BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Paolo Aresi presenta: “Il villaggio di Marte” alla libreria Palomar

Sabato 25 gennaio alle 18.15 alla Libreria Palomar, in via Angelo Mai a Bergamo, il giornalista e scrittore Paolo Aresi presenta il suo libro "Il villaggio di Marte" con Fabio Cleto e Bruno Bozzetto.

Più informazioni su

Sabato 25 gennaio alle 18.15 alla Libreria Palomar, in via Angelo Mai a Bergamo, il giornalista e scrittore Paolo Aresi presenta il suo libro "Il villaggio di Marte" con Fabio Cleto e Bruno Bozzetto. Paolo Aresi è uno scrittore particolare nel panorama della fantascienza italiana. Ha vinto vari premi – tra i quali il Premio Urania – ha pubblicato una mezza dozzina di romanzi, quasi tutti di fantascienza. Potrebbe essere considerato uno degli autori più apprezzati, ma si è sempre tenuto ai di fuori dal cono dei riflettori. C’è molto in Paolo Aresi che ricorda Ray Bradbury, l’autore che forse più lo ha ispirato, oltre alla riservatezza: il lirismo struggente, la malinconia, i grandi afflati idealisti verso il futuro e verso lo spazio, la spiritualità sempre presente.In questo libro ne ripercorriamo la carriera in dieci racconti, dieci mappe per esplorare l’affascinante pianeta Aresi. Introduzione di Dario Tonani.

L’AUTORE

Paolo Aresi è nato a Bergamo nel 1958. Laureato in Lettere, giornalista a «L’Eco di Bergamo», ha debuttato nella narrativa con il romanzo di fantascienza Oberon, l’avamposto fra i ghiacci. Nel 1992 ha ottenuto il premio Courmayeur con il racconto Stige. Nel 1995 ha pubblicato Toshi si sveglia nel cuore della notte, un romanzo realistico, dai toni noir. Nel 2004 ha vinto il Premio Urania con Oltre il pianeta del vento. Con Ho pedalato fino alle stelle (Mursia, 2008, due edizioni) è tornato al romanzo realistico con un’opera di sentimenti e passione per la bicicletta. Nel 2010 per l’editore Mursia nella collana di letteratura ha pubblicato il romanzo post-apocalittico L’amore al tempo dei treni perduti. Nel 2011 è apparso in Urania Korolev, appassionato omaggio al “progettista capo” del progetto spaziale sovietico che diventa una sorprendente epopea fantascientifica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.