BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’allarme di Fontana “Futuro di Orio a rischio, tutta colpa del governo”

Duro attacco del parlamentare di Forza Italia Gregorio Fontana al governo, che martedì ha approvato il decreto “Destinazione Italia”. L'articolo 13 prevede forti limitazioni di capacità negoziali dell'aeroporto con le compagnie aeree. L'allarme era già stato lanciato una settimana fa, ma non è stato raccolto dalla politica.

Duro attacco del parlamentare di Forza Italia Gregorio Fontana al governo, che martedì ha approvato il decreto “Destinazione Italia”. L’articolo 13 prevede forti limitazioni di capacità negoziali dell’aeroporto con le compagnie aeree. L’allarme era già stato lanciato una settimana fa, ma non è stato raccolto dalla politica. Secondo Fontana queste norme potrebbero pregiudicare il futuro dello scalo bergamasco.

"In un periodo così difficile per la nostra economia ci si sarebbe aspettati dal Governo provvedimenti, non solo che tentino di risollevare le realtà in difficoltà, ma anche di rafforzare e di sostenere le poche attività economiche che, in tempo di crisi, funzionano e danno lavoro a migliaia e migliaia di persone e l’aeroporto di Orio al Serio è una di queste eccezioni. Nonostante ciò il Governo, prima determina una classificazione che di fatto penalizza e retrocede il terzo aeroporto d’Italia in serie B, e poi oggi con il decreto “Destinazione Italia” assesta un vero e proprio colpo basso capace di pregiudicare il futuro del nostra aeroporto. Del resto l’unica priorità dell’Esecutivo in questi mesi è stata la sola difesa del monopolio di Alitalia e la penalizzazione del libero mercato e delle altre compagnie. Le norme contenute nell’art. 13, approvato stamane della Camera, non esistono in nessuna parte d’Europa e privano i gestori aeroportuali della fondamentale libertà negoziale con le compagnie aeree rendendo di fatto impossibile la chiusura di accordi con le compagnie e di conseguenza azzerando la competitività del nostro aeroporto.

Inoltre se queste norme non verranno modificate dal Senato si esporrà ogni nuovo contratto alla possibilità di ricorsi infiniti proprio come avviene nel mondo degli appalti delle opere pubbliche. Provate ad immaginare quale sarà il futuro delle trattative tra un vettore e i manager del nostro aeroporto che dovranno d’ora in poi mettere in piedi una specie di mini gara pubblica coinvolgendo le rigide burocrazie romane di Enac e di Autorità del Trasporto.

C’è chi in questi giorni si è preoccupato del volo per Roma, ma con norme del genere rischieremo di fare scappare a gambe elevate le compagnie low cost che hanno rappresentato la forza e la ricchezza del nostro scalo e di molti altri aeroporti in Italia. Le modifiche apportate a questo articolo durante la discussione alla Camera sono del tutto insufficienti. E’ molto grave inoltre che i ripetuti allarmi in questo senso fatti da Assaeroporti, lettera in allegato, siano stati ignorati dal Governo troppo impegnato a proteggere il monopolio di Alitalia. Nei prossimi giorni Forza Italia avvierà non solo una serie di incontri con le categorie economiche bergamasche ma organizzerà anche una manifestazione proprio all’aeroporto di Bergamo per manifestare contro l’approvazione di questo decreto.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigi

    proprio il sig. Fontana che non ha mosso un dito contro le delocalizzazioni delle imprese delle valli e il licenziamento di migliaia di lavoratori viene a parlare di occupazione? Quale? Quela dei lavoratori in nero o sottopagati? Dei parcheggi nelle stalle?
    La normativa è fatta proprio per evitare la concorrenza sleale tra gli aeroporti

  2. Scritto da usiamo il cervello

    Non amo molto il governo Letta ma condivido in pieno questa proposta che è in linea con i parametri europei e mira ad evitare concorrenze sleali erogando contributi pubblici alle compagnie aeree (20 milioni di euro all’anno alla Ryanair, scritto nero su bianco nel bilancio di SACBO).

  3. Scritto da stefano

    Forse questo provvedimento ci eviterà di arrivare ad una Taranto 2, dove il lavoro si è perso comunque e in più ci sono gli ammalati di inquinamento!

    1. Scritto da Andrea

      ma infatti secondo me dovremmo chiudere pure la Tenaris, la Rea e l’A4

  4. Scritto da Mister Bean

    Siamo alle solite. Il governo si interessa solo di salvare alitaglia facendo affondare tutto quello che porta soldi lontano da roma. C’è ancora troppa gente che segue le indicazioni di partito, invece di guardare cosa gli capita sotto il naso. Quindi saremo sempre la plebe di questi signorotti dal sapore medievale. A tal proposito si vocifera che renzi, dopo aver raddrizzato la concordia, stia per raddrizzare anche la barca italica. Ma è solo l’ennesimo bluff.

  5. Scritto da Armando

    Per prima cosa mi sarei aspettato di leggere sia l’articolo 13 che il tipo di classificazione. Per seconda cosa il Sig. Gregorio Fontana, invece di sparare affermazioni generiche, quale rappresentante di una forza politica presente in parlamento, avrebbe dovuto discuterle nella sede appropriata: il parlamento italiano. Mi domando, a commento: Il populismo trash paga ancora? Se la risposta è:sì, allora povera Italia di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta…….

    1. Scritto da giorgio

      Fontana ha presentato un odg alla camera nel merito della questione, se lei non segue i lavori del parlamento è un problema suo armando. Un comunicato politico secondo lei di quante pagine dovrebbe essere per entrare nel merito della questione che mi sembra comunque già ben abbozzata. Armando continui pure a pagare miliardi e a voltare con “alitaglia”

  6. Scritto da Giovanni

    Forza Italia si conferma un partito dalla parte dei padroni, che tutela i privilegi assurdi anche quando vanno contro la salute dei cittadini, all’Ilva di Taranto come all’aeroporto di Orio. Lavoro a migliaia di persone? Ma quando mai, ci sono solo centinaia di contratti a termine e spesso con cooperative.

    1. Scritto da Silvio

      Quindi rinunciamo anche a quelli? Ammesso sia così…

    2. Scritto da marco

      Il solito intervento ridicolo, l’aeroporto di Orio genera centiania di posti di lavoro nel solo aeroporto, un indotto incalcolabile e un servizio insostituibile che constringerebbe bergamo e brescia ad andare al solito fino a milano per prendere un aereo. Se poi tu non esci mai di casa è un altro discorso…

      1. Scritto da gigi

        Forse prima di offendere bisognerebbe riflettere. Guardi che tutti questi dati sull’indotto finora sono solo stati enunciati ma mai dimostrati. Sono compresi anche i parcheggi nelle stalle, i taxisti abusivi e i B&B in nero? Non bisogna aver fatto la Bocconi per sapere che l’indotto reale non supera mai il numero degli addetti effettivi. E poi se si partisse da Montichiari che non ha problemi ambientali non bisognerebbe andare fino a Milano e ci sarebbe lavoro per tutti.

  7. Scritto da franco

    Mi dispiace ma i nostri governanti stanno distruggendo quel poco di buono e funzionante che rimane di economia all’italia

  8. Scritto da Progetto Nevj

    Ma Fontana!? Scopri l’acqua calda!? È dal 2007 che si sà che Orio chiude. Mia mail e relative conversazioni a responsabili CCIAA. Non solo, ma non vedi che Bergamo in questi anni èstata tagliata fuori dalle grandi infrastrutture? Politici bergamaschi!? Polliiiiiii

  9. Scritto da Andrea

    una delle poche cose che funziona…e ci si preoccupa di rovinarla….che schifo di paese!

  10. Scritto da giorgio

    questo governo sta riuscendo nella epica impresa di fare peggio del precedente. eppoi vorrei sapere in questo caso cosa centra il sindaco quando le scellerate decisioni sono prese a livello nazionale. per quanto riguarda gori se e’ cosi democratico da non volere post contro si parte proprio male!

  11. Scritto da Luigi volante

    Questa classifica basata sui passeggeri non tiene conto di molti aspetti. Orio terzo aeroporto d’ Italia e’ una stupidaggine enorme per chiunque conosca gli aeroporti italiani e i servizi che offrono. I passeggeri sono dovuti solo a ryanair senza la quale orio scompare da tutte le classifiche, anzi direi che chiude. E infatti la compagnia fa quello che vuole, persino sopprimere i voli con Roma tanto cari ai bergamaschi.

    1. Scritto da gutembergem

      Che cosa offrono gli altri aeroporti!!! Io volo spesso e a parte Roma e Milano, gli altri sono da ridere!
      A Bergamo l’aeroporto offre LAVORO e OPPORTUNITA’ a migliaia di lavoratori e se per lei è poco per migliaia di famiglie significa il futuro. Lei e la sua classifica del piffero.

  12. Scritto da sepp

    ora che Renzi governa e governerà il Paese sarebbe un suicidio non affidare la città a Gori restando rappresentati dalla tristissima coppia Calderoli-Tentorio. Se i Bergamaschi non lo capiscono la nostra città farà una brutta fine.

    1. Scritto da Marco

      Giusto diamogli subito la città senza passare da elezioni come stanno facendo al parlamento, d’altronde voi del pd solo così riuscite a vincere se non chiedete aiuto ai magistrati per eliminare i vostri avversari politici..

      Questi vogliono chiudere Orio perché toglie spazio ai loro areoporti dove hanno interessi in ballo mentre qui non riescono a trovare terreno fertile come da loro. Difendere le nostre infrastrutture è l’unica via per stare ancora in pied

    2. Scritto da tontolotto

      Renzi governerà il paese? Questo non ha ancora capito come girano le cose da quelle parti. Aspetta e vedrai, tontolotto. Finirà come sempre: un gran gazzabuglio.
      Ma non hai ancora capito che per governare un paese ci vuole il 51% dei consensii, e con un solo uomo al comando?
      E Renzi, come gli altri, se lo sogna il 51%

      1. Scritto da sepp

        mai nessuno in Italia, nemmeno la DC dei tempi d´oro o Berlusconi nel 2001, ha avuto il 51 % dei consensi. Detto questo, gli unici tontolotti sono quelli che non capiscono che una città rappresentata da un ex missino e dal “porcellum” leghista negli anni a venire si sentirà sempre e solo dire di NO.

    3. Scritto da Paolo

      Cosa c’entra? Comunque vorrei ricordare che Renzi ha scaricato Gori tempo fa…

  13. Scritto da roberto d.

    bravissimo Fontana. Bergamo è con te.