BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Adesso è certificato: il Comune di Atalanta è legato al club orobico

Grazie al lavoro dell'inviato della Rosea Roberto Pelucchi (che ha aiutato gli abitanti di Atalanta a fare luce sulle origini del nome del paese), la cittadina ha ufficialmente riconosciuto il suo legame con la società di Percassi: il nome fu scelto nel 1964, un anno dopo l'impresa dei nerazzurri che vinsero la Coppa Italia.

Proponiamo ai nostri lettori l’articolo pubblicato giovedì 30 gennaio su "La Gazzetta dello Sport" in cui si parla di Atalanta, un piccolo comune brasiliano abitato da coloni italiani (in prevalenza bergamaschi, come si può notare dai cognomi), tedeschi e polacchi che cambiò il suo nome nel 1964. Guarda caso un anno dopo la storica vittoria del club nerazzurro in Coppa Italia. Oggi, grazie al lavoro dell’inviato della Rosea Roberto Pelucchi (che ha aiutato gli abitanti di Atalanta a fare luce sulle origini del nome del paese), la cittadina ha ufficialmente riconosciuto il suo legame col club di Percassi.

Ecco l’articolo completo.

 

di Roberto Pelucchi

"La città fu chiamata Atalanta in onore della squadra di calcio bergamasca che nel 1963 conquistò la Coppa Italia". In occasione delle celebrazioni per i cinquant’anni di fondazione, e dopo mesi di difficili ricerche, il Comune brasiliano è arrivato alla conclusione che l’origine del nome della città è davvero legata alla squadra italiana e al suo miglior risultato (3-1 sul Torino a San Siro con tripletta di Domenghini). Il dubbio l’avevamo messo proprio noi della Gazzetta un anno fa, in occasione di un reportage nella piccola cittadina dello Stato di Santa Catarina, che dista circa 200 chilometri da Florianopolis.

Gli amministratori erano convinti che il nome fosse un omaggio a José Paglioli, ex direttore della società che colonizzò la zona all’inizio del secolo, "che aveva i nonni provenienti da Atalanta, in Italia". Quando però abbiamo fatto notare che non esiste una città italiana con quel nome, ma soltanto una squadra di calcio di Bergamo molto amata e con oltre cento anni di storia, il sindaco Tarcisio Polastri (anche lui con un cognome che tradisce origini italiane) ha voluto vederci chiaro e ha chiesto di indagare. Una ricerca complicata, perché tutti coloro che potevano fare luce sul mistero sono morti.

Il nome, infatti, fu cambiato nel 1964, ma la città venne fondata nei primi anni 30, quando una società di Porto Alegre decise di vendere vasti appezzamenti di terreno a coloni italiani, tedeschi e polacchi. Il paese venne inizialmente chiamato Dona Luiza, poi Serra do Pitoco e soltanto nel 1964 diventò Atalanta.

Oggi nella capitale ecologica dello Stato di Santa Catarina abitano circa 3.300 persone e alcune famiglie hanno cognomi spiccatamente bergamaschi (Pesenti, Corbani, Vavassori). Le nostre informazioni, incrociate con le poche raccolte negli archivi brasiliani e con le testimonianze dei più anziani, hanno convinto Polastri che l’ipotesi più credibile – e forse l’unica possibile – è quella che porta a Bergamo. Così da qualche giorno, proprio in occasione delle celebrazioni per il cinquantenario, il sito del Comune è stato corretto: la storia della città adesso è ufficialmente legata all’Atalanta Bergamasca Calcio e alla vittoria della Coppa Italia del 1963. Un motivo di vanto per il club presieduto da Antonio Percassi e per la città di Bergamo, che la scorsa estate è stata visitata da una delegazione brasiliana (ci fu anche un incontro con il sindaco Tentorio, ma non fu possibile quello con i dirigenti atalantini).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.