BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Curno combatte la disoccupazione con il primo “Lavoro day”

I Comuni hanno pochi strumenti per combattere i tanti casi di disoccupazione che riguardano moltissimi cittadini bergamaschi. Curno ci prova cercando di favorire l'incontro tra domanda e offerta grazie allo “sportello lavoro” creato dall'amministrazione.

I Comuni hanno pochi strumenti per combattere i tanti casi di disoccupazione che riguardano moltissimi cittadini bergamaschi. Curno ci prova cercando di favorire l’incontro tra domanda e offerta grazie allo “sportello lavoro” creato dall’amministrazione. “Sin da subito abbiamo individuato, tra le priorità del proprio mandato, la necessità di fornire un supporto, il più possibile strutturato e organizzato ai molti concittadini che si trovano di fronte alla necessità di confrontarsi con il mercato del lavoro – si legge nella nota inviata dall’amministrazione -. Mai come in questo momento infatti, il principio costituzionale  che definisce l’Italia “una repubblica fondata sul lavoro” è messo a durissima prova. Naturalmente un’amministrazione comunale può agire solo in parte sulla quantità di lavoro, non è possibile infatti creare direttamente posti di lavoro: da questo punto di vista si è lavorato sin dal 2012 con il progetto dei “Buoni Lavoro” . Quel che è possibile e doveroso fare e in questi tempi durissimi è cercare di favorire l’incontro tra domanda e offerta, tra i potenziali datori di lavoro e chi il lavoro lo cerca, di sostenere l’imprenditoria e di offrire servizi che possano qualificare meglio e in modo più mirato i non occupati e i disoccupati. I Cittadini di Curno potranno trovare, organizzato proprio per soddisfare questa esigenza, un vero sportello lavoro del Comune”.  Lunedì 10 febbraio è stato organizzato il primo “Lavoro day”, una collaborazione tra l’assesorato ai Servizi sociali ed Energheia Impresa Sociale.

Si terrà alla sala consiliare del Comune:  

Ore 11.00 Incontro “Trovare un Lavoro è un Lavoro” per tutti i disoccupati e inoccupati. Breve seminario introduttivo sulle tematiche e gli strumenti per trovare lavoro

Ore 14.30 Incontro con le  PMI (Piccole e Medie Imprese) di Curno e il Progetto rete Lavoro di Bergamo oltre a tutti gli strumenti utili per le aziende nel mercato del Lavoro   Segnaliamo inoltre che lo SPORTELLO LAVORO del COMUNE DI CURNO è aperto tutti i lunedì dalle ore 9 alle ore 11 presso il Municipio di Piazza Giovanni XXIII, 18 a Curno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Biancospino

    La giunta di Curno dovrebbe decidere se amministra un Comune oppure fa le veci della Caritas o dei centri per l impiego provinciali. Mi pare più’ la succursale clientelare della parrocchia che un ente locale, di cui è’ inutile amministratrice visto che non può’ spendere nemmeno un euro. Se poi nel frattempo spiega ai Curnesi il cartello di una immobiliare in via Curnasco, saremmo ancora più’ felici.

    1. Scritto da Gandalf

      Speriamo faccia abbattere presto anche l’orrendo abuso edilizio che da anni campeggia di fronte all’asilo, dove non si capisce che attività sia insediata, un giorno vendono fiori, un altro vendono quadri, un altro altro ancora suonano e cantano. Non capisco perché non lo faccia radere al suolo subito, è veramente un insulto al decoro urbano. Che c’entri qualcosa un ex sindaco?!

  2. Scritto da fermi un turno

    Per come mi hanno descritto il consiglio di ieri sera non credo che sara’ facile liberarsi dei comunisti a Curno.’ loro scelgono il meglio che hanno. E noi? Se questo e’ il meglio stiamo freschi. A ridatece Pedretti. Non vorrei che la Serra cominciasse a essere il male minore.

  3. Scritto da Massimo

    Faccio una semplice considerazione.
    Mentre a Curno le opposizioni (PDL e Lega) danno segni di vita proponendo una campagna per individuare spazi per fare defecare i cani (priorità 1 in questo momento storico) e lo scrivono pure sui volantini, la maggioranza si occupa del Lavoro e mette in cantiere questa e altre iniziative. Domanda. qual’è il problema 1 a Curno? il Cacatoio dei cani o il lavoro? Rispondete voi

    1. Scritto da Marco

      La sinistra che per anni ha disintegrato il paese per i propri comodi ecco il vero problema. Tipo l’asfalto rosso sui marciapiedi durato gran poco e dove ci furono delle buche enormi, tipo il ciotolato che dove passava l’autobus continuava a saltare. Le grandi opere pubbliche della sinistra di curno che sono sempre quelli da decenni, cambiano solo il burattino da mettere in prima fila e poi quelli nell’ombra sono sempre gli stessi da decenni…

      1. Scritto da Tango Delta

        La Sinistra?
        Dai Marco B.

        Vediamoci per bere una birra e vedrai da dove nascono le scelte peggiori (La Biblioteca nasce nel 1996, per esempio, colpa della Morelli anche quella’)
        Siete state peggiori della Morelli, Vedremo se la Serra farà meglio.
        Per ora osservo. Sono nato a Curno 42 anni fa, mi pare che ti manchi qualche informazione di base. Troppe

        1. Scritto da Marco

          Hai cannato Marco mi sa. Io sono nato un po’ dopo di te però le schifiate le ho viste e subite tutte soprattutto il blocco del traffico fatto dopo il centro commerciale che ha ucciso completamente il paese obbligando vari negozi a chiudere, attività che erano in piedi da decenni e decenni. Io il pass non l’ho MAI preso e non mi hanno mai fermato, bell’utilità che aveva…

    2. Scritto da Curno Oltre

      Caro Cont. Massimo, come al solito demistifichi la realtà, non hai ancora letto il ns notiziario, in distribuzione da stasera 6 febbraio, e sputi già veleno. Lo leggeranno i Curnesi e vedremo cosa ne ne penseranno…a proposito il titolo del notiziario é: L’Obiettivo.
      P.S.: saranno felici i possessori di cani del tuo giudizio sulla nostra proposta, che é poi una delle tante che Vi abbiamo avanzato

      1. Scritto da Massimo

        Sbagli Massimo, su questo non ho dubbi.
        Comunque l’avevo letto, forse perchè qualcuno me lo aveva girato.
        E vedo che la versione che avevo è identica a quella che mi avete lasciato oggi, spazio per cani incluso.
        A proposito. Perchè l’avete messa nella pubblicità e non nelle cassette? era ridotto tutto a una poltiglia.
        Lo spazio della pubblicità l’ho fatto mettere per altri tipi di comunicazione. mettete nelle cassette la prox volta?

  4. Scritto da economia di base

    La disoccupazione si batte con la defiscalizzazione, non con gli incentivi e il “battage” pubblicitario. Togliendo le tasse alle imprese, togliendo le disposizioni e regole inutili si recupera competitività e si assume. E’ così facile che… si capisce bene perchè questo stato burocratico non attua queste misure: sarebbe la sua fine, con tutti questi socialisti dietro…

    1. Scritto da Andrea di Curno

      Hai ragione al 50%.
      Su quello che hai scritto non eccepisco nulla. tuttavia ho amminiatrato e piaccia o non piaccia in un paese molti che hanno difficoltà col lavoro si rivolgono ancora al prete e al sindaco.
      Giusto quindi che un comune strutturi un bel servizio. Tra l’altro e converrai con me, non è che viene un quadro o un dirigente, molte volte venivano persone davvero in difficoltà a orientarsi..
      E se offri un servizio e non lo dici ai cittadini è del tutto inutile.

      1. Scritto da Marco di Curno

        Dopo aver mandato in rosso i conti per costruire una piazza inutile, ribaltare una via principale perché a qualcuno di loro che aveva l’attività lì serviva uno spazio extra, dopo aver inserito il divieto di accesso al paese per i non residenti (ovviamente escludendo la zona del centro commerciale) mandando in vacca l’intero paese fanno questa cosa. Ah beh dai utile come no.. Dimenticavo Via Roma dove salgono le piastrelle e le riempiono con l’asfalto, una via prima decente e ora non più.

        1. Scritto da Supplica

          Caro Marco. La Lega ha amministrato Curno dal 1994 al 2012 con la sola interruzione della Amministrazione Morelli.
          I conti in rosso lo sai non ci sono mai stati. I Disastri urbanistici dipendono per lo più dalle scelte di Bianchi, La Via Roma è peggio (ma tanto peggio) della piazza e va a pezzi. Alza il tono e dai un giudizio complessivo o il mio voto non lo rivedi. Se vuoi recuperare la gente come me che non vota trattaci da persone intelligenti.

          1. Scritto da Marco di Curno

            Anche tu sbagli Marco, io non mi sono mai candidato e mai lo farò, non faccio parte di alcun partito e non ne ho mai fatto parte. I “grandi” lavori di via roma dipendono da Bianchi? Così come il carcere, emh pardon, il condominio in centro paese che nulla ha a che fare con il resto del paese intorno? I cartelli “strada dissestata” dove sono salite le piastrelle ora coperte da asfalto le ha messe Bianchi? Parliamo dell’abbeveratoio per cavalli davanti all’ex bar del vostro compagno?

          2. Scritto da Supplica

            In comune carissimo c’è tutto il materiale. Il palazzo in centro è certo impattante. Ma se fosse stato del 30% più grosso (volume originario giunta Bianchi, vedere atti protocollati, please) non sarebbe stato meglio.
            Per via Roma il progetto (coperto da finanziamento a fondo perduto ricorda) prevedeva asfalto nella fascia centrale, poi l’amministrazione Gandolfi ha cambiato idea. Credo ci sia un contenzioso con la ditta. rifare tutto costa tanti soldini mi sa. che aveva di brutto l’asfalto?

  5. Scritto da Elettore Centrista

    Bravi.
    Non fatevi distrarre da chi non ha saputo amministrare e adesso rompe le scatole su tutto.
    Andate avanti tranquilli che queste sono le iniziative giuste

  6. Scritto da Massimiliano B.

    A Mozzo pare ci sia un problema di surplus di inoccupati.
    In realtà non è corretto. Se uno esce c’è uno che entra.
    Il aldo resta invariato.
    Bene Luisa Gamba (che immagino sia dietro l’operazione) e bene Perlita.
    Fatele conoscere queste iniziative, non restate troppo nel guscio.
    Comunicare, comunicare. allez…

  7. Scritto da moss

    ne serviranno di energie: anche da Mozzo arriveranno cittadini che avevano poltrone, questi sono rimasti nella “rete”, impigliati.

  8. Scritto da Alberto Locatelli

    Ottima iniziativa.

    Non di sole opere pubbliche vive il popolo.

    E visto che soldi per farle ci sono ma lo stato non ve li fa usare mi pare ottimo mettere a frutto così tempo e risorse.

    grazie

  9. Scritto da Cittadino

    Molto bene, datevi da fare per trovare qualcosa da fare a uno del paese, aveva due poltrone, forse tre, ora è rimasto senza.
    Il rischio è ora di trovarlo sperduto “in mezzo alla gente, per la gente”.