BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Brebemi, deserta la gara per distributori di benzina E’ il primo fallimento”

“Primo fallimento per la Brebemi: deserta la gara per i distributori di benzina”: Legambiente Lombardia, per bocca del suo responsabile trasporti Dario Balotta, torna a porre interrogativi sull'autostrada che collegherà Brescia con Milano attraversando la bassa bergamasca.

Più informazioni su

“Primo fallimento per la Brebemi: deserta la gara per i distributori di benzina”: Legambiente Lombardia, per bocca del suo responsabile trasporti Dario Balotta, torna a porre interrogativi sull’autostrada che collegherà Brescia con Milano attraversando la bassa bergamasca.

“Per la Brebemi è già l’ora del primo fallimento – si legge nella nota di Balotta -, quello della gara per i distributori di benzina. I petrolieri non hanno investito semplicemente perché temono di non veder rientrare l’investimento. E una ragione c’è. Ora infatti esistono due autostrade l’una affiancata all’altra, situazione impensabile fino a qualche anno fa: la A4 e la Brebemi sono parallele, e la Brebemi consente di arrivare da Brescia a Milano solo cinque minuti prima. I costi di costruzioni della nuova autostrada si sono rivelati più alti del previsto, addirittura il triplo. Un miliardo e mezzo di euro in tutto, senza contare gli interessi, per non parlare della ferita recata all’ambiente. 

Ci sono anche problemi specifici: se la nuova autostrada aprisse a luglio il collegamento finale con la tangenziale di Milano, tra Segrate e Melzo, è ancora in alto mare. Dovrebbe eseguirlo la Serravalle, ma finché non sarà realizzato rallenterà il traffico tanto da far perdere ai viaggiatori anche quei cinque minuti che hanno guadagnato scegliendo la Brebemi e non la A4.

I casi allora sono due: o il mercato non crede a questo investimento e allo sviluppo della mobilità su strada, o la Brebemi ha talmente bisogno di soldi, per ripagare i debiti generati dai costi di costruzione, che ha tenuto altissime le commission fee e le royalties sul carburante al punto da scoraggiare tutti i colossi petroliferi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuan de ghisa

    Propongo al Presidente Pirovano (che l’ha voluta) di metterci un distributore padano per sola benzina verde.

  2. Scritto da mario

    Non preoccupatevi che l’Eni ci metterà lo zampino, di benzina gasolio e gas metano e altro , da vendere ne ha tantissimo

  3. Scritto da Ululare alla luna

    ma non ci doveva essere la riorganizzazione dei distributori chiudendone molti????

  4. Scritto da DB

    “Autostrada inutile e quindi non usata” ? Sig. Pezzotta, lei ha mai preso l’A4 al mattino per andare a Milano, tra le 6:30 e le 9?
    “5 minuti di risparmio” ? Questo è tutto da vedere, forse varrebbe la pena specificare in quali orari (non certo al mattino e nel tardo pomeriggio, col traffico pendolare) e per quale destinazione (Sesto o Rozzano?) e magari attendere anche di verificare la situazione del traffico dopo l’apertura!!!

    Quando si dice “parlare per far prendere aria ai denti”….

    1. Scritto da Gaetano Bresci

      I signori Ballotta e Pezzotta, così come tutti coloro contrari alla brebemi, non parlano a vanvera ma si rifanno a studi sulla viabilità condotti da autorevoli esperti universitari che, prendendo atto della difficile situazione viabilistica da lei accennata, non reputano comunque, quella della nuova autostrada, una soluzione logica per varie ragioni. Le pare sensato, invece, attendere l’apertura “per vedere come va” dopo aver speso una barca di denaro e distrutto ettari di territorio ???

      1. Scritto da DB

        Non è sensato attendere l’apertura per vedere come va, ma è sensato attendere l’apertura prima di commentare tout court in senso assolutamente negativo.

  5. Scritto da gio

    verita = purtroppo la maggior paarte delle opere sono faatte solo perche i politic ci magnano soppra
    paghiamo tassse = pizzo legale 805 miliardi l anno
    iniziate a meetere prima un reddito minimo

  6. Scritto da Carlo Pezzotta

    Siccome sanno già che sarà un’autostrada inutile e quindi non usata, chi rischia di spendere soldi per non vendere nulla.