per concludere credo di aver svolto il mio dovere di Amministratore nella vicenda con il massimo impegno e con la massima diligenza e mi rendo perfettamente conto solo che chi non fa è esente da critiche.

Approfitto dello spazio concessomi per esprimere la mia gratitudine alla Fondazione Credito Bergamasco per la collaborazione offerta alla città che, lo dico con un po’ di orgoglio, consentirà di raggiungere per la nostra cara Accademia Carrara livelli di eccellenza. La ringrazio per l’ospitalità e Le invio i miei più cordiali saluti.

Prof. Alessio Saltarelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giobatta

    motivazioni ragionevolissime per giustificare il solito volar basso

    1. Scritto da angilberto

      Hai perfettamente ragione! a Bergamo si vola basso anzi, non si vola affatto!!!!!!