BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Petteni: il risultato del referendum svizzero è una buona notizia

Il bergamasco Gigi Petteni, segretario della Cisl Lombardia commenta l'esito del referendum svizzero: “Obbliga tutti a riconoscere che non siamo un Paese normale e impone di affrontare questioni che noi da tempo poniamo, senza essere ascoltati: i problemi dei lavoratori frontalieri, la fuga delle imprese italiane all’estero, in particolare in Ticino”.

“Il risultato del referendum della Svizzera è una buona notizia. Obbliga tutti a riconoscere che non siamo un Paese normale e impone di affrontare questioni che noi da tempo poniamo, senza essere ascoltati: i problemi dei lavoratori frontalieri, la fuga delle imprese italiane all’estero, in particolare in Ticino”.

Così Gigi Petteni, il bergamasco segretario generale della Cisl Lombardia, commentando l’esito della consultazione referendaria elvetica sul tetto all’immigrazione dei lavoratori anche comunitari.

“Questa vicenda ci insegna che la ricerca di scorciatoie causa solo danni – afferma Petteni -. Certo, però, la Svizzera deve risolvere le sue pesanti contraddizioni: vuole la circolazione delle merci, la circolazione dei capitali, ma non la circolazione delle persone?”.

“Finalmente – aggiunge – è arrivato il momento di rivedere i patti con la confederazione elvetica sul lavoro, non solo sui capitali finanziari”.

Quanto al risultato del Canton Ticino, secondo Petteni è la conferma “che i nostri lavoratori italiani sono i migliori. La netta vittoria dei sì è la dimostrazione della frustrazione dei lavoratori svizzeri”.

In conclusione, il segretario generale della Cisl Lombardia rilancia la necessità di affrontare il campanello d’allarme dell’esito del referendum “senza drammi inutili”.

“Non serve a nulla darci colpe gli uni con gli altri – afferma Petteni – Dobbiamo certo leggerci e rileggerci, riflettere, ma soprattutto occorre affrontare i problemi in modo concreto e compiere delle scelte. Dobbiamo creare tutte le condizioni perché più nessuna nostra azienda si sposti dal nostro territorio e fare di tutto per attrarle qui".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vergognatevi

    I paladini della democrazia e dellla verità danno dei sottosviluppati a tutti quelli che non la pensano come loro…se non è razzismo questo cosa è? Vergognatevi

  2. Scritto da Terrones

    Non vogliono i terroni di Varese e Como

  3. Scritto da Filippo

    Il popolo svizzero é chiamato a votare su decisioni che lo riguardano in Italia siamo fortunati c’è chi pensa e provvede per noi a cominciare da Napolitano, continuando con Letta e il suo Governo Gioppino per finisre con il ministro Kienge.
    L’Italia che paese ridicolo !

    1. Scritto da Buffones

      Il problema dell’italia è che siamo un popolo di mentecatti che votano lega e pdl , l’accoppiata che ha portato la nazione al fallimento.

      1. Scritto da so de dos

        Mentecatto sarà lei,cosi’ come chi pensa di saperne pu’ degli altri. Lei voti chi le pare ma non dia titoli a chi non la pensa coem lei.

  4. Scritto da Nazionalismo

    Il nazionalismo è l’ultimo rifugio dei vigliacchi, in tutto il mondo…

  5. Scritto da poldo

    In Svizzera il popolo è sovrano! In Italia il popolo è solo un contibuente da sfruttare! Perchè non facciamo un referendum uguale anche da noi? Perchè hanno paura del risultato?

    1. Scritto da Riflessione

      Anche in italia il popolo è sovrano , solo che vota LEGA e PDL , capisci la differenza ? Capisci perchè siamo diventati un paese sottosviluppato ?

      1. Scritto da dai?

        Parli per esperienza?

      2. Scritto da Spares

        E tu che sei l’oracola cosa diceio di votare? Dai illuminaci!

    2. Scritto da Adelkè

      Non vuoi più far entrare gli altri europei ue in italia ? francesi, spagnoli , olandesi …….. Gli extra UE sono già contingentati , per esempio i contingenti arrivati con la lega al governo chi credi li abbia definiti ? MIA SORELLA ?

  6. Scritto da ugo

    “..i nostri lavoratori italiani sono i migliori…” e allora cosa le prendiamo a fare tante “risorse”straniere?viene da pensare che qualcuno ci mangia sopra. O no.

  7. Scritto da Subito

    100 % di dazio per le ditte italiane che si sono trasferite in canton ticino , nullità di ogni operazione fatta da aziende di italiani con sede fasulla in svizzera , sequestro definitivo e carcere per chi ha depositi in svizzera.

  8. Scritto da andrea

    loro svizzeri noi italiani.
    loro hanno una democrazia noi una monarchia
    loro sono …… svizzeri

    1. Scritto da stefano b.

      e hanno tutti i miliardi di evasione fiscale dei nostri italiani che affamano i propri connazionali, grazie a gente che pensa come voi.

    2. Scritto da Cirano

      A te e a tutti i grandi ammiratori della Svizzera (un paese che si dovrebbe vergognare per tutti gli affari sporchi, gli intrallazzi, le complicità compresa quella con Hitler della sua storia): perché non vi trasferite lì?! Ah già non vogliono……………..

      1. Scritto da Le Lear

        Ben detto, mon chere!

  9. Scritto da Gioan

    Lo stesso risultato del referendum si sarebbe ottenuto qualsiasi nazione nel mondo. Quasi tutti vedono in modo negativo l’immigrazione, ma nessuno stato può arginare questo fenomeno. M’immagino già l’europa che dice: ok per le barriere all’imigrazione ma voi Svizzera se volete esportare in EU pagate un dazio del 400%. Economia Svizzera in ginocchio nel giro di 1 mese. Rinunceranno alle barriere per mantenere privilegi sul sistema bancario. Scommettiamo?
    PS) Vivo e lavoro in Svizzera.

  10. Scritto da Colibri

    la diversità SVIZZERA ITALIA è semplice la i REFERENDUM li
    rispettano qua no la decide il popolo
    QUI 4 COGLIONI A ROMA non rispettano il voto del popolo basta vedere i vari RIMPASTI CHE SCHIFO

  11. Scritto da Alà!

    Dovremmo prendere esempio dalla Svizzera e fare un referendum pure noi per mettere un limite all’ immigrazione caro Petteni. Invece voi vi preoccupate di farne arrivare sempre piu’. Avete pure aperto uno sportello a Tunisi per per aiutarli ad arrivare…Con tutti i disoccupati che abbiamo nopi,vi preoccupate diloro…roba de mach!!

    1. Scritto da Lega contro Lega

      Vaglielo a dire ai frontalieri e a tutti i nostri ragazzi che sono costretti ad andare a lavorare all’estero (e non certo perchè abbiamo gli immigrati)…
      E cmq in bergamasco “matti” si scrive “macc” e non “mach”.
      Lega ticinese contro lega lombarda, questo è davvero un bel “match”

    2. Scritto da Gioan

      Non esiste stato al mondo che anche se lo volesse sarebbe in grado di arginare completamente i fenomeni migratori per via legislativa… Ah no scusi, mi sono dimenticato la Corea del Nord.

      1. Scritto da cucomer

        la migrazione ??? in italia gli danno pure la pensione ed i sportelli dei sindacati nei loro paesi servono anche a questo a ricongiungere e dare la sociale senza aver mai contribuito a niente ! qui lavori fin che muori ! cè da vergognarsi è un doppio senso noi italiani siamo penalizzati.. gli extra agevolati PAZZESSCO !!!

      2. Scritto da certo

        Un conto è” arginare completamente i fenomeni migratori per via legislativa” un conto è far arrivare e mantenere tutti indistintamente. Secondo lei c’è piu’ sicurezza in Svizzera o da noi? Roba de mac!

      3. Scritto da Embè

        Infatti la lega di governo l’immigrazione l’ha più o meno triplicata !

        1. Scritto da mavala

          Infatti stai dicendo una inesattezza.

        2. Scritto da Infurmes

          Nei dodici mesi appena conclusi sono arrivati via mare nel nostro Paese 42.925 migranti, il 325% in più dell’anno precedente, compresi 3.818 minori stranieri non accompagnati. Nel mese di gennaio 2014 i migranti sbarcati sono stati 2.156 a fronte dei 217 dello stesso periodo dello scorso anno. Cioè, dieci volte tanti. E certo, aver abolito il reato di clandestinità al primo sbarco in Italia costituisce un richiamo in più.

          1. Scritto da informarsi... appunto

            prova un po’ a vedere quanti ne sono arrivati in germania. Beh se cerchi su internet nel 2012 sono arrivate circa 1 milione di persone.
            180 mila polacchi e poi rumeni bulgari ungheresi solo dall’est.
            Per noi italiani 54 mila in tutto sono un’emergenza… perché siamo italiani e per noi tutto è emergenza… e mica ci vergogniamo…

          2. Scritto da Brao!

            Io ho risposto ad una affermazione /slogan che è falsa. Non ho fatto paragoni con altri paesi. Impara a leggere e a capire l’ argomento prima di fare il professore.

  12. Scritto da Gino

    Adesso mi aspetto che la UE faccia finalmente leggi durissime anti farabuttaggine finanziaria.

    1. Scritto da Gioan

      Non succederà… La Svizzera con elevato “senso civico” rinuncerà alla proposta referendaria in cambio di un atteggiamento dell’UE più morbido sul proprio sistema bancario (che in tempi recenti aveva ricevuto forti pressioni dall’esterno per abolire la riservatezza).

  13. Scritto da Andrea

    il risultato del referendum non è altro che la tutela dei propri interessi…purtroppo in questo momento di m….a in cui ci hanno trascinato i politici e questi sindacalisti questa decisione va ancora a discapito della gente che vuol lavorare. Sono inutili e capaci solo di chiacchiere e di riempire le proprie tasche… ma la colpa è anche nostra che ci lasciamo governare da questa gente…povera Italia..

    1. Scritto da Carlo

      Ehm…. e chi dovremmo votare che non sia già stato al governo del paese coadiuvando proprio questo scempio? Conosce un metodo pacifico per cambiarli? Allora ci sta dicendo che ci vuole un’azione violenta?

      1. Scritto da Andrea

        a molti italiani fa comodo non cambiare nulla perche’ non vogliono essere disturbati. nessuno vuole la violenza ma si puo’ manifestare anche a oltranza per avere dei risultati…ovvio finche’ uno sta bene nel suo orticello cosa importa di tutto il resto?

        1. Scritto da Carlo

          Ci sono troppi impiegati pubblici o comunque collegati per indotto alla idrovora pubblica che distribuisce; loro, naturalmente non sono in sofferenza e remano perché nulla cambi. Certo, non potrà durare per sempre, 25 mila dipendenti regionali siculi a fronte dei 4-5 mila lombardi…. E via dicendo in altre regioni cose analoghe….

          1. Scritto da Andrea

            concordo con Lei e ovviamente non capisco perche’ il lavoro pubblico non sia equiparato in tutto e per tutto a quello privato…certo…son un ottimo bacino di voti questi dipendenti pubblici…

  14. Scritto da Vikingo

    Mamma mia ! … certe castronerie da chi pretende da sempre di essere protagonista nell’organizzazione del lavoro e dello stato sociale. Ma i sindacati si rendono conto che se versiamo in questa situazione gran parte delle responsabilità sono le loro !!! Approvo in toto quanto sancito dal referendum svizzero. Europeisti e pro euro sono rimaste solo le banche e gli stati come il nostro: indebitatissimi e con politici e, ovviamente, sindacalisti senza idee

    1. Scritto da VikingoDeChe?

      C’è di buono che del tuo parere non me ne frega niente. Dopo tanti, tanti anni di governo dli Lega e PDL salti fuori tu a dire le solite castronerie. Ti hanno avvertito di come ci hanno conciati? Che l’italia in tanti anni è stata solo depredata senza fare una riforma ed abbiamo lavorato solo per gli addetti ai lavori e le loro saccocce ? I sindacati hanno fatto i loro errori a partire dalla loro struttura ma il tuo commento è indecente. Anti euro sono rimasti sfascisti, populisti e ladroni

      1. Scritto da Vikingo

        In primis ammiro la tua incoerenza: non te ne frega nulla del mio parere ma rispondi, il che è tutto dire. La politica italiana è allo sbando dagli anni 80 grazie a tutti, ma proprio tutti i partiti politici. L’euro non è mai stato sostenuto da una politica unitaria. Oltretutto in Italia la conversione euro lira non è stata monitorata in alcun modo. Risultato: il cambio é stato fatto 1 a 1. Sveglia che è tardi !

        1. Scritto da VikingoDeChe?

          Grazie per l’ammirazione. Il cambio è stato fatto a 1? Che significa? L’unica cosa che non è stata fatta è stato il monitoraggio delle furbate nel corso del passaggio all’euro. Condivido il tema della politica unitaria ma in primis sottolineo l’atteggiamento di lega-pdl nei suoi confronti, per forza, volevano le mani libere pensando di poter fare i disastri che poi hanno fatto a fini elettorali e personali, senza fare la benchè minima riforma e la benchè minima azione di rientro dal debito

          1. Scritto da Vikingo

            Per cambio 1/1 intendevo che 1000 Lire sono diventati 1 Euro. Tanti commercianti hanno tolto il cartellino del prezzo indicante 10.000 Lire sostituendolo con uno da 10 Euro ! (+90% in un giorno, meglio di qualsiasi titolo in Borsa !!!) Almeno questo non è avvenuto per responsabilità dei partiti, che non voglio certo difendere, ma per la mancanza di onesta di una categoria di cittadini italiani che magari ora piangono miseria.

          2. Scritto da Corrado

            Vikingo dimentica che in 18 anni hanno governato 9 anni PDL e Lega e 9 anni il centro sinistra, quindi se proprio i danni se li dividono in parti uguali. Non si deve dimenticare che il cambio Lira/Euro è stato fatto da Prodi, così pure la gestione dei primi tempi. Lì sta il disastro.
            Prima di fare affermazioni informarsi in modo da dare a Cesare quel che è di Cesare…..

    2. Scritto da chicca

      Concordo in pieno quello che dici

  15. Scritto da Magister

    L’unica cosa chiara è che è la Svizzera un paese non normale caro Petteni! Che si chiude sempre di più per un interesse egoistico, certo ci portano i capitali anche sporchi e i miliardari sono ben accetti, ma di che mondo parliamo Petteni, questo dovrebbe essere un modello da seguire? Riciclare soldi sporchi e concentrare i ricchi come pensa sia possibile fare questo in altre nazioni? Lei è un genio non c’è che dire! E un venditore di ingiustizia sociale.

  16. Scritto da gaziantep

    Che gente così abbia un importante ruolo sociale la dice lunga sulla miseria umana cui sono stati ridotti i lavoratori, che non si liberano di questi personaggi e non riescono a capire che i sindacati tradizionali sono il miglior cane da guardia del padrone. C’è gente che paga una quota sindacale mensile per costoro e per costui!

  17. Scritto da Eccoli

    Dove sono quelli del referendum per l’annessione alla svizzera ? Adesso cosa si aspetta a dare il sequestro totale e immediato di beni equivalenti e 15 anni di carcere (senza condizionale) a chi ci porta i soldi ? Ah, per chi ci ha portato le aziende, espulsione dall’italia e dogana del 50%.

  18. Scritto da nino cortesi

    Insanabile.

  19. Scritto da Piero

    Ma perché questo signore può affermare ovvietà paurose e “insulti” al buon senso e ai nostri lavoratori che qui in Italia piangono miseria, e finire addirittura in homepage? Perché non viene a dirle in una piazza di disoccupati, queste cose? Provi a scendere tra noi, che abbiamo qualche argomento da sottoporgli, non gli applausi alla Svizzera che ci ricorda di NON essere un paese normale!!! Se non siamo normali è anche grazie ad un sindacato siffatto!!!

  20. Scritto da Gigi Parma

    Meno male che lo dice un sindacalista, categoria che ha paralizzato il paese per decenni PRO DOMO LORO. Vedremo alle prossime elezioni europee un europarlamento pieno di partiti antieuropei .

  21. Scritto da mario59

    Fa presto lui a dire, come del resto tanti altri sindacalisti…un sacco di chiacchiere, tanto a rischiare il posto di lavoro è sempre qualcun altro.

  22. Scritto da Piero

    Magra consolazione, caro Petteni: “che i nostri lavoratori italiani sono i migliori.” Però qui in casa loro sono senza lavoro e senza soldi…. Devono emigrare col c..o per terra e mendicare lavoro, per farsi apprezzare. Il sindacato, avendo spesso tra i governanti di vertice degli ex leaders sindacali, dovrebbe sentirne la responsabilità e la vergogna, di aver lasciato smembrare un know how formidabile in Italia! Magra consolazione, l’ulteriore conferma che NON siamo un paese normale!!!

  23. Scritto da bettina

    Attenzione: la svizzera ha solo adottato la libera circolazione delle persone aderendo (in parte) al trattato di Schengen, che adesso dovranno rinegoziare.
    Non le interessa la circolazione delle merci (si fa dogana in frontiera!) e non ha bisogno della libera circolazione dei capitali: ci vanno ugualente, per ora.

    1. Scritto da Gioan

      Non le interessa la circolazione delle merci? Le faccio presente che la Svizzera ha in essere Accordi di Libero scambio con l’UE (per quello il governo era contro il referendum). E sulla libera circolazione delle persone (checché ne dica il referendum) non ha nessun potere di modificare gli accordi con l’UE. S’immagini se l’UE dovesse annullare tali accordi, imporre dazi doganali sui prodotti svizzeri e inasprire i controlli sulle banche svizzere. Economia svizzera al collasso in 1 mese.

  24. Scritto da mao

    Ma ci faccia il piacere Petteni,la cisl=curia=dc=udc=,con il resto dei sindacati,siete tra quelli che vi siete sperticati per i lavoratori extracomunitari,l’Italia non può farne a meno,pagheranno la pensione agli italiani,fanno i lavori che gli italiani non vogliono fare,quante balle avete raccontato e ora dite l’esatto contrario.Ovvio è che il referendum svizzero e non è il primo,elimina i lavoratori non graditi e sappiamo bene a chi è indirizzato e contro chi.

  25. Scritto da Indignato orobico

    Petteni le aziende fanno ciò che vogliono anche grazie ai governi che cui lei ha più o meno cincischiato (di centrosinistra e di centrodestra).
    Incominci lei a fare quindi autocritica, poi ne parliamo.