BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La rabbia del dg Marino: “Il rigore del Toro? Le immagini sono chiare”

Sono dure le parole del direttore generale dell'Atalanta al termine del match coi granata: "A volte il silenzio è più chiaro di tante altre parole. Livaja? Ha reagito verso chi lo insultava per le sue origini".

Più informazioni su

"Abbiamo fiducia nel sistema arbitrale ma le immagini del rigore dato al Torino parlano chiaro". Sono dure le parole de dg nerazzurro Pierpaolo Marino al termine del match perso dall’Atalanta contro i granata per un calcio di rigore più che discutibile assegnato dopo uno scontro tra Consigli e Cerci: "Colantuono non ha parlato – ha commentato ancora Marino – e ai giocatori abbiamo imposto il silenzio stampa dopo quello che è successo. Le immagini sono a disposizione di tutti, per questo preferiamo che i commenti arrivino da chi è deputato a farlo, non di certo noi. Abbiamo piena fiducia nel sistema arbitrale, per questo non faremo nessuna mossa ufficiale".

Perché il silenzio stampa? "Perché a volte il silenzio è più chiaro di tante altre parole – ha spiegato Marino -. Livaja? Ero seduto di fianco a chi lo insultava e posso dire che ha reagito a chi si prendeva gioco delle sue origini".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da VALY

    GRANDE MARINO

  2. Scritto da Francesco

    Marino vai a lavorare!

  3. Scritto da nino cortesi

    Un sistema marcio e che vuole restare marcio alla luce del sole.

  4. Scritto da solodea

    Come se non parlando e lasciando solamente che gli altri valutino le immagini, qualcosa possa cambiare. Siamo sempre l’ATALANTA e, come sempre, nessuno parlerà di questo. Non siamo la Juve.