BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sicurezza, a Bergamo turismo criminale Serve molto più rigore”

“Turismo criminale”. Così l'assessore alla Sicurezza del Comune di Bergamo Massimo Bandera definisce l'ondata di furti che ha investito la Bergamasca negli ultimi mesi. Contrastare questo fenomeno non è impresa facile soprattutto quando gli interventi delle forze dell'ordine servono a poco perché non supportati dalla certezza della pena.

Più informazioni su

“Turismo criminale”. Così l’assessore alla Sicurezza del Comune di Bergamo Massimo Bandera definisce l’ondata di furti che ha investito la Bergamasca negli ultimi mesi. Contrastare questo fenomeno non è impresa facile soprattutto quando gli interventi delle forze dell’ordine servono a poco perché non supportati dalla certezza della pena.

Assessore, cosa intende per turismo criminale? “Io lo chiamo così: si manifesta dove c’è ricchezza e poca certezza della pena. Lo dicono i dati. Rumeni, albanesi, rom non si fanno scrupoli, vengono qui e commettono reati sapendo di poterla fare franca”.

Se carabinieri e polizia fanno fatica a monitorare tutto il territorio, come possono intervenire gli agenti della Polizia locale? “Si stanno dando molto da fare. Negli ultimi mesi hanno espresso la loro potenzialità massima anche perché io stesso li ho messi a dura prova. Di fronte a certe situazioni però siamo sconsolati. L’ultimo caso risale a pochi giorni fa. Un marocchino a bordo di un’auto contenente refurtiva e attrezzi da scasso non si è fermato all’alt, ha quasi investito un agente e si è schiantato fortunatamente senza ferire nessuno. E’ stato denunciato a piede libero, non ha fatto nemmeno un giorno di carcere. E’ un segnale inquietante”.

Quindi secondo lei servirebbe più rigore? “Lo Stato sta umiliando le forze dell’ordine, ci sta disarmando. Il rigore è quanto mai opportuno. Dovremmo tutelare i citadini, non i delinquenti”.

500 denunce nel 2013 contro le 300 del 2008. Quasi 1200 violazioni del regolamento di polizia urbana sanzionate. E’ soddisfatto del lavoro fatto dalla Polizia locale o si potrebbe ottenere risultati migliori? “Quello che prima era considerato un semplice vigile sta diventando una figura professionale dedicata alla sicurezza. Sono soddisfatto dell’operato del corpo. Interverremo per potenziarlo ancora di più”.

Sono stati eseguiti 583 servizi anti accattonaggio e anti parcheggiatori abusivi. Non avrete incassato un euro da questo tipo di multe. Servono? “La nostra arma più importante è proprio il regolamento di polizia urbana. E’ uno strumento efficace, non ce ne sono altri per contrastare questi fenomeni perché il richiamo verbale ovviamente non basta. Noi puniamo l’accattonaggio insistente: passare da 40 violazioni del 2008 a 1200 credo che sia un ottimo risultato”.

Senza patto di stabilità, quali misure adottereste? “La risposta forte sarebbe l’aumento del personale. Dobbiamo presidiare il territorio. Per fortuna riusciamo ad adattarci con alcuni escamotage: nel 2013 è partito il turno fino alle tre di notte possibile grazie a fondi trovati nell’avanzo per i dipendenti”.

Da qualche tempo è stata istituzionalizzata la collaborazione con i City angels. Molti la ritengono l’ennesima boutade politica come ronde padane o alpini nelle città. Non è così? “No. Le collaborazioni sono una manna dal cielo. Io sono per la cittadinanza attiva e i City angels hanno solo l’obbiettivo di impegnarsi per monitorare il territorio”.

Le telecamere funzionano? “Certo, vanno potenziate. Oggi il futuro della sicurezza è la tecnologia. Non dico di utilizzare i radar, ma non escludo che in futuro si arrivi a queste misure. La prospettiva è di sostituire le attuali e cambiarle con sistemi dalle prestazioni più avanzate”.

La privacy, però, va farsi benedire. “In questo momento storico forse è meglio sacrificare un po’ di privacy per garantire la sicurezza di tutti i cittadini”.

Giorgio Gori, candidato del Pd alle primarie, dice che il centrosinistra non può regalare il tema sicurezza al centrodestra. Cosa ne pensa? “Io credo di aver dimostrato che l’ambiente non è un tema di sinistra. E anche la sicurezza non è una questione politica. Dipende dalle priorità. Noi riteniamo che in questo momento sia la priorità, anche perché è quello che chiedono i cittadini. Devono parlare i fatti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano

    Tutto ciò dimostra per l’ennesima volta il fallimento della Bossi-Fini e della propaganda su immigrazione e seicurezza. È un tema che giustamente non va lasciato solo alle campagne elettorali ma seriamente affrontato. E su questo anche la Giunta attuale non ha certo agito diversamente da quelli che la Lega ha sempre insultato e bollato come amici di immigrati e delinquenti (spesso spacciati come la stessa cosa).

  2. Scritto da Lucio

    Nei dodici mesi appena conclusi sono arrivati via mare nel nostro Paese 42.925 migranti, il 325% in più dell’anno precedente.Un trend in ascesa che non sembra fermarsi con la boa di Capodanno, visto che nel mese di gennaio 2014 i migranti sbarcati sono stati 2.156 a fronte dei 217 dello stesso periodo dello scorso anno. Cioè, dieci volte tanti. Se poi tutti ,a parte Lega ,votano lo svuotacarceri e eliminano il reato di clandestinità ,hai voglia di garantire la sicurezza….

  3. Scritto da Pietro

    Sono veramente preoccupato, invece che inasprire e rendere certe le pene, il parlamento approva il decreto svuota carceri…siamo all’assurdo (povera Italia)

  4. Scritto da Franci

    Passerò per complottista, ma c’è una sorta di progetto per rendere l’Italia la pattumiera d’Europa? perchè questi sono i segnali che passano. Per lo meno avvisatemi, cosi vedo di far nascere i miei figli molto lontano da qui.Francesca.

  5. Scritto da BERGAMO CAMBIA LISTA CIVICA

    a Bergamo c’è un problema sicurezza perchè in 5 anni l’assessorato in mano alla LEGA non ha fatto altro che sprecare i soldi dei cittadini senza ottenere risultati veri! ricordiamo tutti le ronde padane, il posto di polizia in via quarenghi chiuso subito, le telecamere che per anni sono state spente, lo spaccio e la delinquenza sul piazzale della stazione. Perchè il capogruppo Ribolla non presenta un ordine del giorno sulla sicurezza alla stazione invece che lamentarsi solo dei treni?

    1. Scritto da Mister Bean

      Eh, già. Siamo invasi per colpa della Lega.
      Ma va a scuà ‘l mar.
      Almeno rileggi quello che scrivi prima di cliccare su “Invia”. Ti risparmieresti le figuracce.

  6. Scritto da giobatta

    quella della privacy violata dalle telecamere e da altra tecnologia mi sembra una panzana (la telecamera della stazione ferroviaria di bg ha ripreso il mio aggressore, che successivamente è stato arrestato e processato).