BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Domenica nera in montagna 42enne precipita e muore Soccorsi due escursionisti

Gravissimo incidente nella tarda mattinata: a Cassiglio, in Val Stabina, un uomo, Giuseppe Moletta, è precipitato dalla montagna ed è morto. Interventi di soccorso a Valleve e Monte Pora.

Gravissimo incidente nella tarda mattinata di domenica: a Cassiglio, in Val Stabina, un uomo è precipitato dalla montagna ed è morto. Si tratta di Giuseppe Moletta, 42enne di Vedano al Lambro, nel Milanese.

L’uomo era in compagnia di un amico con il quale stava raggiungendo il passo Biaciamorti quando qualcosa è andato storto e Moletta e precipitato in un canalone. Un volo di diversi metri che non ha lasciato scampo all’uomo, morto sul colpo.

L’operazione di soccorso è avvenuta per mezzo dell’eliambulanza di Sondrio, inviata dal 118, con il supporto dei due tecnici CNSAS di turno a San Giovanni Bianco e di una squadra composta da tre operatori appartenenti alla stazione di Valle Brembana. L’infortunio mortale è avvenuto a circa 1200 metri di quota.

Un altro sci alpinista è stato soccorso a Cambrembo, nel comune di Valleve, a un’altitudine di 1650 metri. Nel pomeriggio di domenica lo sportivo ha riportato la sospetta frattura di una caviglia durante un’escursione con un gruppo di amici.

Non è stato semplicissimo soccorrerlo: l’intervento dell’eliambulanza si è reso possibile solo dopo che sono migliorate le condizioni meteorologiche.

L’escursionista recuperato, R. C., è residente in zona.

Impegnati anche sette tecnici della Stazione di Valbrembana.

Un terzo intervento del Soccorso alpino è avvenuto nella zona del Monte Pora, nelle valli sotto il Rifugio Magnolini, per un escursionista in difficoltà: uscito per una ciaspolata, è scivolato, non ha riportato ferite ma non era più in grado di risalire.

Sul posto i due tecnici CNSAS di turno e altri quattro del Centro operativo di Clusone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Loren

    Non bisogna fare di tutta l’erba un fascio.. gli incidenti possono capitare anche ai piu esperti (non ti sto a fare l’elenco), bisogna semplicemente usare la testa.. il problema è che lo fanno in pochi.

  2. Scritto da makio

    Troppa Gente che si mette le ciaspole e fa scialpinismo ed escursioni fuori pista senza la minima esperienza e di come si và in montagna, consiglio di obbligare Tutta Questa Gente a frequentare almeno un corso di base, il C.A.I. ha personale validissimo per poter svolgere questi corsi, altrimenti ogni domenica sarà una tragedia