BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I carabinieri fermano la fuga di Cutrì, evaso con sparatoria e morto

Arrestato nella notte tra sabato e domenica Domenico Cutrì, l'ergastolano che era riuscito a fuggire dal tribunale di Gallarate con l'aiuto del fratello Antonio rimasto ucciso in una sparatoria seguita all'evasione

Arrestato nella notte tra sabato e domenica Domenico Cutrì, l’ergastolano che era riuscito a fuggire dal tribunale di Gallarate con l’aiuto del fratello Antonio rimasto ucciso in una sparatoria seguita all’evasione.

Sono stati i carabinieri a porre fine all’evasione di Cutrì, 32 anni: a Inveruno, non distante dalla zona in cui è verificata l’evasione.

Domenico Cutrì, che è stato già portato al carcere di Gallarate, era stato condannato in appello all’ergastolo come mandante dell’omicidio di un polacco che aveva insidiato la sua fidanzata.

Era evaso lunedì scorso, intorno alle 15, quando un gruppo armato era entrato in azione davanti al tribunale di Gallarate dove l’ergastolano doveva sostenere un processo per truffa.

Del commando facevano parte, secondo quanto accertato dai carabinieri, coordinati dal pm di Busto Arsizio, Raffaella Zappatini, i suoi fratelli Antonino, 30 anni, ucciso nel conflitto a fuoco con gli agenti della Polizia penitenziaria, e Daniele, 23 anni, fermato due giorni fa.

Altri quattro componenti del commando erano stati fermati a Cellio (Vercelli) dove era stato allestito un covo e un quarto a Napoli. In carcere si trova anche la compagna di Antonino Cutrì, Carlotta Di Lauro, accusata di aver fornito supporto logistico all’evasione.

Si è fatta trovare ieri sera in casa dei genitori dopo tre giorni in cui era stata irriperibile con il figlio di cinque anni avuto da una precedente relazione. Domenico Cutrì sarebbe stato catturato non distante da Inveruno, nell’Alto milanese, dove risiede la sua famiglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Stava solo anticipando lo svuotacarceri by PD. Spero vivamente che ora lo mettano sotto 41 bis così impara ad evadere

    1. Scritto da Mara

      L’hanno fatto l’affare: il fratello ucciso, lui ancora in galera, e in galera pure altri complici. Ben gli sta!