BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Professionisti, 6 mesi per dotarsi di bancomat L’obbligo scade a giugno

Si stringono i tempi per commercianti e professionisti: avranno infatti tempo fino a giugno per dotarsi di Pos, il dispositivo elettronico che permette i pagamenti con carte di credito o carte di debito.

Si stringono i tempi per commercianti e professionisti: avranno infatti tempo fino a giugno per dotarsi di Pos, il dispositivo elettronico che permette i pagamenti con carte di credito o carte di debito.

È quanto stabilisce il testo definitivo della proposta di modifica al Decreto Milleproroghe, approvato martedì dalla commissione Affari Costituzionali del Senato e pubblicato per l’esame dell’Aula di Palazzo Madama.

Un rinvio più corto del previsto perchè il termine sembrava dovesse essere il giugno del 2015, così come proposto da Hans Berger (Autonomie) e Andrea Augello (Nuovo Centrodestra) in due identici emendamenti approvati in Senato e motivati dall’intenzione di lasciare a commercianti e professionisti più tempo per adeguarsi all’obbligo: un’ipotesi, però, già tramontata martedì sera quando Sabrina De Camillis, sottosegretario ai rapporti col Parlamento, aveva annunciato al Sole 24 Ore che il rinvio sarebbe stato solamente di 6 mesi.

Un provvedimento che ha mandato su tutte le furie Confesercenti che, tramite una nota, si è scagliata contro la norma: “L’iter del provvedimento sulla moneta elettronica assomiglia sempre di più a un balletto: prima dal Governo arriva l’annuncio che l’obbligo scatterà fra 60 giorni, poi viene approvato un emendamento che rinvia la data al giugno 2015, con una deroga di 18 mesi. Ma anche l’emendamento viene modificato, e il testo di oggi riduce a solo 6 mesi il periodo di deroga dell’obbligo. Meglio di niente, ma le imprese avrebbero diritto a maggiore chiarezza”.

“Soprattutto – continua – occorre correggere il provvedimento in modo che tenga conto dei gravi oneri da sostenere, dall’attivazione Pos alle commissioni su ogni transazione, e della specificità di alcune imprese. Gli esercizi caratterizzati da pagamenti di piccola entità – come i gestori carburanti, i tabaccai, gli edicolanti, i bar ed altri – vedranno infatti il proprio margine dimezzarsi o azzerarsi, andando addirittura in rosso. E’ il caso dei servizi di pagamento di bollette e canoni offerto dai tabaccai, ad esempio, che diventerebbero per l’imprenditore una spesa, e non un guadagno: dovrebbero infatti pagare per accettare bancomat o carte più della loro commissione per l’operazione. L’auspicio è questi 6 mesi di tempo possano essere utilizzati per ripartire meglio fra i soggetti interessati i costi e i benefici derivanti dalla modernizzazione dei sistemi di pagamento: abbattere la spesa legata alla loro implementazione è l’unico modo per aumentarne la diffusione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Con questo stato, con questa amministrazione pubblica e con queste leggi siamo destinati al fallimento, alla miseria e al dolore anche se eliminassimo interamente l’evasione fiscale.I paesi nordici dove pagano il caffè con la carta di redito : 1. non hanno uno stato truffatore come quello italiano 2. usano il contante senza problemi e non lo demonizzano affatto 3. hanno dei servizi sociali veri e un’amministraz. pubb. che non presuppone che tu evadi. O ha le prove o se ne stà zitta.

  2. Scritto da nino cortesi

    Ottimo. Dall’anno prossimo, confrontando i ricavi degli anni precedenti, balzeranno all’occhio tutti quelli che evadevano alla grandissima. Un esempio, i medici che fanno visite private sinora in nero.
    M5* dovrà però mandare a casa Mastrapasqua.

    1. Scritto da Strano

      quela GRANDISSIMA signora che ha 1200 appartamenti avendo evaso tutto allora???
      poi rompono le palle per pagare con pos ma per pagare con questo sistema servono sodi se non ne hai come fai
      SMETTIAMOLA CON I FALSI EVASORI SE VOLESSERO SAPREBBERO DOVE RECARSI A COPO SICURO.

      1. Scritto da mario

        Non preoccuparti che per la Signora c’è il Controllo Fiscale e la Giustizia che controlla, poi pagherà Tutto

        1. Scritto da Sergio

          Mi preoccupo eccome: se la tettoia in onduline e pali di legno di 2 mq di mio zio richiede tremila cavilli per essere in regola, vorrei capire come mai la giustizia (come sostiene lei Mario) a questa signora arriverà dopo aver posseduto e -immagino- gestito fino ad oggi 1200 immobili fantasma… Eccome se mi preoccupo di una giustizia così double-face! Mio zio non parte a piantare un chiodo, senza permessi; come mai alla signora arriverà postuma, la giustizia? Intanto ha lucrato!

    2. Scritto da Paolo

      Poi ci sono sempre quelle zone grigie inspiegabili di borse con 300 mila euro in contanti portate in giro da funzionari o ufficiali dell’Aeronautica (non imprenditori privati)…..

  3. Scritto da bergamasc

    Contrattino tutti insieme con Visa – Mastercard – ecc…le commissioni….ora sono in tanti e lo possono fare.
    Cosa hanno fatto nei paesi nordici dove se vai a pagare in contanti ti guardano male? perchè qui per oni cosa ci deve essere una lamentela?
    Si guardi il lato positivo:ZERO SOLDI IN CASSA ZERO RISCHIO RAPINE!!!!

    1. Scritto da Piero

      Io vedo che siamo sempre più messi in mano alle banche… Anche per mezzo chilo di pane…. Ma se il mondo va così è anche colpa di queste banche e di una finanza sciagurata. Perché imprigionare il cittadino nelle mani di una banca? L’hanno dimostrato di essere squali senza scrupoli: sarebbero questi i moralizzatori dei cittadini contro l’evasione?

  4. Scritto da maverik

    Ma chi non ha il bancomat perchè clandestino come farà a pagare l’avvocato?

    1. Scritto da il polemico

      leilo paga tal kurt erdam,dopo che gli ha regalato la casa…come ha sempre promesso di fare

  5. Scritto da Marco

    Per me può scadere pure ora, io il pos non lo metto perché costa un’enormità e ho 4 sportelli bancomat nel raggio di 1km scarso. Se me lo forniscono GRATIS e senza alcuna spesa quando lo uso posso pensarci

  6. Scritto da nino cortesi

    Ottimo. Così si potranno confrontare gli esercizi precedenti e balzeranno evidenti gli evasori.

  7. Scritto da Paolo

    Il solito provvedimento in direzione della semplificazione della burocrazia….. Come con la PEC: tutti di corsa obbligati a fornirsene (il salumiere, il panettiere, la sarta) per non usarla nemmeno una volta in un anno. Intanto hanno lavorato impiegati pubblici, burocrati e commercialisti. E intanto, si continuano ad abbassare clèr…. Bravi tecnici al timone!