BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalmine, Orlando ci prova con ‘Progetto Civico’: “Governiamo coi cittadini”

Dopo l'esperienza da consigliere di minoranza Orlando ci prova e sarà il candidato sindaco della neonata lista civica: "Il tempo di vendere per fare cassa è finito, ora servono idee e progetti. Noi ci siamo: se gli elettori ci daranno fiducia faremo vedere che i nostri non sono solo slogan elettorali".

"Coraggiosa, trasparente, innovativa. E sempre disponibile ad ascoltare i cittadini. Questa sarà la mia Amministrazione". Vincenzo Orlando ci prova. Dopo l’esperienza da consigliere di minoranza sarà il candidato sindaco di ‘Progetto Civico’ alle prossime Amministrative di Dalmine. "Non è stata una sorpresa per me, mi aspettavo la proposta dopo tante riunioni – ha confidato Orlando -. Ho subito detto di sì anche se si tratta di una grossa responsabilità perché a Dalmine le cose hanno bisogno di essere cambiate".

Partiamo subito dai progetti: cosa bolle in pentola?

"Non gireremo tanto attorno alle cose: Dalmine ha bisogno di un progetto a lungo termine. E’ finito il tempo di urbanizzare con opere inutili e dannose per fare cassa: questa città e il suo territorio hanno bisogno di essere valorizzati".

La vendita del terreno di via Vailetta aveva scatenato il suo disappunto.

"Esatto. L’Amministrazione Lega-Pdl ha cercato di vendere tutto il possibile, senza capire che le iniziative portate avanti sono state inutili per il territorio ma anche dannose per i nostri commercianti. E’ importante valorizzare il tessuto commerciale all’interno del paese, non fuori. E puntare sui commercianti di casa nostra non vuol dire affidarsi ai grandi marchi".

Crisi e Patto di stabilità sono stati i grandi incubi delle Amministrazioni di tutta Italia. Come pensa di conviverci?

"Crisi e Patto di stabilità hanno creato molti problemi, è vero, per questo le Amministrazioni hanno l’obbligo di puntare sulla programmazione e sui progetti. Come detto, a Dalmine negli ultimi cinque anni si è pensato solo a vendere il vendibile per fare cassa senza pensare a cosa si sarebbe dovuto e potuto fare una volta finiti i beni da liquidare. I gioielli di famiglia si possono anche vendere ma quando finiscono servono idee. E l’Amministrazione Lega-Pdl ha dimostrato di non averne".

Perché un cittadino di Dalmine dovrebbe puntare su ‘Progetto Civico’?

"Perché vogliamo dimostrare di avere una vera logica di programmazione. Pd, Lega Nord e Pdl ormai non sono più credibili, e questo i cittadini di Dalmine l’hanno potuto vedere con i loro occhi in questi ultimi anni. Il nostro è un progetto veramente civico".

Che ruolo avranno i giovani?

"Avranno un ruolo primario. Nelle prime riunioni ho trovato una profonda sintonia e sentito una grane fiducia verso i giovani che ci sono vicini: se gli elettori ci daranno credito potranno vedere che questo rivolto ai ragazzi non è solo uno slogan elettorale".

Prima parlava di un’Amministrazione trasparente: come pensa di rendere conto ai cittadini interessati del lavoro svolto?

"Abbiamo già qualcosa in testa: ogni tre mesi ci presenteremo davanti ai cittadini spiegando cosa stiamo facendo e cosa abbiamo in mente di fare. Una sorta di diario di bordo da cui tutti potranno attingere e in cui tutti potranno aggiungere le proprie idee. Perché il nostro è davvero un progetto aperto a tutti. E poi punteremo forte su internet, sul nostro blog. Ma sarà guardando in faccia le persone che ci mostreremo in tutta la nostra trasparenza: è questa la politica che vogliamo per Dalmine. In programma ora abbiamo tanti incontri prima delle elezioni. Il punto principale sarà l’11 febbraio, quando nella sala civica di viale Betelli presenteremo agli elettori il nostro Progetto Civico".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da udedalmen

    del PD mai: ha tutta l’età per essere stato uno del PCI.

    1. Scritto da Vincenzo Orlando

      Effettivamente l’età c’è, ma non sono stato mai un attivista del PCI.
      Il primo ed unico impegno attivo con un partito è stato dal 2008 al 2012 per l’IDV e mi è bastato.

    2. Scritto da Vincenzo Orlando

      L’età effettivamente c’è, ma non sono stato attivista nemmeno del PCI.
      La prima volta che ho avuto a che fare con un partito in modo attivo è stato dal 2008 al 2012 con l’IDV, mi è bastato.

  2. Scritto da Vincenzo Orlando

    Mai stato attivista del PD. Si sbaglia.

  3. Scritto da Marzio

    Orlando prima era PD, poi Di Pietro e infine ora lista civica. Complimenti per la coerenza. Un altro dei soliti politicanti…