BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

E Nando Pagnoncelli diventa sondaggista anche del Corriere

Nando Pagnoncelli (ospite fisso a Ballarò) con la sua Ipsos aggiunge anche il Corriere della Sera al suo già ricco portafoglio di clienti. Si tratta di una rubrica settimanale che sostituisce quella storica di Renato Mannheimer nei guai con il fisco e la giustizia.

Più informazioni su

Sempre più in alto! Il bergamasco Nando Pagnoncelli (ospite fisso a Ballarò) con la sua Ipsos aggiunge anche il Corriere della Sera al suo già ricco portafoglio di clienti.

Si tratta di una rubrica settimanale che sostituisce quella storica di Renato Mannheimer, sondaggista di riferimento a via Solferino da un decennio. Mannheimer è stato licenziato per via dei suoi guai fiscali: il presidente di Ispo è infati indagato dalla Procura di Milano per associazione a delinquere finalizzata a una frode fiscale da 7 milioni di euro.

Anche senza questo nuovo colpo Pagnoncelli e la sua Ipsos, controllata italiana della parigina Ipsos Sa, guiderebbe una corazzata che supera tutti gli altri per giro di affari, con clienti come Rai, Istat, e multinazionali da Nestlè a Colgate. Più di 34,6 milioni di euro nel 2011, riporta Lanotiziagiornale.it, a cui si aggiungono 15milioni di euro di Ipsos Operations.  

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lotty

    Ottimo commento. Aggiungo però che a me Pagnoncelli non piace, troppo “acqua cheta” che….

  2. Scritto da Marino

    Nando Pagnoncelli è un rispettabile professionista. La mia disamina, voleva però essere più globale e non sulla sua persona: è mai possibile che ci siano in crisi le aziende manifatturiere di beni fruibili e durevoli, e invece prosperino quelle di servizi “optional”, aleatori e non effettivamente necessari (e a volte pure non precisi)? Così come i siti di previsioni meteo, spuntati come funghi ad ogni angolo delle tv e del web, a volte imprecisi. Siamo proprio in un mondo all’incontrario.