BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Remuzzi nel Gotha degli scienziati più influenti al mondo

Giuseppe Remuzzi nel Gotha degli scienziati rimasti in Italia più influenti al mondo. Che sono solo 6, gli italiani, su 400 scienziati del globo individuati da uno studio che utilizza un nuovo metodo di misurazione sviluppato da un gruppo di ricercatori americani.

Giuseppe Remuzzi nel Gotha degli scienziati rimasti in Italia più influenti al mondo. Che sono solo 6, gli italiani, su 400 scienziati del globo individuati da uno studio che utilizza un nuovo metodo di misurazione sviluppato da un gruppo di ricercatori americani.

Lo studio, pubblicato sull’European Journal of Clinical Investigation combina per la prima volta diversi parametri di rilevamento della qualità della ricerca.

Un conteggio che nell’intenzione degli autori consentirebbe una maggiore efficienza nella valutazione, a vantaggio della meritocrazia e di una migliore gestione dei finanziamenti. I sei migliori italiani lavorano quasi tutti in strutture lombarde.

Secondo il nuovo ranking made in Usa, lo scienziato italiano attivo in Italia che guadagna la posizione migliore nella top 400 è Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Irccs Humanitas di Rozzano e docente dell’università degli Studi di Milano.

Con lui spiccano altri 5 nomi di cervelli italiani rimasti a lavorare in patria: oltre Giuseppe Remuzzi, direttore dell’istituto Mario Negri di Bergamo, Antonio Colombo dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Giuseppe Mancia dell’università di Milano Bicocca, Vincenzo Di Marzo del Cnr di Pozzuoli, e Alberto Zanchetti dell’università degli Studi di Milano.

"È interessante notare – commenta Mantovani – che 5 di questi 6 scienziati lavorano in strutture di Milano e Bergamo, a conferma dell’alto livello di ricerca che si conduce da queste parti".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.