BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Remuzzi e Garattini “Il caso Stamina deve chiudersi in fretta”

Una lettera al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e' stata inviata da quattro fra i piu' noti ricercatori italiani per esprimere ''preoccupazione'' per le dichiarazioni fatte nel corso della trasmissione 'Le Iene' di alcuni giorni fa dal ricercatore Mauro Ferrari, indicato dal ministero alla presidenza del nuovo Comitato su Stamina.

Più informazioni su

Una lettera al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e’ stata inviata da quattro fra i piu’ noti ricercatori italiani per esprimere ”preoccupazione” per le dichiarazioni fatte nel corso della trasmissione ‘Le Iene’ di alcuni giorni fa dal ricercatore Mauro Ferrari, indicato dal ministero alla presidenza del nuovo Comitato su Stamina. La lettera, inviata il 24 gennaio, e’ firmata da Silvio Garattini (direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano), Giuseppe Remuzzi (Istituto Mario Negri di Bergamo), Gianluca Vago (rettore dell’universita’ di Milano) e Alberto Zangrillo (presidente della seconda sessione del Consiglio Superiore di Sanita’).

 ”Caro Ministro, siamo estremamente preoccupati per le prese di posizione del professor Mauro Ferrari che parlando di Stamina ha detto in televisione alle ‘Iene’ che si tratta del ‘primo caso importante di medicina rigenerativa in Italia’ e che questa ‘e’ un’occasione per l’Italia di permettere alla scienza di arrivare prima di tutti in clinica e di essere il traino per il mondo. Il sostegno di chi dovrebbe essere il prossimo presidente della nuova commissione – prosegue la lettera – a programmi televisivi che hanno contribuito a disinformare in spregio a leggi, scienza e buon senso, fa pensare che la vicenda Stamina, che dovrebbe chiudersi il piu’ rapidamente possibile in base a fatti gravissimi che ormai sono sotto gli occhi di tutti, denunciati dalle stesse famiglie e oggetto di interventi giudiziari, possa in qualche modo riaprirsi e tornare a far discutere. Con tutto quello che questo puo’ comportare di danno agli ammalati e al nostro Servizio Sanitario. Le scelte che Lei ha fatto finora con coscienza ci fanno pensare che anche questa volta Lei, Signor Ministro sappia trovare la soluzione giusta. Conti pure sul nostro impegno e sul nostro appoggio in qualunque momento”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luciano Avogadri

    Un grazie a Remuzzi, Garattini, Vago e Zangrillo, ma riusciremo mai ad uscire da questi incubi medioevali?