BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L’utilità dell’inutile” Nuccio Ordine presenta Il suo libro in università

Il manifesto, che ribalta i paradigmi dell’utile e dell’inutile, verrà presentato mercoledì 12 febbraio. All’iniziativa prenderanno parte il rettore Stefano Paleari e il professor Guido Baldassarri.

Più informazioni su

Il professor Nuccio Ordine presenterà il suo libro, “L’utilità dell’inutile”, all’Università degli Studi di Bergamo. L’appuntamento è mercoledì 12 febbraio alle 15.30 nella sala conferenze della sede di Piazzale Sant’Agostino, 2. All’incontro prenderanno parte il rettore Stefano Paleari e il professor Guido Baldassarri.

Il saggio, che intreccia un ricco apparato di riferimenti letterari e flosofci con una rifessione sull’utilità della cultura e dell’istruzione, propone una più ampia analisi della società e del suo inaridimento, rivedendo anche la concezione del proftto, da riconsiderare come un mezzo e non un fine.

Il volume evidenzia come non sia vero, nemmeno in tempo di crisi, che è utile solo ciò che produce proftto. Nelle democrazie mercantili, infatti, esistono saperi ritenuti “inutili” che invece si rivelano di una straordinaria utilità.

Nel saggio, dunque, l’autore attira l’attenzione del lettore sull’utilità dell’inutile e sull’inutilità dell’utile. Lo fa attraverso le rifessioni di grandi flosofi, come Platone, Aristotele, Zhuang-zi, Pico della Mirandola, Montaigne, Bruno, Campanella, Bacone, Kant, Tocqueville, Newman, Poincaré, Heidegger e Bataille ma anche di grandi scrittori, quali Ovidio, Dante, Petrarca, Boccaccio, Ariosto, Moro e Shakespeare, Cervantes, Milton, Lessing, Leopardi, Hugo, Gautiér, Dickens, Herzen, Baudelaire, Stevenson, Kakuzo Okakura, García Lorca, García Márquez, Ionesco, Calvino, Foster Wallace,

Ribaltando i paradigmi dell’utile e dell’inutile, infine, Ordine mostra come l’ossessione del possesso e il culto dell’utilità fniscono per inaridire lo spirito, mettendo in pericolo non solo le scuole e le università, l’arte e la creatività, ma anche alcuni valori fondamentali come la dignitas hominis, l’amore e la verità. Eliminando la gratuità e l’inutile, quindi, uccidendo quei lussi ritenuti superfui, diffcilmente l’homo sapiens potrà rendere più umana l’umanità.

Docente ordinario di Letteratura italiana all’Università della Calabria nonchè esperto studioso di Giordano Bruno e del Rinascimento, il professor Nuccio Ordine ha frmato questo manifesto, che in Francia è stato subito accolto come un successo, restando per settimane nella classifca dei libri più venduti. In Italia il volumetto ha collezionato ben 5 edizioni in un solo mese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.