BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mastrapasqua, l’uomo dei 25 incarichi, si dimette da presidente Inps

Antonio Mastrapasqua, presidente Inps e al centro di una serie di polemiche nell'ultima settimana ha consegnato le sue dimissioni al ministero del Lavoro, Enrico Giovannini. Dopo la lunga lista di incarichi ricoperti e usciti in questi giorni agli onori delle cronache dopo i guai giudiziari relativi all'inchiesta sulle cartelle cliniche gonfiate all'Ospedale Israelitico di Roma di cui lui è direttore generale e dopo la condanna a 10 mesi di reclusione per la falsa laurea che aveva detto di aver conseguito alla Sapienza.

Più informazioni su

Antonio Mastrapasqua, presidente Inps e al centro di una serie di polemiche nell’ultima settimana ha consegnato le sue dimissioni al ministero del Lavoro, Enrico Giovannini. Dopo la lunga lista di incarichi ricoperti e usciti in questi giorni agli onori delle cronache dopo i guai giudiziari relativi all’inchiesta sulle cartelle cliniche gonfiate all’Ospedale Israelitico di Roma di cui lui è direttore generale e dopo la condanna a 10 mesi di reclusione per la falsa laurea che aveva detto di aver conseguito alla Sapienza, Mastrapasqua lascia e come aggiunge il ministro del Lavoro "anche alla luce delle decisioni assunte ieri dal Consiglio dei ministri". Il governo sta accelerando sul processo di una nuova governance dell’Inps e dell’Inail approvando un ddl per disciplinare l’incompatibilità per tutte le posizioni di vertice degli enti pubblici nazionali, prevedendo, per quelli di particolare rilevanza, un regime di esclusività volta a prevenire situazioni di conflitto d’interesse. Antonio Mastrapasqua era presidente dell’Inps dal luglio 2008. Il suo incarico era stato rinnovato dal decreto legge Salva-Italia fino al 31 dicembre 2014 per guidare la fusione in Inps di Inpdap ed Enpals (soppressi dallo stesso decreto). La nomina a presidente dell’Inps segue all’incarico di consigliere di amministrazione per i precedenti quattro anni (2004-2008). Dal luglio al dicembre 2008 e’ stato commissario straordinario del Consiglio di indirizzo e vigilanza (Civ) dell’Inps. Per poco piu’ di un anno (ottobre 2008 – novembre 2009) e’ stato presidente del Comitato di settore degli Enti pubblici non economici (Epne). Rappresenta l’Inps nella partecipata Equitalia, come vicepresidente, ed e’ arrivato a ricoprire fino a 25 incarichi in aziende pubbliche e private, tra cui quello di direttore generale dell’Ospedale israelitico di Roma, per cui e’ indagato dalla Procura di Roma. Classe 1959, sposato, padre di un figlio. E’ stato definito ”un manager privato in prestito alla Pubblica Amministrazione”. Ha conseguito la laurea in Economia e commercio presso l’Universita’ degli studi in Roma ‘La Sapienza’. E’ titolare dello Studio Mastrapasqua di Roma ed e’ iscritto all’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma, al Registro dei Revisori Contabili e all’Ordine Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti. Ha svolto per gruppi industriali e di servizi interventi di risanamento aziendale seguendo gli aspetti finanziari, organizzativi e societari. Nel corso dell’attivita’ professionale ha effettuato lavori di revisione, di natura contabile e fiscale, ed ha svolto consulenza di carattere tributario e societario, nei confronti di aziende industriali o di servizi, di societa’ ed enti pubblici e privati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giogio

    questo è un paese pieno di faccendieri così : un piccolo esempio, avete presente il Bigazzi ? Sì, quello della prova del cuoco : pochi forse sanno che è stato controllore e manager di decine società eni o di sue controllate, spesso in contemporanea, che si prende una (o più) pensione stratosferica e chissà quanto gli danno anche per fare il consulente etnoastronomico …..

  2. Scritto da Pet

    Queste cose che anche i sassi sanno da anni,dovrebbero farci riflettere su quanto siamo caduti in basso. Magari facciamo anche un pensierino a come hanno privatizzato la banca d’italia.

  3. Scritto da emilio

    facile dimettersi ma con che buona uscita??? pio con 25 incarichi fa il cumulo sul 730 che scifo

  4. Scritto da Arets

    Fino a quando si darà addosso alla gente umile che vive del proprio lavoro (per chi ce l’ha) e si sosterranno fantascientifiche posizioni libertarie liberiste questo paese proseguirà nella sua autodistruzione!… Esempi come quelli di mastrapasqua sono segno di un degrado istituzionale…che non giova alle rappresentanze..

  5. Scritto da Marino

    Se non ci fosse stata l’inchiesta sull’ospedale israelitico, avrebbe continuato indisturbato ad occupare contemporaneamente 25 poltrone di direttore o presidente. Adesso, mollato l’INPS, ne occuperà “soltanto” 24…. Ma Napolitano, Letta, e tutti i politici professionisti, dov’erano in questi anni dove si attuavano certe abitudini scandalose? E perché non è automatico, ovvio, che non si possano fare certe cose???

    1. Scritto da Marino Informati

      Entrato nel consiglio di amministrazione inps nel 2004 , nel 2005 consigliere e vicepresidente esecutivo di equitalia. diventato presidente dell’inps nella seconda parte del 2008. Indovina chi era al governo in quegli anni ? Te lo dico io o ci arrivi da solo ? Mi dici che c’entrano Napolitano e Letta ? Al limite Letta è quello che l’ha tolto dalla presidenza !!!

      1. Scritto da Marino

        Un capo del governo che elogia pubblicamente Mastrapasqua per aver compiuto “una scelta saggia”, anziché chiedergli indietro i soldi per aver fatto il parassita statale in questi anni sulle spalle dei contribuenti (che peraltro vedono sempre più scarsa e lontana la loro pensione), è da vergogna! E comunque, tanto per non ammalarsi di eccesso di saggezza, rimane seduto ancora su 24 poltrone contemporaneamente. Credo che certe cose immonde accadano soltanto in Italia… Ma chi difende?….

        1. Scritto da Marino Informati

          Siamo ancora uno stato di diritto , lo sai ? O ha commesso un reato (e paga) o non lo ha commesso. O sei per la legge di Marino ?

          1. Scritto da Marino

            Guarda i conti dell’INPS: anche se non ha commesso reati, ha mandato in rosso l’ente che paga le pensioni ai lavoratori! E lo chiamano saggio…. Diciamo che hai palesato malamente di essere uno di loro. Anche tu succhi dalla vacca pubblica, e ti va bene che non cambi nulla…. Loro non sono mai fuori legge, se le creano da sé per i propri intrallazzi… Oltre alla legge, esiste un buon senso, un’etica, una morale. Stato di diritto? Stato vessatorio coi più deboli!!! E questo è reato!

  6. Scritto da Luca Lazzaretti

    Il fatto è che questi alti dirigenti sono più forti e preparati della classe politica…le dimissioni son dovute agli articoli della Repubblica e alla trasmissione della Gabanelli di 2 anni fa…Sentite l’intervista ad un ignava Elsa Fornero e ad altri politici….e capirete che non c’è storia. Viva la stampa libera!

  7. Scritto da Dispiaciuto

    Spiace che ancora una volta i populisti, che non sono nient’altro che degli invidiosi di chi ha più di loro, abbiano avuto la meglio. I posti di Mastrapasqua (persona eccellente che ho avuto modo di apprezzare) verranno ricoperti adesso da incompetenti devastanti; siete più contenti ora? Zero denaro pubblico in meno. Però così siete contenti. Sfigati

    1. Scritto da wiw

      Mastrapasqua, al di la di qualsiasi cosa, dovrebbe solo fare una cosa: VERGOGNARSI e sparire. Altro che populismo. Si vergogni pure lei.

    2. Scritto da Jeff

      E dell’ospedale israelitico cosa ci racconti ?

    3. Scritto da ASPETTA

      (persona eccellente che ho avuto modo di apprezzare) … vedi prima il pasticcio degli esami e della laurea. Il presidente ed il vice presidente dell’INPS sono per legge rispettivamente “un SINDACALISTA” ed “uno di CONFINDUSTRIA”. Il fondo pensione costituito obbligatoriamente viene gestito da costoro = coi soldi dell’inps: più soldi per cassa integrazione e meno per le pensioni dovute (perchè i soldi sono quelli versati dai pensionandi che ne sono essere gli unici legittimi proprietari).

    4. Scritto da Luca Lazzaretti

      Che il Manipasta sia eccellente non c’è alcun dubbio..per avere tutte queste cariche e nessuno che abbia da obbiettare significa che è veramente in gamba..sul fatto che i posti vengano ora ricoperti da incompetenti devastanti è tutto da dimostrare..potrebbe essere vero benissimo il contrario! Anzi..io personalmente ne son certo.

    5. Scritto da Luca Lazzaretti

      Che il Manipasta sia eccellente non c’è alcun dubbio..per avere tutte queste cariche e nessuno che abbia da obbiettare significa che è veramente in gamba..sul fatto che i posti vengano ora ricoperti da incompetenti devastanti è tutto da dimostrare..potrebbe essere vero benissimo il contrario! Anzi..io personalmente ne son certo.

  8. Scritto da La verità fa male

    L’Italia sarà veramente libera quando si dimetteranno TUTTI i grandi burocrati e grandi banchieri che imperversano da almeno 30 anni da una poltrona all’altra con la massima disinvoltura. E’ necessaria, urgentissima, ancor prima del ricambio dei politici, una sana ramazzata che li spazzi via tutti sostituendoli con una infornata di dirigenti 40-50enni che prendano in mano la situazione e pongano al primo posto la sburocratizzazione e la totale informatizzazione della P.A.

    1. Scritto da Boh!

      Completamente d’accordo. Ma come mai ce ne accorgiamo solo oggi? Quelli che hanno governato fino a ieri erano mammolette ed erano sopraffatti dagli eventi per non accorgersene?

      1. Scritto da giogio

        non ce ne siamo accorti solo ora , è da decenni e decenni che si dice, ma evidentemente ogni popolo ha i governi che si è meritato

  9. Scritto da mario59

    Ma com’è possibile riuscire a seguire in modo adeguato 25 incarichi di responsabilità… ma neanche se una giornata dovesse durare 48 ore sarebbe possibile… però io non ce l’ho tanto con lui quanto con chi si è permesso di affidargli così tanti incarichi..e quel che è peggio, che solo il M5S ha sollevato la questione..tutti glialtri dov’erano?
    Ora speriamo almeno che chi prenderà il suo posto, non debba comunicare agli Italiani che l’INPS è sull’orlo del fallimento.

  10. Scritto da dark

    Come questo non ce ne sono pochi….e questi boiardi di stato super pagati sono combattuti in primis da 5 stelle. DOve sono gli altri partiti??? Letta si sveglia solo ora? ….sono soldi nostri, di TASSE che tutti gli italiani che le pagano hanno versato.

    1. Scritto da Riccardo

      “Letta si sveglia solo ora?”… meno male, perché mi sembra che quelli che hanno governato prima di lui hanno dormito alla grossa.

      1. Scritto da dark

        Contento lei…io neanche un po’.

        1. Scritto da Riccardo

          Io non sono affatto contento, ma chi ha votato lei prima che arrivasse il secondo comico, secondo pregiudicato (per omicidio colposo, appena 3 morti), miliardario con residenza in Svizzera?

          1. Scritto da dark

            Mio caro, io non le chiedo chi vota, personalmente il voto lo assegno informandomi, e non per “bandiera”. E’ lei che “difende” Letta anche se si è svegliato solo ora. Ad ogni modo quello a cui credo lei faccia riferimento (SB) non mi piace ne ora ne 30 anni fa, ne la cultura Fininvest-mediaset per capirci.

          2. Scritto da light

            oltretutto il voto è comunque sempre rispettabile e in buona fede …..
            è che i rappresentanti che eleggiamo spessissimo non sono degni del mandato …..