BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parcheggio dell’aeroporto Si inizia con duemila posti “Volumetrie cancellate”

Passo avanti per l'iter di approvazione del parcheggio che accoglierà le auto dei passeggeri in partenza da Orio al Serio. A dieci mesi dall'approvazione in Consiglio consiglio comunale, il progetto è tornato in Giunta per la valutazione della variante al Piano di governo del territorio, che mercoledì sarà esaminata dalla commissione. C'è ancora molto lavoro da fare. La proposta è all'esame della soprintendenza chiamata a dare il via libera definitivo.

Più informazioni su

Passo avanti per l’iter di approvazione del parcheggio che accoglierà le auto dei passeggeri in partenza da Orio al Serio. A dieci mesi dall’approvazione in Consiglio consiglio comunale, il progetto è tornato in Giunta per la valutazione della variante al Piano di governo del territorio, che mercoledì sarà esaminata dalla commissione. C’è ancora molto lavoro da fare. La proposta è all’esame della soprintendenza chiamata a dare il via libera definitivo. Per ora si parla di duemila parcheggi a raso, che diventeranno cinquemila con il secondo lotto. Sacbo da più di due anni spinge per la realizzazione del progetto che garantirebbe profitti immediati da reinvestire nello scalo. Rispetto alle previsioni iniziali relative al Pn16, l’amministrazione ha risparmiato 240 mila metri cubi, cancellati e non più riutilizzabili in altre aree della città.

Il sindaco Franco Tentorio sottolinea il dato totale. “Con questa operazione non stati ridotti un milione e 40 mila metri cubi. Ci tenevamo a formalizzare l’impegno politico. Questa modifica urbanistica comporta un ulteriore risparmio rispetto alle previsioni della precedente amministrazione”. “Abbiamo seguito la linea di non accogliere domande dirette di volumetria – conferma l’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta -. Abbiamo tutelato il territorio del Comune di Bergamo”. La realizzazione del parcheggio prevede una serie di prescrizioni. “Inizialmente saranno duemila posti a raso – spiega l’assessore all’Ambiente Massimo Bandera -, con tanto verde nella pavimentazione. Per quanto riguarda il Pgt in generale continueremo a lavorare sulle aree dismesse, per trasferire lì le volumetrie di aree libere”. Difficile rispondere alla fatidica domanda sulle tempistiche di realizzazione. Sacbo ha molta fretta di concludere, la speranza dell’amministrazione è di renderlo operativo prima di Expo 2015.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dimissioni subito

    Ci aveva sfidato, dichiarando che non ce l’avremmo fatta. Invece, promessa mantenuta. Ora il Paganoni dovrebbe mantenere la sua promessa: dimettersi!

  2. Scritto da fx

    E con questa fanno un milione di volumetrie in meno dal pgt versione centrodestra.

  3. Scritto da gigi

    Questo parcheggio non può essere realizzato se prima non viene effettuata la procedura di Valutazione Ambientale Strategica. L’area interessata rientra tutta nell’area di rischio soggetta a precise prescrizioni e limitazioni (non sono ammesse attività ad elevato affollamento e depositi di carburante). E’ evidente che senza l’approvazione preventiva del Piano di Rischio (la cui analisi è ferma da mesi) non potrà essere fatto nulla. L’opposizione come al solito dorme sonni tranquilli.

    1. Scritto da Stef

      Il parcheggio è compatibile con il piano di rischio.

  4. Scritto da Andrea

    anni e anni solo per un parcheggio….burocrazia made in italy