BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Flash mob a Palafrizzoni “Più donne in Parlamento, democrazia in aumento” fotogallery

Sono il 51% della popolazione italiana, ma rischiano di non essere rappresentate nelle istituzioni. La battaglia per l'alternanza di genere nelle liste elettorali scende in piazza. Di fronte a palazzo Frizzoni, in pieno centro a Bergamo, movimenti e associazioni hanno organizzato un flash mob per sensibilizzare i cittadini sulla rappresentanza femminile in parlamento e non solo.

Più informazioni su

Sono il 51% della popolazione italiana, ma rischiano di non essere rappresentate nelle istituzioni. La battaglia per l’alternanza di genere nelle liste elettorali scende in piazza. Di fronte a palazzo Frizzoni, in pieno centro a Bergamo, movimenti e associazioni hanno organizzato un flash mob per sensibilizzare i cittadini sulla rappresentanza femminile in parlamento e non solo. Donne e uomini hanno indossato cartelli con i due slogan della manifestazione. “Democrazia in aumento con più donne in parlamento” e “Pensaci: le donne sono 30 milioni 688 mila 237 pari al 51%. A sostenere l’iniziativa le deputato Elena Carnevali (Pd) e Pia Locatelli (Socialisti) oltre ai tre candidati alle primarie cittadine del centrosinistra Nadia Ghisalberti, Giorgio Gori e Luciano Ongaro.

“La richiesta, largamente condivisa, era in passato già stata presa in considerazione da parte diverse forze politiche, però col tempo sembra esser stata dimenticata – si legge nell’appello -. Lo slogan dell’associazione si poggia su una cifra: 30,688,237,ovvero il numero delle donne in Italia, che va a toccare il 51% della popolazione totale. Cerchiamo di smuovere l’interesse e il buon senso delle persone, per realizzare ciò che loro definiscono “non una questione di quote, ma un salto di qualità” che dovrebbe permettere l’avanzamento della nostra democrazia”.

Guarda la galleria fotografica

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    Massimo rispetto per le donne .. con la “D” maiuscola !
    Esser costretti ad avere delle donne ..anche no!
    Di incapaci in politica ce ne sono già tanti !

  2. Scritto da Valtesse

    Quando hanno fatto questo flash mob?

  3. Scritto da Zz

    Piu donne,come la Idem,come la De Girolamo o come la Cancellieri? Io di donne cosi,ne vedo a sufficenza in politica.

  4. Scritto da Marino

    Io voglio le quote rosse, un tot di persone nelle istituzioni coi capelli rossi. Quella delle quote rosa è tra le peggiori moine all’intelligenza delle donne: vi mettiamo lì a prescindere, senza nemmeno farvi parlare e conoscere il vostro pensiero….È come dire: siamo obbligati a darvi la patente, anche se non avete dimostrato di saper guidare. È un pochino limitativo, un po’ ruffianesco come metodo per designare dei futuri governanti….

  5. Scritto da Umberto

    la richiesta è legittima, ma se prendiamo come esempio le più in vista negli ultimi tempi, anche presente alla manifestazione,orfana di craxi,mi verrebbe da dire w i maschi

  6. Scritto da tristan

    Gratis anche il 100%

  7. Scritto da giovanna

    Be e se le elette fossero delle capo dei lagher? O delle fasciste, stile Santanchè o la Mussolini, sarebbero donne, ma andrebbero bene lo stesso?
    Ora non vanno discriminate le donne, ma non esageriamo ci facciamo solo la figura delle deficienti.