BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Parcheggio selvaggio, invece che far le multe schedano chi segnala”

Pubblichiamo la lettera di Filippo Cavalli, residente in via Tasso a Bergamo che ha deciso di rivolgersi direttamente al comandante della polizia locale Virgilio Appiani dopo essere stato identificato da due agenti perché ha segnalato alcune auto in divieto di sosta.

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera di Filippo Cavalli, residente in via Tasso a Bergamo che ha deciso di rivolgersi direttamente al comandante della polizia locale Virgilio Appiani dopo essere stato identificato da due agenti perché ha segnalato alcune auto in divieto di sosta.

Gentile Dr. Appiani,

Scrivo la presente per informarLa di cosa è avvenuto domenica e per avere da Lei un preciso e dettagliato riscontro in merito. I fatti sono i seguenti. Sono le 11.25 del mattino e con mia moglie e le mie due figlie mi trovo sul sagrato della Chiesa di S. Bartolomeo.

Il sagrato è letteralmente invaso si automobili, che non solo non possono sostare, non solo non possono entrare sulla piazza, ma non possono nemmeno entrare in quella zona di città.  Le foto in allegato sono piuttosto esplicative e sono state scattate per documentare la situazione. Cerchiamo di farci largo tra le auto per raggiungere il Sentierone quando arriva una Smart a velocità sostenuta il cui guidatore, per far spostare i pedoni e parcheggiare, suona il clacson quasi infastidito. La mia bimba più piccola, su una bicicletta a rotelle, si spaventa vedendosi arrivare incontro la macchina, cade e si mette a piangere. Mi dirigo verso il guidatore, facendogli notare che non può entrare e non può parcheggiare sul sagrato, questi tira giù il finestrino e scocciato mi dice “devo andare a messa”. Rimango allibito.

A questo punto, insieme ad altri pedoni che hanno assistito alla scena, avvistiamo due membri della Polizia Locale, che, completamente indifferenti a quello che accade, chiacchierano amabilmente sul Sentierone a una decina di metri da noi. Ci muoviamo in gruppo verso i Vigili, e anche piuttosto alterati devo ammetterlo (ad un certo punto dico anche “ ma che c…o siete qui a fare!”), chiediamo come sia possibile che sotto i loro occhi si perpetui una situazione del genere. Li invitiamo ad intervenire, a multare e a far rimuovere i veicoli.  Non c’è nulla da fare, ci guardano con aria di sufficienza e quasi di scherno e si rifiutano di intervenire. Sembra che siamo noi che, confidavamo in loro, ad essere dalla parte del torto.  A questo punto, quando capiamo che non si sarebbero mossi per aiutarci, in più persone chiediamo che ci forniscano i loro numeri di matricola. Uno dei due ci mostra una medaglia sul giubbotto con il n….., l’altro si rifiuta, ma quando le insistenze diventano maggiori scatta la reazione.

Ci chiedono i documenti con tono di sfida. Siamo al parossismo, il cittadino vessato si rivolge al pubblico ufficiale per essere tutelato, e questo oltre a rifiutarsi, nel tentativo forse di intimorire, reagisce chiedendo i documenti. Ottimo. Molti stupiti ed intimoriti si defilano, io per vedere fino a che punto si possa arrivare, invece consegno immediatamente la mia carta di identità al Vigile. A questo punto mi chiedono di seguirli presso il furgone perché vogliono prendere nota dei miei dati.  Io li seguo e la situazione è paradossale.  Chiedo che si faccia velocemente ma mi dicono che si prenderanno il tempo necessario.  Ci mettiamo quasi 10 minuti per andare a piedi dal Balzer ai giardini del Donizetti dove è parcheggiato il furgone. 

La sensazione è che attendano o si augurino una mia reazione che invece chiaramente non arriva. Saliamo sul furgone e segnano i miei dati, io chiedo il loro numero di matricola (su un foglio di carta che conservo mi scrivono … e …) dicendo che segnalerò al Dr. Appiani il loro comportamento e che farò presente come di fronte a numerosi testimoni, si siano rifiutati di compiere il loro dovere. Mi rispondono flemmaticamente “questa è la sua versione”. 

Faccio una foto al furgone a alla targa (in allegato) prima che accendano il motore e se ne vadano. Intanto sul sagrato della chiesa le macchine sono sempre di più e i pedoni non possono fare altro che passare sulla pista ciclabile. Indipendente dal comportamento da stigmatizzare da parte dei due membri della Polizia Locale, quello che vorrei capire è se in questa città esistano zone e momenti franchi, se tutti i cittadini sono uguali o se ci siano dei favoritismi per certe categorie che per altre non sono previsti. Sarebbe molto utile fare chiarezza e avere delle risposte nette in merito. Resto in attesa di leggerLa in merito ai fatti di cui sopra e mi rendo sin d’ora disponibile ad un incontro sia con Lei che con i due membri della Polizia Locale, insieme ai numerosi testimoni che hanno avuto occasione di assistere a questa incresciosa scena questa mattina.

Molto cordialmente.

Filippo Cavalli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco bg

    La stessa cosa la noto tutte le mattine verso le 7,30 fuori dalla chiesa in via Lunga quasi di fronte alla fiera: una sfilza di auto parcheggiate sul marciapiedi.Bella cosa, x fortuna c’è ancora chi crede in Dio e va a messa ma soprattutto loro dovrebbero essere altruisti e pensare al disabile o alla mamma con il passeggino che non riescono a passare sul marciapiede E oggi ci limitiamo alle chiese perché se dovessimo parlare dei parcheggi fuori dai bar, dalle tabaccherie, dalle scuole….

  2. Scritto da scandaloso

    e vogliamo aggiungere la situazione analoga in Piazza della repubblica, con atuo sui marciapiedi a tutte le ore, dove le “multe non si danno perché proprietà di noto personaggio politico”…

  3. Scritto da cesare

    mi complimento con il Sig. Cavalli che ancora crede che questo possa diventare un Paese normale.

  4. Scritto da orso orobico

    Stessa cosa succede in via tiraboschi, macchine parcheggiate in divieto di sosta, polizia locale che pattuglia la zona ma neanche una multa data.

  5. Scritto da Gio

    Quando passo la domenica mattina da via tasso mi incazzo per il senso civico di tanti cittadini di questo paese. Esistono mille chiese, vuoi andare in San Bartolomeo? Bene ma se non trovi parcheggio, paga in uno dei tanti parcheggi coperti e fai 2 passi. Per quanto riguarda le forze dell’ordine stesso brodo; le regole sono un opinione. Se ci fosse una moschea le avrebbero spostate con un bulldozer.

  6. Scritto da Nicfid

    E se le lasciassimo un po a casa queste maledette automobili !!
    Potremmo utilizzare questi simpatici personaggi in divisa per fare quello che per cui sono stati assunti: pulizia urbana !!!

  7. Scritto da poggi.olini

    Nna volta si diceva che qualcuno aveva i santi in paradiso, oggi si dice che ha i santi in via Coghetti…………..

  8. Scritto da Max

    Una cosa del genere stava accadendo anche a me, non sono stato segnalato solo perchè ho detto all’agente che la prossima volta al posto di chiamare la pubbliaca sicurezza sarei sceso con la mazza da baseball (che tra l’altro non possiedo :) ). A quel punto, l’agente è tornato a più miti consigli ed ha multato le auto in divieto di sosta. Davanti all’arroganza degli agenti, rispondete con uguale arroganza, altrimenti questi daranno sempre ragione a chi viola le regole.

    1. Scritto da Carlo

      si, fallo con quello giusto…ti ritrovi in macchina con le manette e in arresto per minacce a P.U….non aspetto altro…

  9. Scritto da Gaetano Bresci

    sono le cosiddette “forze dell’ordine” che tanto amate e sostenete.

  10. Scritto da Angel

    Definizione di Autorità: colui che arriva dopo la battaglia e prende a calci i feriti…..

  11. Scritto da roberta

    LI-CEN-ZIAR-LI!!!
    Mandarli a lavorare sotto padrone privato, poi vediamo come si comportano

  12. Scritto da mary

    ma scusate …… i Padri Domenicani non potrebbero lasciare la catena impedendo l’accesso al segreto come tutti gli altri giorni?

    1. Scritto da giannone

      le multe degli altri sono sempre giuste, mentre le proprie sono sempre ingiuste, meditate, meditate………….

  13. Scritto da il polemico

    minimo una sospensione non dovrebbero levarlgiela nessuno,perchè non hanno agito nel rispetto delle regole della comunità.vediamo se il loro capo prenderà provvedimenti come li aveva presi per il vigile alpino.però è pure chiaro che quando il candidati a sindaco parcheggia il suo costoso suv in divieto di sosta pensando di cavarsela,i suoi possibili elettori ne seguano l’esempio

  14. Scritto da spyke 5 stelle

    Mah, conoscendo l’Assessore alla mobilità non c’è molto da stupirsi. Nè mi stupirei se l’amministrazione fosse di csx. Non hanno il coraggio di mettere in pratica le regole che ci sono già, figuriamoci una seria politica di mobilità che abbia come obiettivo la chiusura del centro.

  15. Scritto da un pò di rispetto

    certo che presentarsi con ” che c… siete qui a fare ” non è un bel modo di fare.in altre nazioni, a parte che non lo avrebbe fatto, si sarebbe trovato un paio di manette ai polsi, ma qui siamo in Italia dove il rispetto non esiste, non si offenda Signor Cavalli ma hanno fatto benissimo a domandarle le generalità.

    1. Scritto da rompiballe

      Il Signor Cavalli sicuramente sarà stato un po’ volgare nell’esprimersi ,ma questo non vuol dire non avere rispetto.Chi non ha rispetto per le persone sono i due agenti,che come molti altri loro colleghi(ricordo stipendiati da noi lavoratori dipendenti) non rispettano le regole e quando glie lo si fa notare aggrediscono i cittadini………..

  16. Scritto da Silvia

    Mi associo alla tua protesta, Filippo e ti confermo che le zone franche esistono eccome. Ne e’ un esempio via Pignolo alta prima e dopo la chiesa. qui le auto sostano in divieto e rimozione forzata Sempre 24 ore su 24 x 365 giorni all’amno. Ho provato a chiedere ai vigili ma se. E fanno un baffo e nemmeno scrivendo alla polizia locale ho avuto risposta! Mi piacerebbe sapere se il comandante ti risponde

  17. Scritto da paola suardi

    ma per accedere al “sagrato privato” bisogna passare da largo belotti, da anni un buco nero ovvero una ztl in crisi di identità con pilomat non in uso e transenna inspiegabile che nè blocca nè agevola il passaggio. però se un vigile vi trova senza permesso sono 80 e di multa. chi parcheggia in S. Bartolomeo è in possesso del permesso di transito? esce poi da via Tasso o via Sentierone con quale permesso?

  18. Scritto da mario

    Una domanda,si vedono in giro tanti mega suv con il tagliando per portatori di handicap ,ma le persone che li conducono sono giovani e in perfetta salute….

  19. Scritto da baz

    bravo cittadino!
    fa niente se c’è la mafia e la corruzione in questo Paese e in questa città, bisogna fare così e continuare a buttare in piazza queste cose. Peccato per quelli che “si sono allontanati”, ma bisognerebbe fare in modo che tutte le settimane ci sia qualcuno a turno che telefona chiedendo un intervento.

  20. Scritto da Mauri

    L’auto mobile in Italia è sacra…dopo più di 50 anni di Autodipendenza quello che si verifica da questa lettera è di una anormalità NORMALE,..quelli che si recano alla S.Messa in autobus,se non hanno il biglietto vengono multati..e ben gli sta.?

  21. Scritto da Aladin

    Anche a me è capitato di chiedere spiegazioni sul parcheggio concesso davanti a s.bartolomeo per i fedeli che vanno a messa. Mi è stato risposto da un vigile che esiste un preciso accordo che permette ai “fedeli” di parcheggiare sul sagrato. Comunque esistono evidentemente precise direttive dall’alto di non multare le auto in divieto di sosta in certe zone della città. Personalmente un giorno sono stato quasi deriso da 2 vigilesse perchè avevo lamentato la situazione.

  22. Scritto da Rita

    Sig. Cavalli ha tutta la mia solidarietà. Anche io ho recentemente discusso con un vigile per una questione diversa ma di rilevanza trattandosi della sicurezza per di più, essendo lui stesso la causa. Alla fine mi sono sentita in obbligo di dirgli che non meritava di portare l’uniforme che indossava. Auspico che la percentuale di vigili “assenti” sono molto inferiore a quelli “coscienziosi”, ciò non toglie che comportamenti deplorevoli vanno comunque puniti.

    1. Scritto da giuseppe regazzoni

      sig CAVALLI anch’io sono solidale con lei… e con chi protesta per via di troppi SUV. CON IL TAGLIANDINO DEI PORTATORI DI HANDICAP..CHE PARCHEGGIANO DOVE VOGLIONO E SCORRAZZANO PER CITTA’ ALTA…. ANCHE BERGAMO E’ PIENA DI FURBETTI..COME CHI VIAGGIA SUI BUS SENZA BIGLIETTO..

  23. Scritto da Antonietta

    Stessa solfa in PIAZZA PONTIDA -tutti i giorni della settimana a tutte le ore- possibile che non si vedano mai multe sui parabrezza??? le autovetture sono sempre le stesse… comprese le due/tre con esposto il pass dei disabili e che restano posteggiate per ore (ribadisco dal lunedì al venerdì e dalla mattina in poi e non alcuni giorni e alcuen ore…..).

  24. Scritto da non capisco!

    a giorni alterni leggo lettere contro i vigili che non multano, vedi questa, o viceversa contro i vigili inflessibili e cattivi che multano troppo anche per 5 minuti in doppia fila per comprare il giornale…
    decidetevi, o forse è come penso io, questi 30 e passa commenti tutti bravi quando la multa riguarda gli altri…quando invece la prendono in proprio se ne lamentano!!!

    1. Scritto da Samuele

      Non capisci o fai finta? Non si sta dicendo che non si pagano le multe, solo che si fanno sempre i soliti distinguo. Come mai alla denuncia di un cittadino non si da una risposta decente? Ci sono deroghe particolari? Va bene, ditelo. Però se è normale mettere la multa agli altri, la regola è uguale per tutti. Noooo? Allora ha ragione chi dice che la “Pulizia Urbana” ha un’altro scopo.

  25. Scritto da sepp

    avete votato un sindaco che sa solo baciar pantofole in curia e ora vi lamentate dei sopprusi dei preti. purtroppo la ghigliottina, (quella Vera) in Italia non è mai arrivata.

  26. Scritto da meganoidi

    La questione non è la proprietà del sagrato. La questione è l’atteggiamento degli agenti della Polizia Locale, che anziché fornire risposte esaustive, magari con indicazione di norme/intese/delibere, ti chiedono i documenti come ripicca per averli disturbati. Questo è intollerabile da qualsiasi onesto cittadino.

  27. Scritto da gigi

    la Santa Messa e’ sacra, i devoti che parcheggiano li’ sono perdonati, vero Eco di Bergamo ?

  28. Scritto da luca

    qui si sta prendendo un bel granchio…il sagrato è privato, assodato questo vi attaccate ai 2 metri che le auto compiono in ZTL…ma la polemica era per il sagrato pieno di auto, in modo ripeto legitimo, o per il passaggio di 2 mnetri in ZTL?
    polemica assolutamente inutile.

    1. Scritto da ps

      Hai ragione: ma poi come ci esci dalla ZTL? O in retromarcia e controsenso o percorrendone un bel pezzo per uscirne…
      Altrimenti schiacci il bottone escono le pale dal tettuccio e via?

      1. Scritto da luca

        guarda, è un problema che mi toglie il sonno la notte sai?
        ma non hai nulla di piu’ interessante da fare che pensare se e come si entra nella ztl e come se ne esce?
        leggi un libro, guarda un film, fatti una vita…

        1. Scritto da walter

          A me non toglie il sonno. Però quante volte si commette un’infrazione e ci si giustifica “per due metri”, si parcheggia nel posto dei disabili “per dieci minuti”, si supera il limite di velocità “cosa vuoi che siano 10Km/h in più”. E’ la mancanza di rispetto delle regole che mi fa paura.

        2. Scritto da Erika

          Se tutti si facessero i cavoli proprio, il mondo sarebbe allo sbando. E’ giusto interessarsi alla vita comune, perchè se ci sono delle regole, vanno rispettate!! Altrimenti togliamo le leggi, togliamo i divieti e i permessi e vivamo come degli animali. Che, a quanto pare, è proprio quello che lei desidera fare

          1. Scritto da Luca

            Dissento totalmente…le leggi devono fare vivere meglio non devono diventare un’ossessione come ormai grazie al web si tende a fare…se qualcuno passa per 2 metri ripeto 2 metri di ztl per arrivare al sagrato…non mi sembra che sconvolga la vita cittadina…

          2. Scritto da ellekappa

            Evidentemente nella zona stadio non ci son regole, basta veder via legrenzi e zone limitrofe , multe una volta all’anno e poi via di parcheggi selvaggi tutte le domeniche , per non parlare di via Cairoli e nelle aree delle case popolari della stessa via , alle direttive dall’alto un po’ come per la chiesa di S.Bartolomeo non si discute !!!

  29. Scritto da roberta

    È da vedere, in ogni caso non quando fa tutt’uno con il marciapiedi passaggio obbligato da cui invece si è costretti a scendere con pericolo causa intasamento auto.
    Stesso discorso per zona franca Cappuccini in via Madonna della neve

  30. Scritto da Riccardo

    Ieri pomeriggio i vigili si sono scatenati in via Torquato Tasso e hanno multato per tutta la via. Mi chiedo perché solo ieri, ma poi ho pensato che sono stati vicino allo Stadio per rimpolpare un po’ le casse comunali, – hanno appena speso qualche soldino nostro per un calendario pre-elettorale, – e non hanno trovato nemmeno un’auto in sosta vietata, nessuna su passaggi carrali privati, nemmeno una macchina sulla Circonvallazione e allora sono andati sul sicuro! Sbaglio o no?

  31. Scritto da sentierone

    molto probabilmente la zona del sagrato è relamente proprietà privata,ma vorrei far notare che per accedervi e uscire si dece entrare in una ZTL……..mi piacerebbe sapere quante multe sono state elevate a questi trasgressori

  32. Scritto da vedovella

    forse da quando hanno cominciato a fare i controlli in via tasso pr la ZTL la gente si trova costretta a parcheggiare lì

  33. Scritto da Davidao

    si, ma non vi potrebbero comunque acedere

  34. Scritto da gutembergem

    Difficile commentare questo fatto, spero che sia adottati i provvedimenti del caso ed in ogni caso un corso di “intensivo di buona educazione” che coloro che portano una divisa, dovrebbero avere! Dovrebbero!

  35. Scritto da Paolo

    Purtoppo esistono le zone franche come quelle citate ,ora però al sottoscritto come a Gino piacerebbe sapere da chi governa la ciittà il perchè intorno al perimetro intorno al tribunale e banca italia è possibile parcheggiare nonostante i divieti .
    Se non si riesce intorno Banca Italia e Tribunale ( luighi che per loro definizione dovrebbero essere posti sotto una stretta vigilinza) a far rispettare le norme …….

  36. Scritto da mao

    Prima di tutto la curia a bergamo può tutto e oltre,detto questo il signore ha segnalato al capetto dei vigili,perchè questo sono vigili,ma cosa pensa che faccia loro nulla,anche se lo stipendio lo paghiamo noi a questi signori,no sospendono e poi richiamano il vigile che indossò il cappello da alpino per rendere omaggio al passaggio di Caprioli,l’area davanti alla chiesa è comunale e non privata.

  37. Scritto da residente

    massima solidarietà.
    Chi abita in centro è abituato a questo atteggiamento della Polizia Locale: se segnali decine di auto in divieto di sosta davanti a certi bar/ristoranti, anche all’interno della ZTL, ti senti rispondere di tutto, ma non li vedi mai intervenire.

  38. Scritto da Paola

    Se i vigili danno le multe ci lamentiamo, se non le danno idem; gli ufficiali hanno fatto bene a prendere il suo nominativo, soprattutto se ha risposto in modo maleducato. Dobbiamo insegnare ai nostri figli ad avere rispetto per le autorità, non è corretto inveire contro i vigili davanti ai figli, altrimenti che rispetto avranno verso le istituzioni?
    Noi genitori siamo soliti spaventarci di fronte a un figlio che piange e ce la prendiamo in modo sproporzionato: questo è un caso tipico.

    1. Scritto da rompi

      Cara Paola il rispetto va MERITATO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Questi due agenti invece non meriterebbero di indossare un uniforme!!!!!!!!!!!!

    2. Scritto da Andrea

      Mi scusi lei è una di quelle mamme che va a prendere i figli fuori da scuola in macchina? Che magari posteggia sul marciapiede perché ci sono altre decine di mamma macchine? Perché tanto sono solo pochi minuti? Perché al giorno d’oggi non si è più sicuri e bisogna bloccare una città? E poi quando vi intervistano volete le domeniche senza auto? In caso contrario le porgo le mie scuse.

    3. Scritto da Matteo

      ma sai leggere?!?!?!??!?!?!?

    4. Scritto da lotty

      Scusi ma lei ha letto bene la lettera? Si direbbe di no.

  39. Scritto da ps

    Vero; peccato che per arrivarci devi entrare in una ZTL.
    La soluzione è una.

  40. Scritto da Andrea

    La mancanza assoluta di un vero capo dei vigili si fa sentire da tempo in città e la colpa non può essere certo data dalla carenza di soldi. Ci sono le solite zone multate dove non puoi fermarti un secondo che ti multano e le solite zone abbandonate come via partigiani CHE RICORDO AL CAPO DEO VIGILI È A DOPPIO SENSO ma da almeno 15 anni a senso alternato per le macchine posteggiate (ma portatele via!!!!) via zelasco in ora di messa e la sera come zona giardini… VERGOGNA!!!

  41. Scritto da il ciclista

    L’uso del sagrato, peraltro sempre aperto e gravato dal transito dei pedoni, verrà chiarito; l’adiacente pista ciclabile però non corre sul sagrato, ma viene metodicamente invasa dalle auto in sosta: “zona franca” anche quella, per la messa, estesa ai furgoni dei corrieri, davanti alla Camera di Commercio?

  42. Scritto da SimoSorisole

    Veramente poco professionali ‘sti due agenti. Peccato perché hanno gettato discredito a tutte le P.L. Li metterei un po’ in anagrafe o in qualche altro ufficio per un po’.

  43. Scritto da mattia privato ma non è che

    si beh allora anche quartier finardi è privato ma non è che si fa quello che si vuole!
    Poi sagrato…. ci pagano l’IMU?
    Allora è anche mio!

  44. Scritto da mattia

    Siamo alle solite…
    E’ questione di buon senso!
    La verità è che a Bergamo (per ogni cosa) ci sono regole che valgono solo per qualcuno, Zone franche o addirittura di serie A e serie B.
    Perchè davanti alla Marianna, alla Banca d’Italia e davanti ai Giardini San Marco è tollerato tutto? Sono per caso zone e bar frequentati da persone di Serie A?
    I vigili non aspettano altro di poter dimostrare che non sta a noi cittadini (benchè da noi stipendiati) rammentargli i loro doveri!

  45. Scritto da Claudio

    Anche a me è successo, in Piazza Pontida e in Città Alta. Non sono arrivati a chiedermi i documenti, ma mi hanno tranquillamente ignorato perché “erano impegnati”. A chiacchierare.

  46. Scritto da nico

    Solidarietà a sig. Cavalli. Purtoppo non otterrà nulla, anzi rischia una multa per turbativa del trantran domenicale di due agenti della polizia locale! Al sig. capo dei vigili sarebbe da chiedere un resoconto delle multe fatte via per via in città, se ne scoprirebbero delle belle: zone franche, zone con segnalatori ascoltati, zone con segnalatori non ascoltati e zone tartassate. La trasparenza aiuterebbe a capire chi comanda il comandante…

  47. Scritto da Alvise

    Se la versione del signor Filippo è veritiera, gli agenti dovrebbero essere richiamati dal Comandante della polizia locale. L’andazzo è purtroppo generale, e riguarda tutti i comparti dell’Amministrazione pubblica: i loro impiegati dovrebbero essere al servizio del cittadino e invece il cittadino per loro sembra quasi un fastidio

  48. Scritto da Marco

    purtroppo è esatta l’affermazione “esistono zone franche”
    provate a passare il martedì sera dopo le 22 in via Stendhal a Bergamo

  49. Scritto da mario59

    Signor Cavalli faccia in modo di avere i nomi dei testimoni, perchè credo che questo articolo su BGNEWS scatenerà delle reazioni..Naturalmente io non ho nulla per ritenere che lei sia dalla parte del torto, la capisco perfettamente e le auguro di ottenere ragione su quanto lei ha pubblicamente dichiarato.
    In tal caso mi auspico che chi di dovere prenda seri provvedimenti nei confronti di chi prende lo stipendio per lavorare e non fa il proprio dovere.

  50. Scritto da Gino

    Ho preso multe per soste … di alcuni minuti.. durante il giorno in centro per motivi di lavoro. Giuste e pagate! Poi passeggio in città e vedo auto sui marciapiedi in prossimità del “Bar i Giardini” la sera, Mai ripero MAI multate. Auto a tutte le ore nei posti auto nell’isola pedonale tra Banca Italia e tribunale…,
    Se vogliamo crescere come comunità è ora che la legge sia uguale per tutti. Per questo Bergamo è diventtata odiosa. E’ molto triste.

    1. Scritto da albo

      scusa ,cel hai coi vigili o coi giardini??????? perché in piazzale della repubblica oltre che i giardini c è una palestra,un cinema,un albergo,un centro analisi,una banca e decine di uffici,e sappi che i vigili passano almeno 250 giorni l anno a multare…….a volte fanno le multe al pomeriggio e poi anche la sera…..questa citta è triste per quelli come te,,,,,,non per le multe

  51. Scritto da giobatta

    notando la stessa situazione di parcheggio in occasione della messa, ho chiesto gentilmente a due vigilesse se il tutto fosse regolare. mi hanno risposto di si’, perche quella delimitata dalle catenelle davanti a s bartolomeo e’ area privata, che viene aperta ad uso dei fedeli motorizzati solo in occasione delle celebrazioni religiose, e poi richiusa

    1. Scritto da fabrizio

      Ma come mai, se l’aere è privata (sic) da qualche giorno sono apparsi paletti, saldamente imbullonati, che impediscono completamente l’accesso alle autovetture????

    2. Scritto da gitantedomenicale

      Infatti in genere l’area antistante alle chiese è sagrato e come tale proprietà privata.

      1. Scritto da Daniele

        Già, ma ciò non legittima il fatto di transitare sul sentierone per raggiungerla.

        1. Scritto da lotty

          La multa val bene una messa! Quindi gliela devono dare, basta con i privilegi!

          1. Scritto da Aladin

            Infatti! Che possano o no è scandaloso che esistano certi privilegi. Poi,che i fedeli vadano un po’ a piedi, che si rinfrancano lo spirito, molto più che infastidendo il prossimo coi loro macchinoni.

      2. Scritto da Frequentatore saltuario

        Peccato che per accedere a quell’area si debba passare tra due cartelli tondi bianchi bordati di rosso che per chi non lo sapesse delimitano una zona a traffico limitato, che per chi non lo sapesse termina alla 18 o 19 ( non ricordo esattamente) di tutti i giorni, quindi seppur il sagrato sia privato li le macchine non ci possono arrivare…

      3. Scritto da viola

        Il sagrato sarà anche proprietà privata, ma le auto ci arrivano da dove? Paracadutate o passando, in entrata, da un accesso a loro non consentito? E come escono? In alcuni casi direttamente dal sagrato su via Tasso, attraversando la ciclabile; tutte le altre volte con manovra sul sagrato e svolta a sinistra su via Tasso o a destra verso il teatro. Sempre, ovviamente, varcando zone interdette al traffico veicolare “normale”…

      4. Scritto da mario59

        Bisogna capire anche se per arrivarci, transitano in ZTL senza permesso.

      5. Scritto da Claudio

        Quello è un marciapiedi,non un posteggio.
        E per accedervi occorre passare per un varco che è vietato alle auto, con tanto di dissuasore mobile (reso inattivo).

        1. Scritto da Ivan

          Il sagrato è indubbiamente privato!! Ma ad uso pubblico!!! Quindi se c’è il cartello non si puó accedere!!!! Quindi dateci un parcheggio!!! Un parcheggio per andare a messa! un parcheggio per andare sul Sentierone! Un parcheggio per SantaLucia! Un parcheggio per lo shopping!! Un parcheggio NON un pulman! Un parcheggio in centro!

          1. Scritto da insomma

            Quattro passi a piedi proprio no, eh?! E poi, in centro i parcheggi ci sono, ma se lo vuoi sottoa la chiesa ti condiglio di parlarne col vescovo.