BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Siglato l’accordo per lo sviluppo della filiera del pioppo

“Finalmente viene riconosciuta formalmente l’importanza che la pioppicoltura riveste per il nostro territorio” – queste le parole del Presidente Antonio Boselli dopo la firma dell’accordo per lo sviluppo della filiera pioppicola avvenuta mercoledì 29 gennaio a Venezia, presso palazzo Balbi, sede della Regione Veneto.

“Finalmente viene riconosciuta formalmente l’importanza che la pioppicoltura riveste per il nostro territorio” – queste le parole del Presidente Antonio Boselli dopo la firma dell’accordo per lo sviluppo della filiera pioppicola avvenuta mercoledì 29 gennaio a Venezia, presso palazzo Balbi, sede della Regione Veneto. L’accordo è stato sottoscritto, oltre che dalla cinque Regioni maggiormente interessate dall’attività pioppicola come Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna, dalle organizzazioni professionali agricole, nello specifico Confagricoltura ha seguito con molta attenzione il percorso che ha portato alla sottoscrizione dell’intesa, dall’Associazione Pioppicoltori Italiani, da sempre vicina alla nostra organizzazione, da FederlegnoArredo, da Assocarda, e dal CRA –Unità di Ricerca per le produzioni legnose fuori foresta.

Obiettivi dell’intesa sono: riconoscere l’importanza della pioppicoltura come materia prima strategica ed incrementare le superfici destinate a pioppo; riconoscere gli aspetti ambientali, paesaggistici e produttivi della pioppicoltura, anche tramite un adeguato sostegno economico (Pagamenti diretti e PSR); prevedere interventi specifici a favore dell’attività pioppicoltura condotta con pratiche colturali sostenibili; far riconoscere ai pioppicoltori i crediti di carbonio e individuare strategie comuni per la regolamentazione dell’attività pioppicola, anche per quanto riguarda la coltivazione all’interno di zone SIC, ZPS e di altre aree protette.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.