BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Paura in un bar del centro “Il ladro mi ha puntato un coltello” – Il video

Attimi di terrore martedì sera per i gestori dello Zes in via Bonomelli 13: un marocchino 26enne durante una rapina ha estratto un coltello. Provvidenziale l'intervento dei carabinieri.

Più informazioni su

Attimi di terrore martedì sera per i gestori del bar-paninoteca Zes in via Bonomelli 13, nel centro di Bergamo.

Intorno alle 22 un uomo, H.M., marocchino di 26 anni, si è introdotto nel locale e ha iniziato a prelevare dal bancone alcuni panini. Uno dei gestori, da dietro il bancone, gli ha quindi intimato di fermarsi. A questo punto il 26enne, in stato alterato da alcolici e droghe, ha estratto dalla tasca del giubbotto un grosso coltello e l’ha puntato contro il barista, che si è messo in salvo scappando e chiudendosi nel retro del locale. Da lì è riuscito a chiamare il 112.

Sul posto è prontamente intervenuta una pattuglia dei carabinieri di Bergamo, che è riuscita a fermare il marocchino e a disarmarlo. Il 26enne, residente a Piacenza, ma di fatto senza fissa dimora e regolare in Italia, è stato arrestato.

Uno dei baristi presenti, Dino Russo, 40enne residente in città, ha raccontato a Bergamonews quei drammatici momenti:

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    A me invece ha fatto karakiri il samurai Napolitano.
    Altro che puntato…

  2. Scritto da ugo

    Questa gente non ha mai avuto una cultura del lavoro,come possono essere risorse future.Imparare un mestiere e farlo fruttare ci vuole volontà, tempo e fatica. Loro hanno solo pretese,esattamente il contrario.

  3. Scritto da beppe

    per lavoro mi capita di girare in macchina per tutta la provincia.be,in tutti i paesi,chi più chi meno,gruppi di marocchini o tunisini,comunque nordafricani,che stazionano fuori dai bar tutto il giorno a “bighellonare” per usare un eufemismo…come è possibile che nessuno faccia niente?lo sa anche mia nonna cosa combinano questi personaggi,e sono sempre tranquilli al loro posto.se non ci svegliamo noi da soli,siamo destinati a finire male…..

    1. Scritto da e si

      Finiremo male,pur di non essere tacciati di razzismo!

  4. Scritto da mark

    Qui regna la crisi Politici sveglia ….Rispediamoli Tutti a casa loro

  5. Scritto da Basta

    Dove sono tutti quelli che pensano che questi signori sono una risorsa,fanno lavori che noi non vogliamo fare,pagheranno le nostre pensioni??? A parte che non è vero,ma anche se lo fosse,quale è il costo sociale che dobbiamo pagare? Ormai la situazione non è piu’ sostenibile!

  6. Scritto da Andrea

    Una bella mazza da baseball è la giusta contrapposizione a chi ti minaccia con un coltello… Oppure una bella bomboletta di vernice… Sa, ho usato la prima cosa che avevo sotto mano… Ero spaventato… Intanto si tiene la faccia rossa per una settimana…

  7. Scritto da giobatta

    un consiglio pratico: acquistate lo spray al peperoncino, quello omologato, cioè legale. ed usatelo legalmente, cioè per legittima difesa, allontanandovi subito dall’aggressore e chiamando le forze dell’ordine. se invece ne approfittate per colpire l’aggressore intontito dal peperoncino, questo può essere reato, ed il suo avvocato vi potrebbe chiedere anche i danni in sede civile.

    1. Scritto da Zz

      Un consiglio ancor piu pratico,ed assai meno costoso dello spray al Peperoncino:in ogni super mercato ecc,trovate le bombole di spray contro le Vespe(getto molto lungo fino a 3 metri)costano il giusto,e se spruzzate in pieno viso,fanno il loro lavoro egregiamente… Zz

      1. Scritto da giobatta

        se non sono omologate, potresti avere guai civili e penali, sai come funzionano le cose in italia…

  8. Scritto da REATODICLANDESTINITA'

    chiedere al movimento 5 Stelle che dice NO al reato di immigrazione clandestina. Ma non capiscono che se uno arriva in Italia da clandestino è poi obbligato a delinquere per sopravvivere?
    (ps è un discorso generale, non è detto che il caso in questione riguardi un clandestino)

    1. Scritto da poeret

      on serve il reato di immigrazione clandestina se poi non ci sono controlli e non si fanno rispettare le leggi (in primis verso i politici corrotti) ..sarebbe molto più utile togliere i lreato di clandestinità (che punisce indiscriminatamente tutti e non chi delinque) e raffforzare controlli facendo rispettare la legge (e punendo) chi la trasgredisce.. extracomunitari, italiani (o politici appunto). non è difficile , su può riuscire a capire.

  9. Scritto da marco

    Da uno che ha idee comuniste dico che ci vogliono pene certe per questa feccia perche questi delinquenti alimentano il razzismo !
    Ovvio che rispedirli a casa loro sarebbe il top ma mettetevi nei panni dei loro Paesi di origini … li rivorreste ?

    1. Scritto da mauro

      Fa piacere che le tue idee comuniste nel merito comincino a vacillare. Peccato che sia troppo tardi. Ormai li abbiamo in casa e rispedirli al mittente non è più possibile. Forse dovevamo ( dovevate ) pensarci prima. Ma per quelli che sono in viaggio si è ancora a tempo.

  10. Scritto da mario59

    Purtroppo per alcuni soggetti che commettono reati a danno degli altri cittadini, l’opinione pubblica tende a puntare il dito contro tutti gli immigrati…anche se la maggior parte di loro è gente che vuol vivere in pace e rispetta le nostre leggi.
    Lo stato non è in grado di far fronte a tale problema e questo ovviamente, crea paura e disagio fra la gente, che in molti casi si dichiara contraria all’immigrazione giustificando con fatti come questo, il proprio modo di pensare.

    1. Scritto da Parlano i numeri

      Secondo i dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), si contano oggi 22.770 detenuti stranieri, un terzo della popolazione carceraria. ..(gli immigrati sono circa il 7% della polpolazione italiana…). NON E’ RAZZISMO,SONO NUMERI! Ora come disse qualcuno tanto tempo fa bisognava e bisogna fermare l’ afflusso di immigrazione,visto che abbiamo gia 7 MILIONI di disoccupati e delinquenti nostrani! Fare i buonisti non serve.

  11. Scritto da Il Naggio

    Come mai le vittime sono sempre indicate con nome e cognome mentre gli aggressori solo con le iniziali?

    1. Scritto da 081

      Me lo chiedo anche io

      1. Scritto da Paolo

        Sono d’accordo con voi: è sintomatico dell’attenzione posta in questo paese verso i delinquenti e non verso gli onesti…

  12. Scritto da Giovanni A.

    visti gli ultimi articoli sulla sicurezza e scarsità di Agenti di Polizia di cosa ci stupiamo? è quello che si vuole, la verità è questa. Le soluzioni ci sono.

  13. Scritto da chiaro

    Secondo i dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), si contano oggi 22.770 detenuti stranieri, un terzo della popolazione carceraria. ..(gli immigrati sono circa il 7% della polpolazione italiana…). NON E’ RAZZISMO,SONO NUMERI! Ora come disse qualcuno tanto tempo fa bisognava e bisogna fermare l’ afflusso di immigrazione,visto che abbiamo gia 7 MILIONI di disoccupati e delinquenti nostrani! Fare i buonisti non serve.

  14. Scritto da benito

    bene andiamo avanti casi questa è integrazione !!!!!!!!!

  15. Scritto da Vittorio

    Processarlo subito, condannarlo, espellerlo dall’Italia e obbligare il Marocco a fargli scontare la condanna nelle loro carceri pagando tutte le spese. Se una qualsiasi persona si dovesse trovare nel bisogno ci sono associazioni di volontari in grado di distribuire ogni giorno un pasto caldo e dare loro posto caldo dove dormire la notte ovviamente rispettando alcune regole.
    Vittorio