BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Galbani, i lavoratori disperati: “Ci hanno tolto anche la dignità” – Video

Sono disperati i 218 dipendenti dopo la decisione dell'azienda che lunedì scorso ha annunciato l'intenzione di chiudere lo storico stabilimento: "Decisione assurda e inaspettata, è l'inizio della fine". Oggi assemblea a Milano tra dirigenti e sindacati

Occhi lucidi e tanta rabbia. Sono disperati i 218 lavoratori della Galbani di Caravaggio la decisione dell’azienda che lunedì scorso ha annunciato l’intenzione di chiudere lo storico stabilimento caravaggese.

Per i più giovani e ancora precari il timore di perdere il posto di lavoro, per i più anziani a tempo indeterminato, dopo una vista spesa per l’amata azienda, si profila un possibile trasferimento negli stabilimenti di Casale Cremasco o peggio ancora di Certosa e Corteolona, con grossi disagi per il tragitto quotidiano.

In attesa dell’incontro di lunedì (oggi, ndr) in Asso Lombarda a Milano tra l’azienda e i sindacati, che sperano in possibili spiragli, i diepndenti hanno scioperato e manifestato per far sentir la propria voce. Ecco alcune delle testimonianze: 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Jim

    Non prendiamo più latticini dai francesi .

    1. Scritto da Vikingo

      Si potrebbe fare …
      Tieni in conto però che se dovessimo boicottare tutti i prodotti di marchi italiani acquisiti dai francesi finiremmo con il fare la fame e con quattro stracci addosso visto la mole di aziende che hanno rilevato nei settori agroalimentare e tessile. Purtroppo questo è un processo ineluttabile figlio della globalizzazione.

      1. Scritto da deficitspending

        Figlio dell’euro.

    2. Scritto da milker

      credi che cambierebbe davvero qualcosa ?

  2. Scritto da Antonio Rota

    A Caravaggio da sempre domina la Lega, e molti di questi operai l’hanno votata. Ora raccolgono quello che hanno seminato, e nessuno li difende. La sinistra vi ha fatto schifo, bene andate da Maroni e vediamo cosa combina. Ma mi sa che finisce male come qui a Ponte San Pietro.

    1. Scritto da delfino

      Complimenti Rota,vedo che é contento se chiudono e hanno votato la lega!!!!!Invece di ragionare con la sinistra che ha sempre deciso TUTTO con i SINDACATI FAVOREVOLI,hanno loro si contribuito a preparare queste situazioni.meditate gente

      1. Scritto da giuan de ghisa

        Non voglio fare l’avvocato di nessuno ma credo di capire che il Sig.Rota non sia contento della situazione: credo invece che la sua sia una semplice constatazione dei fatti.

    2. Scritto da marco

      Cosa centrerà la lega con le scelte aziendali della Galbani poi ce lo farai sapere caro Antonio, è finita da tempo l’epoca dell’intervento statale nell’economia.

      1. Scritto da centra

        è la lega che deve far sapere ai suoi elettori perchè il nord è in retromarcia da quando lo governa (lombardia fuori dalle 100 regioni d’ europa), quando ha fatto (a parole) della sicurezza e della produttività il suo “cavallo” di .. battaglia

        1. Scritto da marco

          Si in effetti è nel corso dell’ultimo anno che le aziende chiudono… ma va va…

  3. Scritto da mario59

    Perchè Galbani, vuol dire fiducia! Così finiva una famosissima pubblicità della nota azienda casearia.
    Peccato che la fiducia dei lavoratori dello stabilimento di Caravaggio sia stata tradita.
    Poichè la gente fortunatamente mangia ancora, non è la crisi che impone il fermo dello stabilimento, pertanto se non lo hanno già fatto, speriamo che non riaprano l’azienda in qualche paese dove tutto costa meno, a partire dalla garanzia sulla salute dei consumatori.