BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ztl in piazza Pontida “Qui i soliti furbetti continuano a parcheggiare”

Da lunedì 13 gennaio si sono accese le telecamere in via XX settembre e in piazza Pontida a Bergamo: Ztl e prime multe, ma il fenomeno dei parcheggi abusivi sembra non essersi arrestato. È quanto denuncia il nostro lettore Claudio Cremaschi che, in una passeggiata domenicale, non ha notato alcun miglioramento dopo la pedonalizzazione dell'area.

Più informazioni su

Da lunedì 13 gennaio si sono accese le telecamere in via XX settembre e in piazza Pontida a Bergamo: Ztl e prime multe, ma il fenomeno dei parcheggi abusivi sembra non essersi arrestato. È quanto denuncia il nostro lettore Claudio Cremaschi che, in una passeggiata domenicale, non ha notato alcun miglioramento dopo la pedonalizzazione dell’area.

“E’ un’uggiosa domenica di gennaio. Passeggio verso piazza Pontida, che, dopo lungo tergiversare, l’amministrazione comunale di Bergamo ha deciso di pedonalizzare, attivando le telecamere all’accesso di piazza Pontida e Largo Rezzara.

Mi sono sbagliato, le auto sono regolarmente posteggiate in tutta la piazza.

Forse qualcuna meno di prima, ma è domenica mattina, i negozi sono quasi tutti chiusi, il tempo piovoso non invita al passeggio. Auto in sosta nella piazza, auto in sosta lungo il lato orientale, davanti ai portici, auto in largo Rezzara, auto ferme lungo via S.Alessandro. Incuriosito mi fermo ad osservare il va e vieni, e da buon ficcanaso controllo i permessi esposti sotto il parabrezza.

Molte auto hanno il permesso di accesso come residenti (che però non autorizza a parcheggiare indiscriminatamente). Una ha il contrassegno dell’Assessorato al Territorio. Alcune esibiscono il pass riservato ai disabili. Naturalmente dalle auto (per lo più SUV o di grossa cilindrata) salgono e scendono persone in buona salute, che entrano ed escono dai bar, dai negozi, o si avviano al passeggio su via XX Settembre.

Passano un paio di pantere della Polizia, mi avvicino e faccio le mie rimostranze. Mi danno ragione, ma non è compito loro, mi suggeriscono di scrivere al Sindaco e alla Polizia Municipale.

Arriva anche un’auto dei Carabinieri. Posteggiano, i militi scendono e si infilano in un bar.

Mi viene il sospetto di essermi sbagliato. Forse hanno ragione loro… giro per la Piazza alla ricerca di un cartello che indichi il divieto di sosta. Non v’è traccia. Anzi no, uno c’è, all’ingresso di piazza Pontida, provenendo da via Broseta. Peccato che l’accesso da via Broseta non sia consentito, essendola strada a senso unico in uscita.

Ne deduco che mi sono sbagliato, e come me tanti che si erano illusi di veder la piazza trasformata in una zona riservata ai pedoni, al passeggio, allo shopping, agli incontri. In realtà tutta la zona è vietata all’accesso delle persone normali, dei cittadini rispettosi delle leggi (e del buon senso). E’ invece diventata una zona autorizzata per il libero parcheggio dei residenti e dei soliti furbetti. Bastava dirlo…”.

Claudio Cremaschi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pex74

    Mi scusi,ma a mè risulta sign #Maurizio che la questura non abbia potere sanzionatorio in materia stradale ma solo la polizia stradale….e comunque cosa centra #Cremaschi nel suo racconto di una mattina domenicale nelle vesti di uno pseudo ausiliario del traffico quello di inserirci i carabinieri che si “infilano”in un bar? mi faccia capire anche loro dovrebbero starsene fuori dalla ztl? mi scusi ancora ma non possono bersi
    un caffè senza essere accusati di imboscarsi da gente come lei?

  2. Scritto da Francesco

    beh, ma ci stiamo ancora illudendo che Bergamo possa vantare uno spazio od alcune via dove le macchine possano non transitare??ma quando mai!! Ieri oltre a Piazza Pontida, nessuno è passato dal sentierone verso metà pomeriggio? Nonostante la pioggia incessante la zona era un parcheggio a cielo aperto con almeno una decina di auto posteggiate, naturalmente, dove non si potrebbe…ci meritiamo la città che abbiamo:più auto, più inquinamento e meno voglia di cambiare. solito insomma

  3. Scritto da Paolo

    Si vede che il Sig. Cremaschi non ha altro di meglio da fare. Sono residente in piazza pontida e le auto posteggiate li sotto non danno alcun fastidio. Ci dobbiamo per forza lamentare di tutto a Bergamo ?

  4. Scritto da Giancarlo

    Vorrei dire al Sig.Cremaschi che anch’io ho un Suv e con regolare tagliando , a volte, parcheggio in P.zza Pontida: cammini senza stampelle ed apparentemente sono vivo: ho solo una brutta forma di Leucemia e limitate aspettative di vita.

    1. Scritto da 081

      Il Cremaschi da potenziale cittadino modello ha fatto la figura dell’avvocatucolo da quattro soldi, facendo uno “scivolone” riguardo ai portatori di handicap. Solidarietà al Sig. Giancarlo.

  5. Scritto da Maurizio

    Doveva insistere con la polizia, non è vero che non è un loro compito, anzi è un loro compito specifico art.12 codice della strada, vengono ancor prima della polizia locale