BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Depenalizzare la cannabis Consiglio regionale vota no Bruni: “Occasione persa”

“Prendiamo atto che il Consiglio regionale della Lombardia sceglie di rimanere ancorato a un’impostazione repressiva, per quanto questa si sia rivelata fallimentare”, afferma il consigliere regionale Roberto Bruni in merito alla mozione per la depenalizzazione delle droghe leggere presentata dal Patto Civico e bocciata con 22 sì, 37 no e 7 che non hanno partecipato al voto.

“La richiesta era chiara e semplice: attivarsi per la depenalizzazione dei reati connessi al consumo di cannabis e aprire un ampio confronto sul tema. Prendiamo atto che il Consiglio regionale della Lombardia sceglie di rimanere ancorato a un’impostazione repressiva, per quanto questa si sia rivelata fallimentare”.

Lo dichiara il consigliere regionale Roberto Bruni in merito alla mozione per la depenalizzazione delle droghe leggere presentata dal Patto Civico e bocciata con 22 sì, 37 no e 7 che non hanno partecipato al voto.  

“Due sono le domande fondamentali. La Fini-Giovanardi e la sua logica punitiva hanno funzionato? La risposta è no. Tutti i dati a disposizione indicano un incremento del numero dei detenuti, ma nessuna diminuzione né del consumo né tanto meno della produzione di cannabis. Nessun risultato, insomma, se non l’attuale inaccettabile sovraffollamento carcerario e una criminalizzazione anche dei comportamenti.

E ancora: le mafie traggono benefici dal proibizionismo? La risposta è sì. E molti, perché è documentato che gran parte delle sostanze stupefacenti alimentano i traffici criminali della ‘ndrangheta”.  

“A fronte di queste considerazioni oggettive – conclude Bruni – risulta sorprendente l’esito del dibattito in Aula e della conseguente votazione. C’è ormai una consapevolezza diffusa sul fatto che occorra intervenire.

La politica ha invece perso un’occasione importante per confrontarsi senza pregiudizi sul tema e per imprimere una svolta necessaria, invocata anche da organismi internazionali come la Commissione globale per le politiche sulle droghe”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lalla

    le mafie se la ridono , anche se legalizzata per loro non cambia nulla , anzi aspettano al varco i futuri clienti, svegliatevi boccaloni.
    meno male che in regione è rimasto qualcuno con un po’ di buon senso

  2. Scritto da andrea

    perché l erba si e il vino rosso o la birra no?
    differenziamo chi si ubriaca di birra da chi si ubriaca di vino da chi si ubriaca di superalcolici perché effettivamente la differenza c è

  3. Scritto da cicciobello

    Io sono stato inserito in un programma terapeutico tempo fa, xchè avevo ammesso di fumare da 10 anni tutti i giorni. Risultato, ne sono uscito pulito e fumo tutt’ora…certo non più tutti i giorni. La patente l’ho tutt’ora e non ho mai causato incidenti ma nel caso state tranquilli…se capita vedrò di ammazzarmi sul colpo. Così non dovrete più pafarmi la pensione ne mantenermi in carcere.

  4. Scritto da andrea

    perché l erba si e il vino no? se guido ubriaco di vino e mi fermano non rischio niente se guido ubriaco di superalcolici mi fanno la multa

  5. Scritto da ortensia

    tranquilli, con questi politici dall’apertura mentale a cruna di spillo aspettiamoci tra un po’ che diventera’ reato coltivare e vendere le ortensie (immagino gia’ le retate nei vivai e nei fioristi “spacciatori”) visto che si e’ scoperto che ha effetti simili alla cannabis (infatti in germania e francia e’ ormai impossibile coltivarle perche’ le rubano a questo scopo) ma con grandi rischi perche’ ha effetti collaterali molto piu’ pericolosi della cannabis

  6. Scritto da poeret

    persa l’ennesima occasione di “modernizzarsi” nel senso di esserr attuali e obiettivi.. continuerà ad esser illegale ed onnipresente, il malaffare ringrazia

  7. Scritto da Il Naggio

    Bene, avanti cosi. Non è legalizzando l’erbetta che diminuisce la mafia, che andrebbe comunque avanti “vendendo” coca, eroina e tutto il resto. La storia dell’uso medico è una pagliacciata tutta di sinistra.

    1. Scritto da italiaipocrita

      mi scusi Naggio, parlare senza informarsi fa fare figuracce, vada a vedere negli stati europei da chi sono arrivate le proposte che hanno permesso la modifica delle leggi oppressive contro droga….DESTRA!!
      Ultima cosa, porti rispetto per i malati che hanno ottenuto e tutt’ora ottengono grandi benefici con la cannabis a differenza delle schifezze chimiche! le sarà difficile crederlo ma FUNZIONA!

      1. Scritto da Patrizia

        No scusate una cosa è usare un certo tipo di droghe per le cure terapeutiche e fin qui nulla da dire se aiutano l ammalato a lasciare questa vita serenamente…..una cosa invece liberalizzare la cannabis per il solo piacere fisico…… Informatevi sugli effetti che provoca sul cervello …. Poi ne riparliamo……

        1. Scritto da matteo B

          mi scusi Patrizia ma forse deve informarsi Lei.. che parla per “sentito dire” la cannabis non ha nessun effetto fisico sul cervello o corteccia celebrale, il danno in caso la si fumi è l ostesso delle sigarette, ovvero polmoni rovinati (chepoi cambia poco per chi abita vicino Orio o Autostrada)..per esser terra terra poi.. basta veder l’effetto sui Jamaicani o dove la cannabis è libera, vedi Olanda.

      2. Scritto da Il Naggio

        E quindi? legalizzatela negli ospedali e basta.

        1. Scritto da fra

          Con le attuali leggi si rovinano famiglie e persone,i minorenni vengono classificati come problematici,mandati nei centri insieme ai eroinomani e disadattati di ogni tipo,vengono classifcati e fatti sentire ormai segnati…lo spirito giusto per recuperarli
          Un disgraziato qualsiasi che si fà due tiri e lo beccano , tra ritiri patente,costi legali etc..manda a ramengo la sua vita famigliare…che non faccia un incidente in macchina..anche se lucido una traccia di precedenti consumi lo condanna.

          1. Scritto da Il Naggio

            Esattamente come per chi ha bevuto. quindi?

  8. Scritto da maria

    Mandiamo in carcere chi coltiva 4 piantine sul terrazzo e poi liberiamo i delinquenti perché le carceri sono troppo piene. Schizofrenia ideologica e scollamento dal paese reale. Io non so cosa assumano questi prima di votare, me deve essere roba che lede pesantemente la capacità di raziocinio.

    1. Scritto da maria

      invece di guardare solo uomini e donne, pomeriggio 5 ecc.. guardate anche qualche programma scentifico, dove spiegano per bene cosa fa la cannabis , e la differenza che cè tra quella usata in medicina e l altra ..

  9. Scritto da perforza

    figuriamoci che i bacchettoni leghisto-ciellini votino a favore della cannabis proprio nel giorno in cui li visita il cardinal Scola! Eppoi dalle cronache giudiziarie e’ emerso chiaramente qual’e’ la droga preferita da quelle parti… la cannabis roba da pezzenti squattrinati..

  10. Scritto da Wladimir Zonca

    Allora andiamo avanti a favorire la mafia,con la vendita illecita,dovremmo appoggiare questa legge,poiché molta gente ne fà come uso medico!!!