BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Robben Ford al Druso The Best Blues Usa dagli anni ’60 a oggi

Il Druso Circus di Redona ospita l'11 febbraio Robben Ford, "la miglior chitarra d'America" con la sua band. Ad aprire la serata saranno gli Attribution.

Più informazioni su

Martedì 11 febbraio alle 22, il chitarrista americano Robben Ford si esibirà con la sua band al Druso Circus di via Galimberti 6 a Bergamo.

La band: Robben Ford (chitarra e voce), Brian Allen (basso), Ricky Peterson (organo), Wes Little (batteria).

Ad aprire la serata saranno gli Attribution, band composta da Marco “Paso” Pasinetti (chitarra e voce), Sebastiano Pezzoli (basso), Stefano Guidi (batteria) e Danilo Mazzone (tastiere).

Dopo aver girato per anni i locali della bergamasca proponendo originali rivisitazioni di brani di Miles Davis, Weather Report , Herbie Hancock, Jimi Hendrix, Billy Cobham, John Scofield e Marcus Miller, gli Attribution propongono oggi un repertorio di inediti sia strumentali che cantati in attesa del ‘uscita del loro primo disco. Un approccio molto personale e creativo alla grande musica, senza esclusione di generi; improvvisazione, fantasia, suoni ricercati e tanto feeling, sostenuti da una groovosissima sezione ritmica. L’ingresso alla serata è con tessera associativa (6 Euro) più contributo di 35 Euro .

ROBBEN FORD: E’ uno dei migliori chitarristi elettrici contemporanei, particolarmente noto per il suo blues così come per le sue abilità nell’adeguarsi a qualsiasi contesto musicale; cinque volte nominato ai Grammy Awards, ha suonato con artisti quali Joni Mitchell, Jimmy Witherspoon, Miles Davis, George Harrison, Phil Lesh, Bonnie Raitt, Claus Ogerman, Michael McDonald, Bob Dylan, John Mayall, Greg Allman, John Scofield e molti altri.

Nato nel 1951 a Woodlake (California), la sua prima scelta ricade sul sassofono che inizia a suonare all’età di 10 anni, spostando poi la sua attenzione sulla chitarra, che inizia ad imparare a suonare da autodidatta a tredici anni. A fine anni ’60 comincia a frequentare costantemente il Fillmore e Winterland Auditoriums di San Francisco per ascoltare Jimi Hendrix, Eric Clapton, Cream, Led Zeppelin, Albert King, B.B. King e tutti i progenitori del blues. Terminata la scuola, insieme ai fratelli Patrick (batterista) e Mark (armonicista) forma la The Charles Ford Band (dal nome del padre). Nel 1977 firma un accordo con l’etichetta Elektra Records con cui produce il primo album, The Inside Story. Dopo la chiusura dell’etichetta nel 1980 ritorna a San Francisco per stare accanto alla famiglia e alla sua tradizione musicale e, un’altra volta, la sua carriera ha una svolta: collabora e si esibisce con Michael McDonald assicurandosi un contratto con la Warner Brothers Records.

Prende la sua prima nomination ai Grammy come “Best Contemporary Blues Recording” per l’album Talk to Your Daughter del 1988 con l’etichetta Warner Brothers e intraprende il suo primo tour personale. Nel 1998 anni Robben scioglie la band e realizza altri due lavori per la stessa etichetta, diventata Stretch/Blue Thumb: “Tiger Walk” e “Supernatural”, il più raffinato lavoro come compositore realizzato fino ad ora.

Nel 2000 viene invitato ad intraprendere un tour con Phil Lesh and Friends in una collaborazione con Bob Dylan.

Alla scadenza del contratto con la Stretch/Blue Thumb firma con la Concord Records, realizzando, nel 2002 Blue Moon e nel 2003 Keep on Runnin, un lavoro pieno di blues/R&B anni ’60, quello con cui è cresciuto. Segue Truth che rappresenta il blues dei nostri giorni ed è stato definito da Robben il migliore lavoro realizzato da solista nonché come compositore, “sento di aver definito il mio terreno come chitarrista”. www.drusocircus.it 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.