BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parcheggio nuovo ospedale, “L’unica soluzione è cederlo gratis all’azienda”

Cedere la gestione del parcheggio del nuovo ospedale all'azienda ospedaliera, gratis. Per il presidente della Provincia Ettore Pirovano è “l'unica soluzione percorribile” per cercare di risolvere i problemi che i cittadini lamentano fin dall'apertura della struttura. Soprattutto i costi elevati per lasciare l'auto, ma non solo: pedaggio che scatta al sessantesimo minuto e pagamento anche per chi deve andare alla camera mortuaria.

Cedere la gestione del parcheggio del nuovo ospedale all’azienda ospedaliera, gratis. Per il presidente della Provincia Ettore Pirovano è “l’unica soluzione percorribile” per cercare di risolvere i problemi che i cittadini lamentano fin dall’apertura della struttura. Soprattutto i costi elevati per lasciare l’auto, ma non solo: pedaggio che scatta al sessantesimo minuto e pagamento anche per chi deve andare alla camera mortuaria. Secondo i calcoli della Provincia il ricavo dal 2040 al 2057, allo scadere della concessione alla società BHP, sarebbe di 1 milione e 350 mila euro l’anno. In caso di cessione gratuita all’azienda ospedaliera non si andrebbe incontro al danno erariale.

La proposta è stata valutata in modo positivo dai consiglieri regionali. “E’ andata bene – commenta il presidente Pirovano -. Abbiamo dato risposte esaurienti, sintetiche e complete. Dobbiamo verificare le cifre perché si parla pur sempre di utili teorici. Ma credo che Regione Lombardia dovrebbe far propria questa idea, anche perché è l’unica percorribile”.

Soddisfatto anche Roberto Bruni, consigliere del Patto civico: “Questa, anche a nostro parere, potrebbe essere una soluzione di buon senso e percorribile – afferma il consigliere Bruni –. A questo punto però pensiamo che la Giunta regionale debba intervenire direttamente per coordinare una iniziativa di confronto con la società Bhp volta a determinare un prezzo calmierato per le utenze con maggiori difficoltà. E’ urgente, infine, un confronto con Rfi, Trenord e Teb per la realizzazione della fermata attigua al nuovo ospedale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Peter Anderson

    Sarebbe meglio affidare il parcheggio ad un’azienda privata. i servizi ‘gratis’ non lo sono alla fine fanno lievitare le tasse (ed il debito enorme italiano). Dobbiamo pagare i servizi. La Cascina Gobba probabilmente lavora in perdita e integra il Comune di Milano o la Provincia – quindi più tasse. Il parcheggio è un servizio e va pagato. Per i casi di povertà si faccia un rimborso, ma è meglio che i servizi si paghino e siano gestiti da privati.

  2. Scritto da abetebg39

    Quando ci si reca a Milano per qualsiasi motivo e si parcheggia a Cascina Gobba il costo del parcheggio è irrisorio € 1,60 senza limiti di orario. Agli Ospedali riuniti di Bergamo chi deve assistere un malato per varie ore si trova il portafoglio pulito dai costi che deve sopportare ed inoltre anche alla Camera mortuaria se ti fermi oltre i 10 minuti devi pagare. Questa è l’attenzione verso i cittadini che debbono gestire situazioni particolari e già difficoltose a livello morale.

  3. Scritto da L'ignorante

    Bruni:
    **
    E’ urgente, infine, un confronto con Rfi, Trenord e Teb per la realizzazione della fermata attigua al nuovo ospedale
    ***
    Ma non ci poteva pensare lui quando era sindaco?
    Ha avuto cinque anni per farlo.
    Forse sarebbe stata già pronta all’apertura dell’Ospedale.

    1. Scritto da Roberto Bruni

      Infatti, noi abbiamo incentivato la predisposizione di uno studio di fattibilità, collaborandovi, e poi abbiamo coltivato i contatti arrivando alla firma di un protocollo di intesa che prevedeva che RFI reinvestisse le plusvalenze dell’operazione Porta Sud in infrastrutture in loco, ma poi tutto è stato lasciato marcire.