BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fermato con auto rubata, refurtiva e arnesi da scasso Denunciato un 34enne

Un 34enne marocchino è stato denunciato per ricettazione, possesso ingiustificato di arnesi da scasso, resistenza a pubblico ufficiale e per le violazioni del codice della strada: nella sua auto, rubata, rinvenuti anche capi d'abbigliamento, borse, portafogli e occhiali griffati e diversi gadget tecnologici.

Più informazioni su

Un 34enne marocchino, L.M. residente a Bergamo, è stato fermato dalla Polizia Locale e denunciato per ricettazione, possesso ingiustificato di arnesi da scasso, resistenza a pubblico ufficiale e per le violazioni relative al Codice della strada commesse durante la fuga.

Le forze dell’ordine avevano messo nel mirino la sua auto, una Citroen di nota provenienza furtiva, in seguito a numerosi passaggi sotto gli occhi elettronici delle telecamere delle zone a traffico limitato, specialmente quella di recente attivazione di piazza Pontida.

Il veicolo è stato intercettato agli inizi della scorsa settimana da una pattuglia in via Palma il Vecchio, in direzione del centro: approfittando del semaforo rosso in piazza Pontida gli agenti hanno raggiunto il conducente, e gli hanno intimato l’alt. Dopo un iniziale consenso, però, il 34enne marocchino ha ripreso la propria marcia allo scattare del verde: dopo un breve inseguimento per le vie del centro il conducente ha perso il controllo del veicolo in via Sylva, andando a sbattere contro un paletto parapedonale.

Senza alcun documento, il magrebino è stato condotto al Comando di via Coghetti e poi in Questura per il foto segnalamento. All’interno della sua auto gli agenti hanno rinvenuto, e sequestrato, arnesi da scasso e numerosi oggetti, quali capi d’abbigliamento, borse e portafogli griffati, occhiali, navigatori, lettori mp3 e cellulari per un valore complessivo di 4mila euro, nonché patenti di guida e carte d’identità, probabilmente il bottino di precedenti furti. Il veicolo, poi, è stato restituito al legittimo proprietario.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cinzia Moriggi

    Se fosse stato un italiano avreste messo la foto con nome e cognome .

  2. Scritto da Basta

    Espulsop subito lui e tutti i fessi che difendono e giustificano lui e tutti questi personaggi che ci stanno rendendo la vita impossibile.

  3. Scritto da silvano

    possesso ingiustificato di arnesi per scasso!, perchè se gli arnesi erano giustificati veniva lasciato libero? . senza galera e processi ,espulsione subito .

  4. Scritto da Luca

    E cosa si deve fare per andare in galera???
    Ah…questi ssoggetti sono quelli che dovrebbereo fare i lavori che noi non facciamo e che dovrebbero pagare le nostre pensioni?? Ma c’è ancora qualcuno che ci crede?

  5. Scritto da A.Z. BG

    SOLO DENUNCIATO? Questore,prefetto e magistrati ci sono o ci fanno? Del resto che problemi avranno loro, paghiamo noi il loro stipendio.