BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stop al corso di inglese L’appello di Graziani: ‘Imprese dateci una mano’

Il direttore dell'Ufficio scolastico provinciale di Bergamo, Patrizia Graziani, commenta il caso della sospensione del corso di inglese nelle scuole elementari di Rovetta a causa dei tagli del ministero. “Il territorio può intervenire, esistono già molte sponsorizzazioni e non solo per la lingua inglese – afferma Graziani – occorre mettere insieme le risorse migliori per dare continuità ai progetti e accendere qualche riflettore positivo sulla scuola per valorizzarla al meglio”.

La lettera denuncia del vicesindaco di Songavazzo, Stefano Savoldelli, per l’interruzione dell’insegnamento della lingua inglese nella scuola elementare dovuta ai tagli del Ministero dell’Istruzione, interviene il direttore dell’Ufficio scolastico provinciale di Bergamo Patrizia Graziani.

“I tagli sono dovuti al periodo di crisi che attraversa il nostro Paese e che non risparmiano purtroppo nemmeno la scuola – afferma Graziani –. Ma non voglio fare commenti in questo senso. Credo sia comprensibile la grande sofferenza che provano quanti lavorano all’interno della scuola. Vorrei che si guardasse oltre, che si prendessero a modello molte sponsorizzazioni che vengono dal territorio e lanciare così un appello alle imprese perché intervengano e diano continuità a questo progetto di lingua inglese a Songavazzo e non solo. Non è una questione prettamente economica, Mi piacerebbe che questo appello serva per mettere insieme le risorse migliori – di insegnenti, genitori, imprese ed enti – per dare continuità ai tanti progetti che hanno i nostri istituti e che sia l’occasione per accendere qualche riflettore positivo sulla scuola e valorizzarla al meglio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lotty

    Scusi, ma il congiuntivo da usare è servisse…

  2. Scritto da lotty

    Basterebbe abolire gli insegnanti della religione cattolica(esiste il catechismo all’oratorio per chi lo vuole) pagati dallo stato e sostituirli con insegnanti di lingue. Ma guai a provarci!

  3. Scritto da lotty

    Comodo non fare commenti sui tagli alla scuola pubblica mentre si continua a finanziare la scuola privata cattolica dove non manca niente!

  4. Scritto da lotty

    La signora graziani ha partecipato con il vescovo all’incontro delle scuole private cattoliche che usufruiscono dei finanziamenti dello stato: soldi rubati alle scuole pubbliche che sono al disastro!

  5. Scritto da MC

    Qualcosa mi dice che le imprese abbiano, alla fine, capito che investire denaro in una scuola come questa e’ solo uno spreco: soldi buttati. Sarebbe bellissima una sinergia tra imprese ed istruzione (qualcuno si ricorda l’Esperia?): ma bisognerebbe avere un’istruzione degna di questo nome. Altrimenti e’ elemosina…Che la scuola cambi: butti a mare tutte le astruse idiozie che l’hanno trasformata in un circo, e i soldi arriveranno.

  6. Scritto da Luigi

    Professoressa Graziani, invece di 4 insegnanti in un anno scolastico di alfabetizzazione motoria (che è anche un obbrobrio lessical-burocratico per far digerire uno stipendificio insulso), offra lei (tanto non pagherà mai di tasca sua) un’insegnante di inglese ai piccoli di Songavazzo. Le famiglie, fuori dalla scuola, ci pensano sa sé a far fare attività motoria ai figli: calcio, pallavolo, ciclismo, danza, pattinaggio, sci, etc…. La scuola faccia SCUOLA; per lo sport ci arrangiamo noi!

    1. Scritto da ru

      E perché i genitori non propongono il contrario? Visto che attività motoria già c’è? Polemizziamo o cerchiamo di lavorare insieme per i ragazzi?

      1. Scritto da Luigi

        Con un figlio tutto il giorno alla scuola dell’obbligo, devo provvedere io privatamente all’ora di lingua straniera? Un’ora a settimana di “alfabetizzazione motoria” della scuola è puramente ricreativa e figurativa, nulla a che vedere con lo sport… (che richiede ore di pratica ed allenamento). Illustra basilarmente ai bambini alcune discipline sportive. Di fronte all’appello di Graziani, mi sento di dire: sostituisca i 4 “ginnasti” annuali con l’insegnante di inglese: nessuna polemica…