BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Treviglio a Dubai: l’artigianato bergamasco conquista gli sceicchi

Per battere la crisi del settore 100 imprese di artigiani locali si sono unite e hanno dato vita a una produzione di altissimo livello venduta quasi esclusivamente all'estero e in particolare nei Paesi Arabi e anche a Mosca

Il made in Bergamo conquista Dubai. Credenze, vetrine, poltrone, finemente intarsiate in ebano, avorio o madreperla e con finiture dorate. E’ questo il biglietto da visita nel mondo di Treviglio. Circa 100 imprese di artigiani locali si sono unite e hanno dato vita a una produzione di altissimo livello venduta quasi esclusivamente all’estero e in particolare nei Paesi Arabi e, più di recente, anche a Mosca. A clientela, ovviamente, molto esclusiva (un mobile può costare anche diverse migliaia di euro) come gli sceicchi.

"Abbiamo puntato tutto sull’internalizzazione –spiega a Labitalia Francesco Ghilardi, capo Polo di Treviglio dell’Associazione Artigiani di Bergamo- appoggiandoci alle Camere di commercio lombarde. Da anni siamo presenti a eventi fieristici a Dubai, a Monaco e a Mosca per intercettare i buyer dei piccoli numeri, quelli che cercano la qualità dell’eccellenza e non i grandi numeri. Non possiamo essere competitivi coi colossi dell’industria, ma i nostri sono pezzi unici e chi li apprezza si trova in tutto il mondo".

Il 2014, dice Ghilardi, "per ora segna un -5% di fatturato rispetto al 2013". "Non sarebbe una gran perdita, se non fosse che il 2013 si è chiuso con un -40% rispetto all’anno precedente, ancora da recuperare", sottolinea.

Sembra strano, ma in questo polo dell’eccellenza del made in Italy, c’è un problema serio che affligge gli imprenditori ed è quello di trovare personale, specializzato o da formare, soprattutto giovane. "Con la crisi hanno chiuso anche molte piccole botteghe dell’indotto che costituivano il serbatoio naturale di manodopera per la lavorazione artistica del legno -aggiunge Ghilardi- e ora dobbiamo addirittura tremare se squilla il telefono per una commessa consistente perché c’è il rischio, a causa della mancanza di personale, di non poterla portare a termine".

E la carenza, spiega Ghilardi, riguarda anche altre categorie come edili, idraulici e elettricisti. "L’artigiano di oggi -conclude Ghilardi- deve essere anche manager di se stesso. Per questo, insieme all’Università di Bergamo abbiamo dato vita alla scuola per ‘dottori artigiani’, ossia alla Scuola Dirigenti Artigianato. Un’iniziativa che -conclude- ci auguriamo che avvicini tanti giovani ai mestieri d’arte".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.