BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Robert Redford torna con “All is lost” Il weekend al cinema

Ecco cosa vedere nelle sale cinematografiche nel secondo fine settimana di febbraio: per gli amanti della fantascienza c’è il nuovo “Robocop”. Tra gli altri film spiccano “Smetto quando voglio”, incentrato sul precariato e una versione rivista di “Hansel e Gretel”. Ecco la panoramica completa dei titoli nelle sale bergamasche.

Robert Redford torna tra i protagonisti del grande schermo insieme ad altre chicche nel secondo fine settimana di febbraio. Ecco cosa vedere nelle sale cinematografiche bergamasche.

Atteso dunque “All is lost”. L’attore statunitense vestirà l’inedito ruolo di uomo di mare, solitario navigatore dell’Oceano Indiano. Il marinaio, colpito da un container alla deriva, prima ripara la falla e libera lo scafo dall’acqua imbarcata e poi accomoda il danno come può e riprende la navigazione. Le disavventure per lui, però, non sono finite: la tempesta, che sta inesorabilmente per arrivare, ha comunque la meglio sull’imbarcazione. La barca si rovescia, l’uomo precipita in mare, ma non si arrende. Si arrampica, torna sulla barca e getta in acqua un natante gonfiabile di salvataggio. E non finisce qui. Una volta placato il mare, torna sulla barca che sta affondando, recupera tutto ciò che può essere utile e soprattutto il sestante. Invisibile alle navi e ai mercantili che incrociano la sua rotta, Redford non si arrende mai al mare, replicando punto per punto ai suoi rovesci. Tanta azione e nessuno scoraggiamento: l’attore intraprende una lotta solitaria che mette in evidenza come, conbattendo contro le avversità, si possa sempre reagire ai disastri che si incontrano nella vita.

Per gli appassionati di fantascienza, invece, la novità più attesa nelle sale cinematografiche è senz’altro “Robocop”. La nuova versione di quello che si può definire un classico del genere, è ambientata nel 2041 quando la multinazionale OmniCorp è il fulcro dell’industria robotica. I loro prototipi stanno vincendo guerre in tutto il mondo e vogliono portare la loro tecnologia anche sul fronte domestico. Tra i protagonisti c’è Alex Murphy, un marito e un padre amorevole e un buon poliziotto che fa il suo meglio per fronteggiare il crimine e la corruzione a Detroit. Dopo essersi gravemente ferito per assolvere il proprio dovere, la OmniCorp utilizza la tecnologia più avanzata per salvargli la vita. Così può tornare a vegliare le strade della sua amata città con nuove stupefacenti abilità per fronteggiare problemi che nessun uomo normale riuscirebbe a risolvere.

Appena distribuito nei cinema, ma di genere completamente diverso, è anche “Smetto quando voglio”, una commedia incentrata sul precariato, un problema sociale estremamente rilevante e di grande attualità. La pellicola, che verte sull’ardua ricerca di un posto di lavoro, è firmata dal giovane regista Sydney Sibilia, clase 1981, che ha sperimentato tanti lavori prima di approdare dietro la macchina da presa. In passato, per esempio, si è cimentato nell’animazione nei villaggi turistici, nelle svariate attività dietro al bancone di un fast food londinese. Infine, ha lavorato nello studio di un’agenzia pubblicitaria come copywriter. Ha sbarcato il lunario grazie a piccoli spot pubblicitari e ha iniziato a far parlare di sé quando, giunto a Roma, realizzando tre cortometraggi che hanno fatto incetta di premi in diversi festival, attirando l’attenzione degli addetti al settore. Nel cast ci sono nomi significativi, quali Edoardo Leo, nei panni del protagonista, Valerio Aprea, Pietro Sermonti e Paolo Calabresi, presi in prestito da Boris, serie tv cult, totalmente made in Italy, e un improbabile Neri Marcorè nei panni di un malavitoso boss di quartiere.

I produttori di Twilight, poi, da giovedì 6 febbraio, portano al cinema un’inedita versione di “Hansel e Gretel”, intitolata “Hansel e Gretel e la strega della foresta nera”. La trama ha poco a che vedere con la celebre fiaba tedesca dei fratelli Grimm: in questo caso, al centro della vicenda, vi sono due adolescenti che vengono attirati nelle grinfie di una strega con la scusa di acquistare una nuova varietà di droga. In realtà le intenzioni della famelica donna sono esattamente quelle palesate nella celebre favola dei fratelli Grimm, trasformare i due in un lauto pasto che gli permetterà di riconquistare la perduta giovinezza. Il cast del film include Molly Quinn (la figlia dello scrittore Castle nell’omonima serie tv), Michael Welch, Cary Elwes e nei panni della strega cannibale la Lara Flynn Boyle di Twin Peaks e Men in Black 2.

Tra gli altri titoli, da segnalare:

– “A proposito di Davis”, vincitore del Gran Premio della giuria al festival di Cannes e in corsa per due Oscar. Il protagonista della pellicola, in cui emerge il profondo spirito drammatico dei fratelli Coen, è un cantante folk, interpretato da Oscar Isaac, che cerca la propria strada e un’occasione nel mondo musicale del Greenwich Village del 1961. Sulla scena newyorchese non era ancora comparso Bob Dylan, e prosperava il folk revival, tra piccoli club e case discografiche polverose.

– “Un castello in Italia”, che vede protagonista Louise ha quarantatré anni, un cognome decaduto e un castello in Italia da vendere. La sua vita indolente, spesa tra Parigi e Castagneto Po, un’amena località piemontese, si accende con Nathan, un giovane attore ostinato a corteggiarla. Profondamente legata a Ludovic, il fratello malato di AIDS, lo accompagna nella malattia trovando in Nathan solidarietà e conforto. Il desiderio di una gravidanza compromette però la sua relazione, lasciandola di nuovo da sola dentro una vita di cui non trova il senso e la direzione. Perduto Nathan e morto Ludovic, Louise si ‘abbatte’ come l’ultimo olmo della proprietà di Castagneto. Ma il futuro è alle sue spalle e le sorride pronto a mettere nuove radici. A questo proposito, va ricordato che l’emancipazione dal passato, almeno secondo la psicanalisi, passa attraverso un addio, che è un ritorno ai luoghi e agli eventi che hanno generato il nostro immaginario e determinato quello che siamo. Per Valeria Bruni Tedeschi, regista per la terza volta nonché sorella dell’ex première dame francese Carla, quel congedo avviene attraverso la rappresentazione di una vita familiare spesa in Italia negli anni Settanta e abbandonata per sfuggirne il piombo e l’estremismo.

– “Lo scafandro e la farfalla”, diretto da Julian Schnabel, vincitore del premio per la migliore regia al 60º Festival di Cannes. Il film è basato sull’omonimo racconto autobiografico di Jean-Dominique Bauby, Lo scafandro e la farfalla, in cui Bauby descrive la sua vita dopo aver avuto un ictus all’età di 43 anni, che lo ha ridotto nella condizione propria della c.d. sindrome locked-in, lasciandogli come unico mezzo di comunicazione con il mondo il battito della palpebra sinistra. Il protagonista si risveglia su un letto d’ospedale, dopo 3 settimane di coma, impossibilitato a comunicare. Dopo un iniziale abbattimento morale, prende coraggio per continuare a andare avanti. Nei momenti di abbattimento, evade dalla realtà che lo circonda usando semplicemente la sua immaginazione e la sua memoria, ricordando i momenti del suo passato più felici, le cose che avrebbe voluto fare, le persone che ha trascurato cui ora si pente di non aver trascorso più tempo con loro, fino al litigio con suo padre.

Non mancheranno anche proposte dedicate ai più picoli e alle famiglie, come:

– “Khumba”. Nella comunità delle zebre che vivono nel deserto di Kharoo in Sudafrica c’è un nuovo nato a cui viene dato il nome di Khumba. Il piccolo ha però una diversità: solo metà corpo è a strisce. L’altra metà è bianca. Questo fa sì che quando sopravviene la siccità lo si accusi di esserne la causa. Venuto a sapere di una leggendaria fonte magica in cui le prime zebre apparse sulla terra si immersero per avere le strisce, Khumba parte insieme a uno gnu e a uno struzzo. In agguato c’è però il temibile leopardo Phango.

– “Frozen”. Nell’immaginario regno di Arendelle, situato su un fiordo, vivono due sorelle unite da un grande affetto. Un giorno, però, il magico potere di Elsa di comandare la neve e il ghiaccio per poco non uccide la più piccola Anna. Cresciuta nel dolore di quel ricordo, Elsa chiude le porte del palazzo e allontana da sé l’amata sorella per lunghi anni, fino al giorno della sua incoronazione a regina. Ma ancora una volta l’emozione prevale, scatena la magia e fa piombare il regno in un inverno senza fine. Sarà Anna, con l’aiuto del nuovo amico Kristoff e della sua renna Sven, a mettersi alla ricerca di Elsa, fuggita lontano da tutti, per chiederle di tornare e portare l’atteso disgelo.

– “Belle e Sebastien”, che narra la storia dell’amicizia tra il bambino e il cane protagonisti del cartone animato creato negli anni Ottanta.

– “Capian Harlock”, ispirato al fantascientifico manga giapponese, un autentico “evergreen”.

– “Hercules – La leggenda ha inizio”, ambientato nell’antica Grecia, quando vi regnava il terrore per colpa di re Anfitrione. Un giorno Zeus, il padre degli dei, sedusse la moglie del Re, Alcmena, così ebbero un figlio, che chiamarono Hercules. Quando questo diventò adulto, il re decise che il suo primogenito Ificlo avrebbe dovuto sposare la principessa Ebe di creta, questa è amata da Hercules. Il semidio si unisce alla bella Ebe, Anfitrione lo viene a sapere e vende Hercules a un ricco egiziano, che lo fa combattere in un’arena. Hercules dovrà tornare per prendersi ciò che gli spetta, cioè il trono e la principessa Ebe.

– “A spasso con i dinosauri”. Patchi è un cucciolo di dinosauro erbivoro, gracile e pacifico, suo padre è il capo del branco e il suo fratello maggiore e spaccone è predestinato a seguirne le orme. I due si ritroveranno però ben presto orfani in una foresta incendiata attraversata durante la migrazione. Patchi non dovrà solo crescere in fretta ma anche prendere coscienza del fatto che per essere la guida del branco non è necessario solo battere fisicamente gli avversari ma anche essere in grado di assumersi le responsabilità delle decisioni più difficili.

Nei carteloni dei cinema, infine, restano in programma le pellicole che hanno tenuto banco in questa settimana:

– “Tutta colpa di Freud”, che verte sulle vicende di Francesco, un analista alle prese con alcuni problemi in famiglia che si intrecciano con il suo lavoro: le sue tre figlie sono una libraria innamorata di un ladro di libri sordomuto, una lesbica che decide di diventare etero e una diciottenne che si innamora di un cinquantenne.

– “The Wolf of Wall Street”, in cui Leonardo Di Caprio, nei panni di Jordan Belfort, uno dei broker di maggior successo nella storia del cuore della finanza con sede oltreoceano ma di rilevanza mondiale. Ambientata nel 1987, la pellicola è incentrata sulla storia di Jordan Belfort, che inizia la sua carriera come apprendista broker a Wall Street, sotto la guida dell’eccentrico Mark Hannah. È quest’ultimo che lo introduce a uno stile di vita esagerato basato sul sesso e sull’assunzione di droghe di ogni tipo per aiutare la mente a raggiungere importanti risultati. Jordan impara anche a compiere azioni disoneste che gli consentono di guadagnare molti soldi, e ben presto ottiene la licenza di broker. Il giorno stesso della sua assunzione, però, si verifica il cosiddetto lunedì nero, e la borsa crolla, causando il suo immediato licenziamento. La vita del protagonista, quindi, proseguirà con molti colpi di scena che rendono la trama avvincente e coinvolgente.

– “I segreti di Osage Country”, che vanta una coppia da Oscar: Meryl Streep e l’intramontabile Julia Roberts. Nella nuova commedia di John Wells le dive, entrambi in lizza agli Academy, sono una madre e figlia ai ferri corti. Sul set, la Streep veste i panni della velenosa matriarca Violet, una donna senza peli sulla lingua sempre pronta a criticare le scelte della figlia Barbara (Julia Roberts).

– “Il capitale umano”, con cui Paolo Virzì fa un salto in avanti nel personale viaggio politico nell’Italia del suo presente, puntando finalmente la bussola verso il nord del Paese, trovando un cuore nero che non fa ridere proprio per niente. La goliardia toscana, il cinismo burlone romano (modi e luoghi che hanno caratterizzato la sua commedia) sono lontani, lontanissimi, senza quasi più alcun eco in queste lande brianzole, disegnate come fossero terre straniere abitate da genti aliene che comunicano in un linguaggio misterioso e duro.

– “I, Frankestein”, che riprende la creatura di Victor Frankenstein si trova al centro di una guerra combattuta ai margini del visibile tra gargoyle, difensori della razza umana, e demoni che cercano di rianimare una colonia di cadaveri al fine di possederne l’anima. Naberius, principe dei cattivi, vuole carpire il segreto di Adam – nome col quale la regina dei gargoyle ha ribattezzato la Creatura – per coronare il suo progetto di distruzione, ma non avrà gioco facile: l’inaspettata scoperta di uno scopo di vita e l’incontro con una bella elettrofisiologa, infatti, faranno nascere una nuova consapevolezza nel tragico quanto risoluto mostro.

– “The Counselor – Il procuratore” è ambientato a Juarez tre affaristi della malavita e un avvocato implicato nei traffici del cartello della droga locale subiscono gli effetti del furto di una partita di droga. Mentre i signori della malavita locale sono a loro agio con i meccanismi di una vita in cui la morte è un’opzione che si può realizzare da un momento all’altro, l’avvocato vive e ama come una persona normale, senza curarsi dei rischi della sua professione. Per sua sfortuna coincidenza vuole che in passato abbia avuto tra i suoi clienti proprio il responsabile del furto, di conseguenza lui e tutti quelli a lui vicini sono diventati il prossimo obiettivo della repressione operata dal cartello.

– “Il Segnato”. Oxnard, California. Il giovane Jesse dice parole di saggezza nel suo discorso di commiato dopo il diploma alla high school. Poi passa ai fatti: bagordi e festeggiamenti vari con il suo amico Hector per celebrare la "liberazione". A casa, Jesse sente strani rumori e voci provenienti dall’appartamento della vicina Anna, una donna piuttosto bizzarra. Sbirciando, Jesse ed Hector vedono una donna nuda, su cui Anna sta disegnando simboli magici probabilmente nell’ambito di un rituale occulto. I ragazzi ne deducono che Anna sia una strega e sono incuriositi. La loro curiosità aumenta quando poco tempo dopo Anna viene trovata uccisa. Il sospettato è un loro ex compagno di classe, Oscar, che avevano visto tempo prima uscire dall’appartamento della donna. Jesse ed Hector vogliono saperne di più, perciò si introducono di nascosto nella casa di Anna, dove trovano strani oggetti che rimandano alla magia. Jesse si risveglia con una ferita al braccio, forse causata da un morso. La sera, lui ed Hector sono aggrediti da due tozzoni attaccabrighe e Jesse li sistema con forza sovrumana. Qualcosa è cambiato e forse c’è di mezzo il soprannaturale.

– “La gente che sta bene”. Umberto Dorloni è un avvocato d’affari nella Milano che si finge impermeabile alla crisi. È un tipo senza scrupoli, pronto a licenziare i "collaboratori" meno produttivi e a fare lo sgambetto ai partner del suo studio legale di grido. Ma il capo non lo stima, la moglie Carla è stanca delle sue disattenzioni, la figlia preadolescente Martina si ribella e il figlio Giacomino simula malori letali. Umberto però resta convinto di far parte della "gente che sta bene", quanto a denaro e a sanità mentale. Dietro la sua parlantina assordante, dietro il suo sguardo sfuggente si intravvede la paura di un uomo che annaspa per rimanere a galla e nascondere a se stesso l’evidenza che la sua vita non è quella che voleva. A scoperchiare il vaso di Pandora è il licenziamento improvviso, che dà inizio ad una serie di mosse da parte di Umberto per recuperare terreno e non cadere vittima della crisi, come tutti.

– “Angry Games – La ragazza con l’uccello di fuoco”. Nel 12.esimo distretto di una nazione del futuro si stanno per estrarre i nominativi dei due giovani che dovranno partecipare alla 75^ edizione delle "Starving Games". Kantmiss Evershot si presenta volontaria al posto della cinica sorellina che lascia con la mamma catatonica. Anche il nerd Peter, figlio del fornaio, si presenta per poterle stare vicino. In palio ci sono un vecchio prosciutto, un buono per un panino e un cetriolo smangiucchiato. Perché ovunque domina la fame.

Ecco la panoramica completa dei titoli e dei cinema di Bergamo e provincia in cui verranno proiettati.

GIOVEDI’ 6 FEBBRAIO

Capitol Multisala Via Tasso, 41, Bergamo – 035 248330

“Tutta colpa di Freud”, ‎120min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle ‎22:30‎;

“The Wolf of Wall Street”, ‎180min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎

alle 21;

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 20;

“I segreti di Osage County”, ‎130min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 20 e alle ‎22:30‎.

Cinema San Marco a Bergamo in Piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“La gente che sta bene”, ‎105min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 22:30;

“All Is Lost – Tutto è perduto”, ‎144min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 20:15 e alle 22:30;

“Il capitale umano”, ‎109min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 20:15.‎

UCI Cinemas a Curnoin Via Lega Lombarda, 39 – 892 960

“Tutta colpa di Freud”, ‎120min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 17:10, alle ‎19:50‎ e alle 22:40;‎

“The Wolf of Wall Street”, ‎180min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎

alle 17:40, alle ‎20:15 e alle‎ ‎21:30;‎

“La gente che sta bene”, ‎105min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 20‎ e alle 22:15;‎

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 17:15‎ e alle ‎19:50;‎

“Robocop”, ‎118min‎‎ – Fantascienza‎‎ – Doppiato‎

alle 17, alle‎ ‎19:50‎ e alle 22:40;‎

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 17:30, alle‎ ‎20 e alle‎ ‎22:30;‎

“Il segnato”, ‎84min‎‎ – Horror‎‎ – Doppiato‎

alle 22:20;‎

“Hansel e Gretel e la strega della foresta nera”, ‎86min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 17:20, alle‎ ‎20:10 e alle‎ ‎22:30;‎

“Hercules – La leggenda ha inizio”, ‎99min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎

alle 19:50 e alle ‎22:20;‎

“A spasso con i dinosauri”, ‎87min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎

alle 17:10;‎

“Khumba”, ‎83min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎

alle 17:30;‎

“Frozen”, ‎93min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 17.‎

Multisala Conca Verde a Longuelo /Bergamo( in via Mattioli, 65 – 035 251339

“A proposito di Davis”, ‎104min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 21;

“Un castello in Italia”, ‎104min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 21.‎

Cinestar Cortenuova in via Trieste, 15 – c/o shopping village “Le Acciaierie” di Cortenuova – 0363 992244

“Tutta colpa di Freud”, ‎120min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 20:15 e alle ‎‎22:35;‎

“The Wolf of Wall Street”, ‎180min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎

alle 21:10;‎

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 20:45 e alle ‎22:40;‎

“Robocop”, ‎118min‎‎ – Fantascienza‎‎ – Doppiato‎

allke 20:15 e alle ‎22:40;‎

“Hercules – La leggenda ha inizio”, ‎99min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎

alle 20:20‎ e alle ‎22:30;‎

“The Counselor – Il procuratore”, ‎117min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 20:15 e alle ‎22:35;‎

“Angry Games – La ragazza con l’uccello di fuoco”, ‎83min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 20:20‎.

Cinema Teatro Del Borgo in Piazza S. Anna, 51 a Bergamo – 035 270760

“Lo scafandro e la farfalla”, ‎112min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎

alle 20:30‎.

VENERDI’ 7 FEBBRAIO

UCI Cinemas Curno

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 17:15 e alle ‎19:50;‎

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 17:30, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Hansel e Gretel e la strega della foresta nera”, ‎86min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 22:30.‎

SABATO 8 FEBBRAIO

UCI Cinemas Curno

"Robocop", 118min – Fantascienza – Doppiato

alle 14.10, alle 17, alle 19.50, alle 22.40 e alle 00.45;

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 14:30, alle ‎17:15 e alle ‎19:50;‎

"Smetto quando voglio", 100min – Commedia – Doppiato

alle 15, alle 17.30, alle 20, alle 22.30 e all’1;

"Tutta colpa di Freud", 120min – Commedia – Doppiato

alle 14.20, alle 17.10 e alle 19.50;

"The Wolf of Wall Street", 180min – Thriller – Doppiato

alle 17, alle 18, alle 21 e alle 21.50;

"La gente che sta bene", 105min – Commedia – Doppiato

alle 20 e alle 22.30;

“Hansel e Gretel e la strega della foresta nera”, ‎86min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎

alle 15, alle 17.20, alle 20.40 e alle 00:50;

"Hercules – La leggenda ha inizio", 99min – Azione – Doppiato

alle 19.50, alle 22.30 e alle 00.50;

"A spasso con i dinosauri", 87min – Animazione – Doppiato

alle 14, alle 16.15 e alle 18.30;

"Khumba", 83min – Animazione – Doppiato

alle 14.50 e alle 17.30;

"Frozen – Il Regno di Ghiaccio", 108min – Animazione – Doppiato

alle 14;

“Il segnato”, ‎84min‎‎ – Horror‎‎ – Doppiato‎

alle 22:45.

Nuovo Cineteatro Albino in Piazza San Giuliano ad Albino – 035751490

"A spasso con i dinosauri", 87min – Animazione – Doppiato

alle 21.

Cinema Teatro Cagnola in via Roma, 82 a Urgnano – 035 487 2228

“Capitan Harlock 3d” (no 3D), ‎115min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎

alle 20:30‎.

DOMENICA 9 FEBBRAIO

Capitol Multisala a Bergamo in via Tasso, 41 – 035248330

"Belle e Sebastien", 98min – Commedia – Doppiato

alle 14:30, alle 16:20 e alle 18:10;

"Tutta colpa di Freud", 120min – Commedia – Doppiato

alle 15, alle 17:30, alle 20:15 e alle 22:30;

"The Wolf of Wall Street", 180min – Thriller – Doppiato

alle 14:30, alle 17:45 e alle 21;

"I segreti di Osage County", 130min – Drammatico – Doppiato

alle 20 e alle 22:30.

Cinema San Marco a Bergamo in Piazzale Repubblica, 2 – 035240416

"La gente che sta bene", 105min – Commedia – Doppiato

alle 14:30 e alle 22:30;

"All is lost – Tutto è perduto", 144min – Drammatico – Doppiato

alle 16:30, alle 18:30, alle 20:30 e alle 22:30;

"Il capitale umano", 109min – Drammatico – Doppiato

alle 15:30, alle 17:45 e alle 20:15.

UCI Cinemas Curno

"Robocop", 118min – Fantascienza – Doppiato

alle 11:10, alle 14, alle 17, alle 19.50 e alle 22.40;

"Belle e Sebastien", 98min – Commedia – Doppiato

alle 11:15, alle 14:30, alle 17:15 e alle 19:50;

"Smetto quando voglio", 100min – Commedia – Doppiato

alle 11, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30;

"Tutta colpa di Freud", 120min – Commedia – Doppiato

alle 14:20, alle 17:10, alle 19:50 e alle 22:40;

"The Wolf of Wall Street", 180min – Thriller – Doppiato

alle 16:30, alle 17:40, alle 20:15 e alle 21:30;

"La gente che sta bene", 105min – Commedia – Doppiato

alle 20 e alle 22:30;

"Hansel e Gretel e la strega della foresta nera", 86min – Commedia – Doppiato

alle 15, alle 17:20, alle 20:40 e alle 22:30;

"Hercules – La leggenda ha inizio", 99min – Azione – Doppiato

alle 19:50 e alle 22:20;

"A spasso con i dinosauri", 87min – Animazione – Doppiato

alle 11, alle 14, alle 16:15 e alle 18:30;

"Khumba", 83min – Animazione – Doppiato

alle 11:20, alle 14:50 e alle 17:30;

"Frozen – Il Regno di Ghiaccio", 108min – Animazione – Doppiato

alle 14;

"Il Segnato", 84min – Horror – Doppiato

alle 22:45.

Multisala Conca Verde a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035251339

"A proposito di Davis", 104min – Drammatico – Doppiato

alle 15, alle 17, alle 19 alle 21:10;

"Dallas Buyers Club", 117min – Drammatico – Doppiato

alle 14:30, alle 16:40, alle 18:50 e alle 21.

Nuovo Cineteatro Albino

"A spasso con i dinosauri", 87min – Animazione – Doppiato

alle 15, alle 17, alle 19 e alle 21.

Cineteatro Gavazzeni a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 0354523057

"The Wolf of Wall Street", 180min – Thriller – Doppiato

alle 21;

"Khumba", 83min – Animazione – Doppiato

alle 15 e alle 17:45.

Cineteatro Sorriso di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

"Belle e Sebastien", 98min – Commedia – Doppiato

alle 16 e alle 20:45.

Cinema Teatro del Borgo a Bergamo in Piazza Sant’Anna, 51 – 035270760

"Nebraska", 110min – Drammatico – Doppiato

alle 15:30, alle 17:45 e alle 21.

Sala Eden di Stezzano in via Bergamo, 9 – 035591449

"Piovono polpette 2 – La rivincita degli avanzi" (NO 3D), 95min – Animazione – Doppiato

alle 16 e alle 21.

Sala della Comunità Agorà – Petosino a Sorisole in via Martiri della Libertà, 93 – 0354729625

"Il segreto di Babbo Natale" (NO 3D), 83min – Animazione – Doppiato

alle 16.

Cineteatro Nuovo di Zanica in via Roma, 46 – 035670558

"Un boss in salotto", 90min – Commedia – Doppiato

alle 20:45.

Cinema Teatro Cagnola di Urgnano

"Capitan Harlock 3d" (NO 3D), 115min – Animazione – Doppiato

alle 16 e alle 20.30.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.