BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fiamme Gialle ai Riuniti Via libera definitivo Tentorio: “Soddisfatto”

La Guardia di Finanza conferma l'impegno a spostare i corsi dell'accademia nell'immensa area lasciata libera dagli ospedali Riuniti. La stretta di mano tra le massime cariche delle Fiamme Gialle, il sindaco Franco Tentorio e i deputati bergamaschi è avvenuta a Roma mercoledì mattina. Nelle nuove strutture saranno trasferiti il triennio, già presente a Bergamo in via Statuto, e il biennio di specializzazione che ora si trova a Castelporziano.

La Guardia di Finanza conferma l’impegno a spostare i corsi dell’accademia nell’immensa area lasciata libera dagli ospedali Riuniti. La stretta di mano tra le massime cariche delle Fiamme Gialle, il sindaco Franco Tentorio e i deputati bergamaschi è avvenuta a Roma mercoledì mattina. Nelle nuove strutture saranno trasferiti il triennio, già presente a Bergamo in via Statuto, e il biennio di specializzazione che ora si trova a Castelporziano.

Grazie a questa operazione le Fiamme Gialle potranno razionalizzare le spese nell’otica di revisione della spesa imposta dallo Stato. L’obiettivo è stato centrato grazie al pressing operato dai parlamentari bergamaschi di tutti gli schieramenti. All’incontro di mercoledì mattina erano presenti Gregorio Fontana, Enrico Piccinelli, Marco Pagnoncelli (Forza Italia), Antonio Misiani, Giuseppe Guerini ed Elena Carnevali (Pd), Pia Locatelli (gruppo misto), Alberto Bombasei (Scelta civica), Cristian Invernizzi e Nunziante Consiglio (Lega Nord) oltre ai sottosegretari Luigi Casero e Alberto Giorgetti.

Cosa prevede il progetto della Guardia di Finanza? L’accademia occuperà dai 90 ai 100 mila metri cubi sui 140 previsti nell’accordo di programma che andrà modificato. Ci sarà spazio per il servizi dedicati al quartiere, come fortemente richiesto dal sindaco Tentorio e dall’amministrazione comunale: impianti sportivi, asilo nido e centro anziani. “Sono soddisfatto – commenta il primo cittadino -. Le Fiamme Gialle hanno deciso di confermare in modo definitivo i primi tre anni e anche gli altri due. Alcuni corsi inizieranno già dal prossimo anno accademico. Dal canto mio ho raccomandato l’attenzione al quartiere e una collaborazione con l’università. Mi è stato risposto che uno dei motivi principali del trasferimento a Bergamo è proprio la futura intesa con l’università”. Il futuro degli ex Riuniti, al palo dopo le aste andate deserte, è stato deciso in pochi mesi grazie all’insistenza dei parlamentari di tutti gli schieramenti. “Sono stati determinanti e devono esserne orgogliosi. E’ la dimostrazione che la città potrebbe fare passi da gigante se non ci fosse sempre la contrapposizione tra i partiti. La politica ha dato prova di efficienza”.

Positivo anche il commento dell’onorevole Antonio Misiani, Pd: "Il progetto dell’Accademia nell’area del vecchio ospedale va avanti spedito e la larga condivisione politica costruita in questi mesi ne è un grande punto di forza. Bergamo può conseguire due obiettivi importanti: accogliere un polo formativo di eccellenza nazionale e sbloccare uno dei nodi urbanistici più delicati della città. Ora va avviata la fase progettuale, puntando al miglior punto di incontro con le esigenze del quartiere di Santa Lucia e dell’Università di Bergamo".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano

    La notizia ha risvolti sicuramente positivi, quantomeno per l’avvio della riqualificazione dell’area. Sarà poi l’amministrazione comunale a dover rivedere la destinazione urbanistica e l’accordo di programma, nell’ottica di far rientrare il più possibile l’area nell’ambito del quartire, evitandone l’isolamento attuale.

  2. Scritto da riccardo

    Visto che ospitiamo l’accademia, perchè non prevedere nel protocollo d’intesa un numero minimo di posti d’accesso ai corsi per i bergamaschi ?

  3. Scritto da mario

    Grande Intervento, propongo per il resto dell’area ex Riuniti un ricovero per anziani, vista la carenza posti nei ricoveri, il tutto a prezzo calmierato

  4. Scritto da ureidacan

    Nonostante la durissima opposizione della Lega ai Riuniti andrà l’accademia della Guardia di Finanza con il corso quinquennale! Bene

  5. Scritto da cives

    Va tutto bene tranne che per le tasche dei cittadini. Mi chiedo se non era più logico tentare di acquistare la sede attuale, già completamente attrezzata, cedendo al privato una porzione dei Riuniti e risparmiando sulla progettazione e ristrutturazione della nuova sede della gdf

    1. Scritto da katia

      le ricordo che le aste per la vendita dei riuniti sono andate deserte. di privati non se ne parla e di Regione lombardia neppure…neppure per Expo osannato

    2. Scritto da katia

      qualcuno ricorda di quel pessimo contenitore Mai usato nè terminato ma eretto per la GDF che già esiste da anni???lo scempio del denaro pubblico!

  6. Scritto da Robot

    Complimenti! Un’altra isola non interrelata con la città. Le risorse, vedi km rosso, erano da indirizzare nella costruzione di una cittadella universitaria, anche riqualificando l’area dei Riuniti.

    1. Scritto da robi

      E’ stata l’università a non volere il vecchio ospedale… al tempo fu la prima scelta dell’amministrazione, ma ricevette un bel due di picche….

  7. Scritto da provocatore

    e i bergamaschi al palo come sempre

  8. Scritto da Luca

    Ottimo! Finalmente per una volta la politica è degna del rispetto di tutti. In questo modo avremo un quartiere vivo, giovane e sicuro!! Il fatto poi di fare impianti sportivi, asilo nido e altro è molto importante. Speriamo sarà davvero così!
    P.S.: non vediamo sempre il pelo nell’uovo!!! Un pò di ottimismo…e se rimaneva deserta l’area!!?? Avanti tutta!! Bravi tutti, bravo Sindaco Tentorio!

    1. Scritto da stefano

      Confermo la totale assenza di iniziativa dell’attuale amministrazione comunale che non ha prodotto un’idea che fosse una. E’ solo rimasta alla finestra ad aspettare che la Regione trovasse qualcuno che comprasse e che i parlamentari si muovessero per trovare un accordo con la Finanza.

    2. Scritto da Davide

      In realtà il comune e Tentorio hanno avuto un ruolo marginale nella vicenda. Il plauso è dovuto alla delegazione parlamentare bergamasca che ha risolto con celerità un problema che si sarebbe potuto trascinare per anni.

      1. Scritto da katia

        CELERITA’? ma per favore! manovrine si celerità NO!

  9. Scritto da mistero

    ma pagheranno L’IMU

  10. Scritto da angilberto

    Bene, questa è una delle pochissime notizie positive e costruttive che ormai si possono leggere nella storia contemporanea di Bergamo. Gli uni contro gli altri non portano da nessuna parte. Vedere a tutti i costi e mettere in risalto solo il lato negativo della questione non porta da nessuna parte. Purtroppo Bergamo è ferma anche per questi motivi e non tanto per la mancanza di denaro…

  11. Scritto da Paolo Locatelli Movimento 5 Stelle Bergamo

    Militarizzata un’area di pregio che per Bergamo, se non fosse stato per il disinteresse quello sì bipartisan, avrebbe potuto avere destinazione diversa e più partecipata. Che ne pensa il quartiere? Chi speculerà ora sull’area che lascerà libera la finanza?

    1. Scritto da francesco

      Si potrebbe riproporre nel frattempo un referendum popolare sulla de-militarizzazione della GdF. Così, in prospettiva. L’area lasciata libera potrebbe invece diventare una meraviglia per lo sport cittadino: piscine, palestra, campi all’aperto, colli…

      1. Scritto da katia

        Referendum? e dove trova i soldi Bergamo?

      2. Scritto da katia

        Referendum? e dove trova i soldi Bergamo?

        1. Scritto da francesco

          Se si vuole, va pensato un poco più in grande: 500mila firme e campagna referendaria nazionale, come fu nel 1980. Sarebbe bello che partisse da Bergamo, dove ci sarà la struttura formativa.