BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il camionista distratto dovrà pagare i danni del rondò di Monterosso

Chi paga i danni del rondò danneggiato a Monterosso? Molti cittadini si sono posti questa domanda nel bel mezzo della cosa nella zona dello stadio. L'amministrazione conferma: chi ha procurato il danno, dovrà mettere mano al portafoglio. Si parla di più di mezzo milione di euro che dovranno essere rimborsati dalla ditta dello sventurato autotrasportatore che ha calcolato male l'altezza della ruspa posizionata sul rimorchio.

Più informazioni su

Chi paga i danni del rondò danneggiato a Monterosso? Molti cittadini si sono posti questa domanda nel bel mezzo della cosa nella zona dello stadio. L’amministrazione conferma: chi ha procurato il danno, dovrà mettere mano al portafoglio. Si parla di più di mezzo milione di euro che dovranno essere rimborsati dalla ditta dello sventurato autotrasportatore che ha calcolato male l’altezza della ruspa posizionata sul rimorchio.

L’assicurazione, se stipulata per danni verso terzi, dovrebbe però coprire l’importo. I danni morali e “temporali” delle migliaia di automobilisti in coda invece non verranno risarciti. Anzi, i problemi continueranno ancora per qualche settimana. Il ponte infatti, come stabilito dai tecnici comunali, dovrà essere abbattuto. Come se non bastasse, proprio in quel rondò passa un super cavo dell’alta tensione che alimenta tutto il quartiere del Monterosso. Prima di procedere con la demolizione si dovrà bypassare la linea elettrica Enel e quella dell’illuminazione pubblica di A2A. L’assessorato ai Lavori pubblici dovrà poi ordinare travi su misura e sostituire il ponte danneggiato. La circonvallazione sarà riaperta, mentre il rondò dovrà aspettare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano

    Grazie al camionista ora mi immetto verso il rondò delle valli senza dover dare la precedenza a chi arriva da Ponteranica,petosino ecc. ecc. ..finche dura.

  2. Scritto da Alberto

    Quando è successo a Gazzaniga lo scorso anno, alla fine è saltato fuori che, a forza di asfaltare senza fresare lo strato precedente, non c’era più l’altezza netta minima (per 7 cm o giù di lì) sotto il ponte. Ergo, paga la Provincia (ed infatti il ponte è ancora lì nello stesso stato dopo l’incidente).

  3. Scritto da ciapel

    vi è il cartello indicante il divieto di mezzi con altezza superiore a tot?
    se non vi fosse o poco visibile paga il comune !

    1. Scritto da robi

      Ma cosa stai dicendo!!!!! Da sempre il codice della strada indica in 4,50 l’altezza massima dei veicoli e in altrettanti 4,50 l’altezza minima dei cavalcavia! E’ una norma imposta dai Vigili del Fuoco perché le autocisterne hanno quell’altezza!
      Possibile che ci sia solo gente che sa criticare ed è ignorante in materia!

  4. Scritto da Nino F.

    Se la memoria non mi inganna, quella trave di accesso al ponte presentava già un buon numero di tondini messi a nudo e piegati verso l’interno, da alcuni anni. Ciò potrebbe significare che qualcosa di simile lì già si era verificato. Pare incredibile che l’urto del braccio di una gru trasportata su un camion abbia accelerato la massa dell’impalcato di un simile ponte così tanto da prescriverne la demolizione! Ma che perni di tenuta aveva questo braccio di gru?

  5. Scritto da giupì

    Danno emergente e lucro cessante, così ci insegnavano a scuola. Difficile calcolare il secondo per i disagi subiti dagli automobilisti, anche quando per colpa di qualche pi..a che non rispetta le distanze e va a tamponare in orari di punta, si formano code chilometriche.
    Il rimedio: una multazza gigante che venga utilizzata per sistemare rapidamente le buche nelle strade. Elementare, W

  6. Scritto da ciccio

    …un super cavo dell’alta tensione che alimenta Monterosso? cosa e’ fantascienza? o un normalissimo cavo 15kv ?

  7. Scritto da domas

    Allora fa di modo chi tutti politici restituisce il soldi rubati dello stato italiano, questo autista anche si ha sbagliato stava lavorando.

  8. Scritto da nico

    …ma è lo stesso saltarelli che nel caso dei danni effettuati da tifosi juventini in curva sud ha negato l’esistenza degli stessi e che pare non aver richiesto risarcimenti a nessuno? ma è lo stesso saltarelli che pare non aver richiesto danni al camionista incastrato sotto portagaribaldi qualche mese fa? …mhhh interessante questo cambio di rotta… non è che poi sarà smentito dal perito dell’assicurazione? e cosa pensa di far fare una demolizione a scomputo???

  9. Scritto da Luna

    E’ vero, chi rompe paga. Purtroppo a quell’autista quella giornata è costata cara, speriamo non il posto di lavoro. Il principio dovrebbe essere esteso a tutti però, a cominciare dagli amministratori pubblici che spesso con le loro decisioni danni economici e morali alla collettività ne cagionano a bizzeffe. L’amministrazione comunale di Bergamo durante il quinquenio di certo non ha brillato nemmeno in questo, ed ora ne fa uno spoot pre-elettorale? Che vergona.

  10. Scritto da Raff

    Colgo l’occasione per ripetere: CAMBIATE LE PRECEDENZE nella mezza rotonda!

  11. Scritto da ellekappa

    . L’assessorato ai Lavori pubblici dovrà poi ordinare travi su misura e sostituire il ponte danneggiato….Ma è impossibile,trattandosi di un danno non causato ma subito dall’amministrazione comunale , per colpa di un privato !

    1. Scritto da willer

      Quindi se impossibile rimane così per secoli ?

    2. Scritto da Osservatore bergamasco

      Non capisco: cosa sarà impossibile?

      1. Scritto da ellekappa

        Ma a che titolo l ‘ assessorato dovrebbe ordinare le travi ? E’ ovvio no potrebbe mai far una cosa del genere ;-)

  12. Scritto da Momo

    Ma c’era il cartello che avvisava dell’altezza massima?

    1. Scritto da Andrea

      Giusta osservazione…

      1. Scritto da Luigi

        Ma scusi, anche senza cartello, un autista di professione non sa che il massimo è 4 mt di altezza? Secondo me il problema riguarda il braccio dell’escavatore che inavvertitamente e imprudentemente non è stato ripiegato su sé stesso il più basso possibile. Non che l’autista non sappia quali sono le misure sotto le quali può passare….

        1. Scritto da Luca

          e un chilometro prima c’è il sottopasso del rondò delle valli, e lì l’altezza massima di 5.3 metri è segnalata…

        2. Scritto da daniel

          I ponti con misura inferiore a 4mt e 50 devono essere x legge tutti segnalati e a Monterosso nn sono segnalati….e se sei in possesso dei permessi x i trasporti in eccezionale come in questo caso puoi superare i 4mt e nessuno può contestarti niente. ..però sicuramente qualcosa da contestare l avranno sempre…

          1. Scritto da Luigi

            Sono d’accordo con lei e grazie per la precisione delle informazioni. Mi rifaccio al mio precedente commento: non sarà il primo escavatore che passa lì sotto su un carrello…. Evidentemente l’autista non aveva ripiegato bene il braccio…. al di là dei cartelli…. E resto incredulo che una botta così, renda pericolante istantaneamente tutta la struttura.

  13. Scritto da Piero

    Sì, il principio dovrebbe essere applicato a chiunque faccia danni economici alla collettività! Soprattutto ai politici e agli amministratori pubblici!

  14. Scritto da Osservatore bergamasco

    Molto interessante! Ma è una novità oppure è sempre stata la linea adottata, in casi simili, dalla Pubblica amministrazione? Anche questo sarebbe interessante sapere. Così come sarebbe interessante domandare alla Società Autostrade chi ‘risarcisce’ i danni morali e temporali alle centinaia di automobilisti che, ogni anno, si trovano invischiati, in A4, nel bel mezzo di incidenti causati da altri.

  15. Scritto da Simone

    niente da obbiettare !! ma il principio dovrebbe valere per tutti quelli che fanno un danno alla collettività !! esempi ce ne sono a bizzeffe !!

  16. Scritto da robi

    i E’ fortunato a non dover pagare i danni morali, sono sicuramente superiori al costo del rifacimento del ponte!

    1. Scritto da Andrea

      Danni morali? per cosa? per 10 min in piu’? io dovrei esser miliardario se li dovessi chiedere a chi di dovere fra petosino ponteranica e bergamo visto che ogni mattina impiego 30 minuti per percorrere 3 km….