BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Gandosso la cena popolare di Rifondazione Comunista

L’iniziativa, che propone menù vegetariano e carnivoro, è in programma sabato 25 gennaio. Il ricavato servirà a finanziare le iniziative a carattere ambientalista e le pratiche sociali mutualistiche e di resistenza contro la crisi.

Si terrà sabato 25 gennaio a Gandosso la cena popolare di Rifondazione Comunista. L’appuntamento, organizzato dai Circoli PrC di Valcalepio e Valcavallina, è alle 19.45 al locale Circolo ARCI in via Avis, 10.

Sarà proposto menù vegetariano e carnivoro, con vino prodotto in Valcalepio, con la possibilità, per chi volesse, di arricchire la lista portando un piatto autoprodotto. Il prezzo è a sottoscrizione libera.

Il ricavato servirà a finanziare le lotte ambientaliste e le pratiche sociali mutualistiche e di resistenza contro la crisi (sportelli sociali, lotte anti-sfratto, ecc…). Per l’occasione saranno disponibili le tessere di Rifondazione Comunista 2014.

Per arrivare all’ARCI di Gandosso: salendo da Villongo, appena entrati nell’abitato di Gandosso, girare a sinistra e seguite le indicazioni per “campo sportivo – biblioteca”. Per partecipare basta confermare la propria presenza entro mercoledì 22 gennaio contattando: Claudio Sala (cell. 3338737525), Tiziano Belotti (cell. 3357559628), Tiziano Ghidelli (cell. 3498782624).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da W V.E.R.D.I.

    Bella iniziativa!Come quella che fanno anche quelli di Forza Nuova, solo che se la fanno loro i kompagni hanno da criticare…