BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Olimpiadi di Sochi I paletti per lo slalom sono made in Bergamo

"Abbiamo fornito anche 2mila materassi per assorbire gli urti degli sciatori che finiscono fuori pista" spiega Diego Parigi, uno dei soci della Pmi che ha messo a segno una commessa da 5 milioni

Più informazioni su

Ci sarà anche un po ‘di Bergamo alle prossime olimpiadi invernali in programma a Sochi, in Russia, a partire dal 7 febbraio. Una gruppo di imprese italiane negli ultimi anni ha lavorato nei cantieri olimpici fornendo consulenza, prodotti e materiali per le infrastrutture e le gare, arredi per hotel e centri commerciali realizzati in vista dei Giochi invernali più costosi di sempre: 50 miliardi di euro la stima del budget.

Società italiane di progettazione e d’ingegneria a supporto delle imprese russe che hanno realizzato le opere. Non mancano molte Pmi, individuate per la consistenza e la qualità delle forniture e il cui giro d’affari stimato dal Sole 24 Ore supera i 120 milioni.

Sulle piste della Ski Area le reti di protezione, le transenne e gli altri elementi di segnalazione arrivano da Bergamo. «Abbiamo fornito quasi 130 chilometri di materiali di sicurezza, oltre ai paletti da slalom e 2mila materassi per assorbire gli urti degli sciatori che finiscono fuori pista» spiega Diego Parigi, uno dei soci della Pmi che ha messo a segno una commessa da 5 milioni.

Le piste dell’area di Rosa Kuthor, che ospiteranno le gare di sci alpino, saranno preparate dai 62 battipista della Prinoth (Gruppo Leitner): una commessa da 15 milioni di euro. «È una delle più importanti per noi: siamo riusciti a battere la concorrenza tedesca», racconta soddisfatto Michael Seeber, presidente del Gruppo.

Made in Bolzano, nati in seno al Business Location Südtirol (Bls) che negli anni ha creato un polo di Pmi specializzate nelle tecnologie per la montagna, anche i cannoni da neve della Technoalpin. Toccherà a loro produrre il manto bianco per le piste delle discipline nordiche. «Abbiamo fornito chiavi in mano quasi 250 sistemi – afferma l’area manager Alessandro Rachetti -, mentre un concorrente americano si è aggiudicato quelli per le discipline alpine».

Per gli spostamenti nella Ski Area gli addetti avranno a disposizione 320 tra motoslitte, quad e mezzi elettrici Yamaha, “fornitore ufficiale” dei Giochi voluti da Vladimir Putin. Una dotazione a cui si aggiunge una trentina di motoslitte complete di accessori della vicentina Alpina Snowmobiles. «Vengono utilizzate per il collegamento dei villaggi in quota, possono battere le piste e trasportare fino a dieci persone. È stata sviluppata pure una versione con rampa d’accesso per i disabili», come fanno sapere dalla società.

E un po’ di tricolore sventola anche sul fronte della sicurezza. Fa capo infatti alla Selex Es (Gruppo Finmeccanica), con una commessa da oltre 6 milioni, anche il sistema radio comunicazioni digitali Tetra utilizzato dalle forze di sicurezza e dei servizi di emergenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.