BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quando Cupido mira e sbaglia cuore Racconta la tua storia

Mancano pochi giorni a San Valentino e l'Associazione culturale "Il Paese che non c'è" e Bergamonews lanciano la seconda edizione del concorso "Cupido, ma dove ComoAnconadoppiaZZaraOtranto... miri?". Scrivi in dieci righe la peggiore storia della tua vita e invia il racconto entro il 10 febbraio. In palio pacchi di libri. La partecipazione è gratuita.

A volte sembra amore, ma poi si rivela un disastro. Davanti a certe situazioni però, l’ironia sembra essere l’unica chiave di lettura. Mancano pochi giorni a San Valentino e così l’Associazione culturale "Il Paese che non c’è" e Bergamonews lanciano la seconda edizione del concorso "Cupido, ma dove ComoAnconadoppiaZZaraOtranto… miri?". Partecipare è semplice: basta scrivere in dieci righe la peggiore storia della propria vita e inviare il racconto entro il 10 febbraio.

Una giuria premierà le storie più originali, ironiche e divertenti. La partecipazione è gratuita, la vincita è sicura: pacchi di libri in palio. I racconti vanno inviati entro il 10 febbraio 2014 a ilpaesechenonce@tin.it.

 

UN LENTO MILITARE

Una domenica pomeriggio dell’ estate del 1977, io e mia cugina, su un unico motorino scassato, raggiungiamo la discoteca del paese vicino. Dopo aver parcheggiato entriamo e, nell’oscurità del locale affollato e psichedelico, cerchiamo dove sederci. Facciamo qualche giro e troviamo posto vicino a due ragazzi. Quando finalmente riusciamo a metterli a “fuoco” ci accorgiamo che non sono niente male! Con naturalezza io sono attratta, corrisposta, dal militare sulla mia destra e mia cugina, idem, con quello alla sua sinistra. Ogni tanto, io e lei, ci picchiamo nei gomiti in segno d’intesa e quando ci guardiamo dobbiamo stare attente a non farci travolgere dalla nostra “grignarola”. Ma torniamo al ragazzo che tanto mi piaceva. Chiudo gli occhi e lo rivedo: viso meridionale bellissimo, occhi verdi, capelli folti e neri, sorriso smagliante. Dopo tanta dance music in sala partono i lenti e ci chiedono di ballare. Mia cugina, molto più alta del suo militare, dice che guardandoci, sembrava che “il mio” ballasse da solo. Non gli arrivavo neanche allo stomaco!

 

RIUNIONE POCO PERSONALE

Comprerò giusto un po’ di bresaola. Questa sera voglio stare leggera. Dopo cena verrà Gianni e… magari prendo anche del salame, ha sempre fame dopo aver fatto l’amore. Oh noo. Quella è la moglie di Gianni?! Cioè, la ex moglie!? Non hanno chiesto il divorzio solo per non spaventare il bambino. Lui ama me. Lei lo sa. Ormai se ne sarà fatta una ragione… credo. Il loro matrimonio era già in crisi. Non ho nulla di cui vergognarmi. Forse dovrei parlarle? Salutarla? Chiedere come sta? Sicuramente sa chi sono, mi avrà visto milioni di volte parlare con lui sotto casa loro. Non posso nascondermi. Prima ordino, che è più facile, poi le parlerò. 

– Mi scusi… ma lei non è la paziente di mio maRito? Quella pazza, con qualche pRoblemino, innamoRata di lui, che lo infastidisce sempRe quando va a passeggio con il cane? Siii. E’ lei, l’ho vista mille volte sotto casa nostra… Ma signoRa, peRché non Riesce a capiRe che lui ha già una moglie che ama e un bambino che adoRa? Sa, da donna a donna, lasci peRdere! SpaRisca e non ci toRmenti più. Mio maRito cRede che non potRebbe soppoRtaRe lo stRess di una denuncia, aaaaah io la prossima volta che la vedo chiamo i caRabinieri così poi ci pensano loRo. SignoRa la pRego non mi costRinga, giuRo che lo faccio. –

– Signora è il suo turno, mi dica… –
– Signora Corelli….. Lei ha ragione. Io sono realmente PalermoAnconadoppiaZaraAncona di suo marito, ma da oggi, le garantisco, non dovrà più preoccuparsi. Sarà solo suo. Ma, da donna a donna, si informi sulla “riunione del personale” di ieri sera. Le dò un indizio, molto personale, a mio parere, e molto poco riunione… Arrivederci cara, è stato un piacere conoscerla finalmente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.