BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In soli sette giorni tredici fallimenti e 22 cessazioni

Le cifre del mese di gennaio mostrano un'economia bergamasca in grande difficoltà. Nella sola settimana che va dal 20 al 26 gennaio sono tredici le aziende che hanno presentato istanza di fallimento e 22 che hanno chiuso. A fronte di questa emorragia sono 188 le nuove imprese che hanno debuttato in questa settimana.

Più informazioni su

Gennaio è solitamente il mese per il varo di nuove imprese. Il periodo non tradisce la sua caratteristica, come si rileva dai dati della Camera di Commercio di Bergamo. Nella settimana che va dal 20 al 26 gennaio, che prendiamo in considerazione, sono infatti 188 le nuove società che hanno debuttato. A fronte di questo dato però c’è la gravità di registrare ben 13 fallimenti in una settimana, con una media che supera due fallimenti al giorno se si considera che il periodo comprende anche un giorno festivo.

I FALLIMENTI

Nella settimana dal 20 al 26 gennaio 2014 hanno depositato istanza di fallimento: Immobit Srl di Bergamo; Recos Srl di Osio Sotto; Free Communacation Srl di Seriate; Finazzi Srl di Chiuduno; XelioX Srl di Medolago; Vivi & JJ Srl di Bergamo; Cheers Srl di Mapello; Uni-Trasporti Srl di Credaro; Electric & Consulting Group Srl di Romano di Lombardia; Robe Italia Srl di Bergamo; Edil Lago Srl di Caprino Bergamasco; Immobiliare R.S. Srl di Ghisalba; Eurogarda Costruzioni Srl di Bergamo. Un dato che accomuna molte delle tredici imprese che hanno dichiarato fallimento è il campo d’azione che è il mondo delle costruzioni. 

LE CESSAZIONI 

Le imprese che si sono arrese presentando domanda di cessazione al Registro Imprese della Camera di Commercio di Bergamo nel periodo 20-26 gennaio sono ventidue. Un dato che è elevato per essere il mese di gennaio. Chi intende chiudere un’impresa, solitamente lo fa a dicembre o a giugno, non all’inizio dell’anno. Ma questo dimostra come il nuovo anno non ha promesso bene e quindi queste 22 imprese hanno deciso di chiudere i battenti prima di doversi rassegnare ad un fallimento. Una nota a margine: delle 22 imprese, dieci erano attive nel campo dell’edilizia.

LE ISCRIZIONI

Le nuove imprese nate in Bergamasca, sempre dal 20 al 26 gennaio, sono 188. Una cifra che dimostra la grande effervescenza del mondo economico orobico.

L’ANALISI

Il bilancio, seppure largamente positivo, tra fallimenti-cessazioni e iscrizioni, mostra uno spaccato interessante. Delle tredici imprese che hanno dichiarato fallimento, cinque erano edili e altre tre legate al mondo del commercio di immobili o della realizzazioni di impianti. Tra le ventidue cessazioni, dieci erano attive nel campo edile. Ma la vera sorpresa sta nelle nuove iscrizioni: su 188 nuove imprese ben 27 sono ditte individuali che debuttano nel mondo della costruzioni. Quindi da una parte abbiamo una resa di ditte, per lo più società a responsabilità limitata, e dall’altra una polverizzazione di ditte individuali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    Bisognerebbe chiedere a Letta come ha fatto a determinare e sproloquiare in mondovisione che la crisi italiana è alle spalle…. Anche soltanto per questa affermazione (millantare dati non veri) abbiamo il livello della persona!

  2. Scritto da davidea

    Delle 27 ditte individuali che aprono il 99% sono state costituite per poter lavorare e di questo và ringraziata la Fornero. Infatti è l’unico modo per poter lavorare e queste, oltretutto in gran parte dei casi, mettono in ginocchio realtà consolidate approfittando del regime favorevole fiscale (perdite/utili risibili nel 1°/2/3 anno) facendo sconti del 35/40/45 %. Cosicché le imprese serie si trovano a licenziare altri addetti.

  3. Scritto da il polemico

    e la priorità del governo quale è?costituirsi parte civile contro il berlusca o la legge elettorale,oltre ad aumentare la tasse sulla casa…fortuna che con il pd al governo si doveva comicniare a crescere,come cosi dissero loro