BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Furti nelle case, fermato un 34enne: diffusa la foto della refurtiva

"Magari qualcuno riconosce qualcosa che gli è stato rubato”. Inizia così il post pubblicato nel gruppo di Facebook 'Ladro stop Bergamo', con una foto con la refurtiva recuperata nel corso di un'operazione della Polizia locale che ha portato all'arresto di un marocchino

Più informazioni su

"Magari qualcuno riconosce qualcosa che gli è stato rubato”. Inizia così il post pubblicato nel gruppo di Facebook ‘Ladro stop Bergamo’, in cui è stata resa pubblica una foto con la refurtiva recuperata nel corso di un’operazione della Polizia locale di Bergamo, con la descrizione di come è andata.

“Un 34enne marocchino, L.M. residente a Bergamo, è stato fermato dalla Polizia locale e denunciato per ricettazione, possesso ingiustificato di arnesi da scasso, resistenza a pubblico ufficiale e per le violazioni relative al Codice della strada commesse durante la fuga. Le forze dell’ordine avevano messo nel mirino la sua auto, una Citroen rubata, in seguito a numerosi passaggi sotto gli occhi elettronici delle telecamere delle zone a traffico limitato, specialmente quella di recente attivazione di piazza Pontida.

Il veicolo è stato intercettato agli inizi della scorsa settimana da una pattuglia in via Palma il Vecchio, in direzione del centro: approfittando del semaforo rosso in piazza Pontida gli agenti hanno raggiunto il conducente, e gli hanno intimato l’alt. Dopo un iniziale consenso, però, il 34enne marocchino ha ripreso la propria marcia allo scattare del verde: dopo un breve inseguimento per le vie del centro il conducente ha perso il controllo del veicolo in via Sylva, andando a sbattere contro un paletto parapedonale.

Senza alcun documento, il magrebino è stato condotto al Comando di via Coghetti e poi in Questura per il foto segnalamento. All’interno della sua auto gli agenti hanno rinvenuto, e sequestrato, arnesi da scasso e numerosi oggetti, quali capi d’abbigliamento, borse e portafogli griffati, occhiali, navigatori, lettori mp3 e cellulari per un valore complessivo di 4mila euro, nonché patenti di guida e carte d’identità, probabilmente il bottino di precedenti furti. Il veicolo, poi, è stato restituito al legittimo proprietario". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.